Come strutturare la vita intorno alla tua pigrizia

10

Considerando che scrivo di produttività per vivere, spesso sorprende le persone quando dico loro quanto sono pigro. Anche se ho una buona dose di energia quasi tutti i giorni, la verità è che sono una delle persone più pigre che incontrerai. La mia giornata ideale non è fatta di avventure: si tratta di sdraiarsi sul divano a guardare documentari e leggere, mentre mi rimpinzano di abbondanti quantità di cibo da asporto. Essendo una persona senza figli, faccio fatica ad alzarmi dal letto molte mattine, soprattutto nel fine settimana. Anche se il mio fidanzato ama viaggiare per il mondo, io preferirei di gran lunga restare a casa. Se vado da qualche parte, sono più un vacanziere che un viaggiatore. E nei miei giorni liberi, è molto più probabile che mi trovi alle terme che durante un’escursione o un viaggio.

Ecco un piccolo segreto: questa pigrizia è uno dei motivi principali per cui investo nella mia produttività. Diventare più produttivo mi consente di portare a termine il lavoro in meno tempo, il che mi dà più tempo per rilassarmi. Negli ultimi anni ho anche capito come strutturare la mia vita in modo da poter rimanere produttivo, sano e pigro.

Ci sono due passaggi per farlo. Il primo è rendersi conto che la pigrizia è un’arte e che probabilmente non sei pigro in tutto ciò che fai. Il secondo passo è aggiungere una struttura alle cose di cui sei pigro.

Pensa ai limiti della tua pigrizia: di cosa sei pigro e cosa non lo sei. Ad esempio, sono pigro quando si tratta di alzarmi dal letto, mangiare bene e resistere alle distrazioni lavorative. Tuttavia, sono molto meno pigro quando si tratta di lavorare, perché amo quello che faccio.

Dopo aver individuato i tuoi limiti, aggiungi una struttura alle attività che innescano la pigrizia. Questa struttura ti impedirà di indulgere troppo. L’ho fatto in innumerevoli modi:

  • Tengo il telefono e il tablet in un’altra stanza mentre scrivo e leggo. So di essere troppo pigro per alzarmi e giocherellare con loro.
  • La sera prima ho steso i miei vestiti da palestra. Se sono fuori e sono più facili da raggiungere rispetto agli altri miei vestiti, li indosserò e di conseguenza mi allenerò.
  • Mi disconnetto dai miei account Internet—Netflix, social media ed e-mail—perché so che, al momento, sono troppo pigro per riconnettermi. Ho reso le mie password incredibilmente lunghe, quindi digitarle è ancora più grande battaglia in salita.
  • Ho eliminato l’app di posta elettronica del mio telefono perché sono troppo pigro per accedere a Gmail tramite il browser web del mio telefono.
  • So che mangerò qualcosa che è di fronte a me semplicemente perché è lì. Ho iniziato a mettere cartoni di spinaci sulla mia scrivania, quindi è più facile che preparare (o ordinare) qualcosa di meno salutare.
  • Se è il fine settimana, sono spesso troppo pigro per alzarmi dal letto. Quindi dormo con il telefono in un’altra stanza e il mio fitness tracker mi sveglia.
  • Anche se il mio seminterrato è così vicino, è troppo lontano per allenarsi. Tengo un kettlebell vicino alla scrivania dell’ufficio. Una volta che comincio ad allenarmi con esso, sono più motivato a scendere al piano di sotto.
  • Dal momento che sono spesso troppo pigro per andare in palestra, mi ricompenserò con "punti di allenamento". Una volta accumulati abbastanza di questi, posso riscattarli per snack e bevande senza sensi di colpa.

La pigrizia è un’arte ed è del tutto possibile strutturare la tua vita intorno a dove e quando sei pigro. Questo mi ha dato più energia e motivazione e, alla fine, mi ha reso più produttivo.

Fonte di registrazione: alifeofproductivity.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More