I 10 migliori infermieri famosi che hanno fatto la storia

20

La storia dell’assistenza infermieristica è stata un’affascinante serie di colpi di scena. Spesso relegati in una posizione secondaria all’interno della comunità medica, molti infermieri hanno dimostrato di essere crociati per il cambiamento, influenzando la storia. Queste infermiere, ora menzionate nei libri di storia, hanno cambiato il mondo in meglio. Eccone dieci.

10 infermiere più famose della storia:

1 Clara Barton

Clara Barton è una figura ben nota nella storia. Ha iniziato ad essere infermiera a dieci anni dopo che le ferite di un fratello maggiore hanno richiesto cure frequenti. Già incline a svolgere lavori tradizionalmente detenuti da uomini (e insistendo per ricevere la stessa paga), quando la guerra civile è iniziata negli Stati Uniti, Clara si è tuffata nel ruolo tradizionalmente maschile di infermiera, lavorando direttamente in prima linea nella battaglia. Durante una battaglia ha persino sperimentato un proiettile che le lacerava il vestito (ma le mancava) e uccideva l’uomo che stava curando. Alla fine sarebbe stata selezionata per creare il primo ramo della Croce Rossa negli Stati Uniti.

2 Florence Nightingale

Florence Nightingale era per gli inglesi, ma Clara Barton era per gli americani. Già nota come infermiera e viaggiatrice, Florence si è recata in Crimea con un gruppo di donne volontarie per fornire assistenza ai soldati britannici feriti. Inorridita dalle condizioni sul campo, ha fatto pressioni e ha contribuito a creare i primi ospedali da campo moderni, enfatizzando le normative che coprono le condizioni sanitarie e le cure, riducendo le vittime dei soldati feriti da oltre il 40% a circa il 2%. Dopo la guerra fondò la prima scuola infermieristica per donne al mondo (ora parte del King’s College di Londra).

3 Mary Jane Seacole


Mary Jane Seacole era una contemporanea di Florence Nightingale che fornì anche aiuto ai soldati britannici durante la guerra di Crimea. Creola di origine giamaicana (e orgogliosa di esserlo), ha imparato a fare infermieristica come apprendista con sua madre, utilizzando le medicine tradizionali africane e caraibiche insieme alla conoscenza moderna di cose come la teoria del contagio. Ha praticato la medicina in tutto il mondo e si è impegnata nella moderna ricerca scientifica per approfondire le sue conoscenze e abilità. Quando ha tentato di fornire aiuti durante la guerra di Crimea, è stata inizialmente respinta dal governo. Ha quindi utilizzato i propri fondi per recarsi in Crimea e stabilire una casa di recupero per ufficiali britannici. Florence Nightingale avrebbe parlato molto bene del lavoro di Mary. La sua eredità era quella di aprire le porte alle infermiere non bianche nell’Impero.

4 Dorothea Dix


Dorothea Dix odiava il modo in cui trattavamo le persone con malattie mentali. Originariamente un’insegnante, è diventata una studentessa di salute mentale in un’epoca in cui la cura della salute mentale significava "rinchiuderli nel seminterrato". Ha iniziato a fare indagini a livello statale su come le persone "pazze" venivano trattate in tutta la costa orientale degli Stati Uniti, quindi consegnando i suoi rapporti alle legislature statali. Nel 1845 i suoi sforzi furono ricompensati quando il New Jersey divenne il primo di molti stati a investire in un istituto per l’alloggio umano e il trattamento dei malati di mente durante la sua vita.

5 Mary Eliza Mahoney


Mary Eliza Mahoney non avrebbe accettato un no come risposta. Una donna di colore negli Stati Uniti del dopoguerra, ha lavorato al New England Hospital for Women and Children per 15 anni prima di poter finalmente unirsi alla sua scuola per infermieri. Si laureò nel 1905 e iniziò la carriera di rinomata e rispettata infermiera privata. Il suo riconoscimento le ha permesso di aprire la porta agli infermieri neri per ricevere una formazione formale, dirigere una struttura medica (l’Howard Orphan Asylum) e unirsi a quella che ora è conosciuta come l’American Nurses Association. Fu anche una delle prime donne a Boston a registrarsi per votare nel 1920.

6 Lillian Wald


Lillian Wald era inorridita dal modo in cui trattavamo i poveri immigrati. Dopo essere stata chiamata nel 1893 per salvare la vita di una donna che era stata abbandonata da un medico perché non poteva permettersi di pagarlo, Lillian fondò la prima organizzazione di “Public Health Nurses" nel Lower East Side di Manhattan. Questi infermieri della sanità pubblica fornivano assistenza sanitaria sovvenzionata agli immigrati, ai poveri ea chiunque altro non potesse permettersi l’assistenza sanitaria altrimenti. La sua organizzazione originale, l’Henry Street Settlement, continua questo lavoro fino ad oggi.

7 Margaret Sanger


Margaret Sanger era una donna pericolosa. Convinta che le diciotto gravidanze di sua madre avessero contribuito alla morte prematura della donna, Margaret andò sul sentiero di guerra. In un momento in cui la legge Comstock dichiarava oscena qualsiasi informazione sulla salute riproduttiva, teneva conferenze pubbliche, pubblicava circolari e riviste, contrabbandava diaframmi nel paese e forniva assistenza alle donne dopo che gli aborti nel vicolo erano andati male. Margaret sarebbe stata arrestata per questa follia criminale nel 1916. Sarebbe stata dichiarata colpevole, ma una corte d’appello ha stabilito che i problemi di salute delle donne e il controllo delle nascite potevano essere discussi legalmente e distribuiti da personale medico qualificato. Margaret avrebbe continuato a fondare l’organizzazione ora nota come Planned Parenthood.

8 Mary Breckinridge


Mary Breckinridge aveva un approccio molto diverso alla salute riproduttiva delle donne rispetto a Margaret. Mentre prestava servizio come infermiera per l’American Expeditionary Force nella prima guerra mondiale, Mary ha incontrato le ostetriche europee. Si rese presto conto che il loro approccio alla salute riproduttiva delle donne poteva soddisfare le esigenze delle donne che vivono nelle parti più remote degli Stati Uniti. parti più inaccessibili degli Appalachi, consentendo ai pazienti di pagare quanto potevano in qualsiasi modo, compresi i polli o il commercio. Ben presto le infermiere seguirono le sue orme per formare il Frontier Nursing Service nel Kentucky, un’organizzazione che continua ancora oggi.

9 Madre Teresa


Nata nell’impero ottomano nel 1910 come Anjeze Gonxhe Bojaxhiu, Madre Teresa era determinata a prendersi cura delle persone più oppresse e oppresse dell’India. Scambiando l’abito tradizionale della suora con un semplice sari bianco, organizzò una forza dedicata di infermiere suore per fornire assistenza sanitaria ai bassifondi di Calcutta. I suoi pazienti più famosi erano i lebbrosi "intoccabili" a cui nessun altro osava avvicinarsi. Sebbene lavorasse sotto gli auspici della Chiesa cattolica, le cure che forniva erano chiaramente non settarie, con le suore che leggevano il Corano per i musulmani sofferenti e consegnavano l’acqua dal Sacro Gange agli indù morenti. Attualmente 4.500 suore lavorano in 133 nazioni fornendo assistenza compassionevole e non confessionale a coloro che il resto del mondo ignorerebbe.

10 Claire Bertschinger


Claire Bertschinger, a differenza del resto degli infermieri in questa lista, non fa la differenza nel mondo. Con la doppia cittadinanza del Regno Unito e della Svizzera, ha usato il suo status legale come chiave per poter fornire servizi infermieristici in tutte le regioni del mondo devastate dalla guerra. Tuttavia è stato il suo lavoro in una carestia che avrebbe cambiato il mondo. Nel 1984 avrebbe lavorato per fornire aiuto agli affamati in Etiopia. Parte dei suoi compiti era scegliere quali dozzine di bambini su migliaia potevano entrare in un centro di alimentazione per un pasto. Inorridita dal dover decidere essenzialmente chi mangiava e chi è morto di fame, ha rilasciato un’intervista a una troupe della BBC News che ha attirato l’attenzione del cantautore Bob Geldof. Bob avrebbe organizzato il primo di una serie di concerti che alla fine avrebbero raccolto circa un quarto di miliardo di dollari per alleviare la carestia.

Il nome successivo nell’elenco delle infermiere famose :

Gli infermieri continuano a promuovere non solo il benessere medico dei pazienti negli ospedali, ma il benessere sociale delle persone svantaggiate in tutto il mondo. Le attuali sfide dell’assistenza infermieristica, con una crescente carenza di persone qualificate e certificate, stanno costringendo l’infermiere di oggi a innovare e sfidare le attuali strutture sociali nel trattamento dei bisogni di salute delle persone. Che si tratti della crisi dell’HIV in corso in tutto il mondo o dei rischi di diffusione di malattie derivanti dallo scarso accesso all’acqua potabile e dalla crescente urbanizzazione in un mondo sovrappopolato, oggi ci sono infermieri che stanno cercando di cambiare la società in meglio. Col tempo anche loro finiranno per essere aggiunte alle liste che sono popolate da queste dieci donne e dalle tante, tante altre come loro.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More