Rebranding digitale: 10 errori da non commettere una seconda volta

0

Stai prendendo in considerazione la rivitalizzazione del marchio o il re-branding del tuo prodotto, servizio o attività? Il tuo brand non funziona? O il tuo marchio non colpisce più il tuo pubblico di destinazione in modo appropriato?

Se senti la necessità di rivitalizzare il tuo marchio, non dovrebbe essere trascurato e dovrebbero essere presi seri passi per rilanciare la tua attività, in questa era digitale. Detto questo, però, tutti i marchi devono adottare una nuova pelle e sincronizzare la loro visione e missione con le mutevoli tendenze del marketing.

Non avrai mai una seconda possibilità per fare una prima impressione

– Will Rogers

Cos'è il rebranding?

Il re-branding è il processo per dare una sensazione completamente nuova al tuo prodotto o attività consolidata. È una strategia per mantenere le tue competenze chiave e differenziarti dai tuoi concorrenti. La tua "identità di marca" è la combinazione ricca e dinamica di attributi visivi, verbali e sentimentali che parlano per chi sei e cosa fai e precisamente in quali attività sei impegnato. Il modo in cui il tuo marchio influenza il tuo pubblico target e il modo in cui un individuo sente e reagisce nei confronti di un marchio stabilisce una forte "percezione del marchio".

Partendo dall'asset di base come l'intestazione della lettera fino al modo in cui il tuo prodotto è confezionato e commercializzato, siti Web, materiale di stampa (brochure, volantini), biglietti da visita e presenza sui social media, tutto si unisce per costruire la tua strategia di branding e dare una visione olistica al consumatore.

Qual è la necessità di rebranding?

I concetti di rebranding dovrebbero ruotare attorno e rendere giustizia ai tuoi obiettivi di marketing e dovrebbero essere un modo infallibile per ritagliarsi un modo praticabile per un maggiore coinvolgimento del pubblico.

  • Il sito Web e l'identità del marchio di un'azienda dovrebbero connettersi con i clienti a livello emotivo e contribuire a migliorare il ricordo del marchio. Sai che devi rinominare il tuo prodotto o servizio quando i tuoi consumatori non possono collegare il tuo prodotto con l'azienda.
  • Per riprendersi dalla scomparsa della preminenza, dalla riduzione del ROI e dal deterioramento delle vendite, è giunto il momento di rivedere le strategie di branding e correggere le lacune. Le idee di rebranding che ringiovaniscono la tua presenza online attirano l'utente.
  • Modelli incoerenti nel modo in cui i diversi clienti percepiscono la tua azienda richiedono una nuova identità rinnovata che chiarisca le percezioni e ritragga un messaggio unificato sulla visione e la missione dell'azienda. Se il messaggio del tuo marchio non articola la tua offerta in modo sufficientemente chiaro, probabilmente dovrai rivitalizzare il tuo marchio.
  • Con il rebranding, se sviluppato e posizionato strategicamente, offre un modo di fare progressi sostenuti, dando all'azienda il sopravvento per addebitare un premio a tua scelta.
  • Anche gli attacchi della concorrenza non ti causano alcun danno quando il posizionamento e il marchio del tuo marchio sono a posto.

L'evoluzione del marchio è uno strumento di marketing intelligente che aiuta il tuo marchio a rimanere pertinente con il tuo prodotto o servizio. Mentre alcuni ce la fanno abbastanza senza sforzo, altri devono affrontare le critiche e rivisitare le loro strategie di branding. Per assicurarti che il tuo prossimo rebranding abbia successo; evita queste trappole comuni e i famigerati errori di rebranding che possono costarti molto impegno e denaro a lungo termine.

1 Re-branding senza l'elemento di ricerca

Quando pensi di rilanciare il tuo marchio, devi valutare perché è necessario il rebranding? Cosa rappresenta il tuo marchio della tua azienda? L'immagine del tuo marchio dovrebbe essere in stretta armonia con il motto della tua azienda e per questo è necessario effettuare una ricerca di mercato approfondita e completa.

Un esempio appropriato di fallimento del rebranding da cui possiamo imparare una lezione è quello di GAP. Quando GAP ha provato a riprogettare il suo logo, si è rivelata una grande delusione per il mercato di riferimento poiché l'immagine dell'azienda è stata fortemente compromessa dal drastico cambiamento nel design del logo. Cercare di stare al passo con i tempi attuali è sempre auspicabile, ma una lezione definitiva da imparare dallo sfortunato incidente di GAP è che il re-branding è un gioco serio e non ci sono assolutamente scorciatoie. Dovrebbe essere rivoluzionata l'essenza dell'azienda e non solo l'immagine aziendale stessa.

I clienti sono costantemente al posto di guida e sia i clienti attuali che quelli potenziali dovrebbero essere l'ispirazione nella formulazione delle soluzioni. I loro bisogni, desideri, preferenze e comportamento dei consumatori dovrebbero essere la base della tua strategia di branding. Il tuo cliente può creare o distruggere il tuo marchio.

2 Brutalmente ignorando l'equità e l'avviamento del marchio esistenti

Re-branding certamente non significa che la tua brand equity esistente non abbia importanza o sia inutile. Devi valutare con precisione se hai bisogno di un rinnovamento totale o solo di un leggero ritocco nella tua campagna di branding. Non prendere in considerazione l'equità del marchio esistente può essere piuttosto dannoso per il modo in cui un marchio viene visto e percepito. Non è necessario esagerare e seguire semplicemente il gregge quando un piccolo cambiamento farà il necessario. Prima di intraprendere l'importantissimo compito di rivitalizzare l'immagine del tuo marchio, è importante svolgere le necessarie indagini e controlli in background per valutare le esigenze del mercato di riferimento.

I tuoi clienti preesistenti sono una combinazione di clienti fedeli e sleali. Se non mantieni l'attrattiva fondamentale del marchio, potresti finire per perdere la tua preziosa quota di mercato a favore dei tuoi concorrenti.

3 Il marchio è molto più di un semplice pezzo di logo o combinazione di colori

Il logo è rappresentativo dell'immagine e dei processi aziendali. Tuttavia, molto spesso un marchio viene confuso con i suoi simboli fisici: il logo, il nome dell'azienda, la presenza fisica di un sito Web che presenta l'azienda ai clienti o la cultura aziendale. Rifare il simbolo dell'azienda non è la soluzione ideale per alleviare i tuoi problemi, potrebbe anche aggravarli.

I marchi sono una fusione di elementi sia materiali che immateriali. Destinatari, preferenza e percezione del cliente, la loro esperienza rispetto alla natura corporea del sito Web, l'effetto visivo e la sensazione del servizio clienti fornito, i servizi di vendita al dettaglio e gli ambienti Web e il modo in cui il motto dell'azienda viene comunicato al cliente.

Prima di rinominare la tua azienda, ad esempio cambiare il nome del marchio da "Ciplex" a "Coplex" era una decisione logica per la rispettiva azienda. Ci sono voluti molti brainstorming per decidere cosa il nome del marchio avrebbe effettivamente risaltato e avrebbe aggiunto significato al business. Il prefisso ‘co' è stato appositamente aggiunto per evidenziare la co-creazione con i propri clienti e favorire il lavoro di squadra e la collaborazione.

4 Il re-brand racconta una storia in sé

Il re-branding non è un processo casuale ma pone le sue basi su una storia logica ben intessuta che penetra sia nell'ambiente interno che in quello esterno. La storia del rebranding deve essere pratica e delineare uno scenario che renda giustizia alla situazione prevalente e all'esperienza consolidata del marchio e alla percezione del cliente.

Il risultato più grande sta nel fatto che è profondamente scolpito nella mente dei dipendenti interni. Quando abbracceranno l'identità del marchio, la perpetueranno automaticamente in avanti e cammineranno e parleranno del marchio ogni giorno che passerà al pubblico di destinazione. Più credibile è la storia, più facilmente scenderà nella gerarchia e consoliderà l'immagine del marchio sia agli occhi del cliente che del dipendente. La promessa che fai ai clienti dovrebbe essere consegnabile dal dipartimento delle risorse umane al dipartimento finanziario.

5 Branding interno V/s Assunzione di un consulente di branding

Alcune aziende o agenzie creative preferiscono che i loro team creativi interni si mettano al lavoro per ricreare e sviluppare un logo e un marchio che renda giustizia alla visione e alla missione della loro azienda. Ciò rende il processo rapido ed economico. Tuttavia, a pensarci bene, lo sviluppo di un marchio internamente rifletterà i piani e le percezioni interne piuttosto che il modo in cui il pubblico di destinazione vede il tuo marchio.

L'assunzione di consulenti di marca esterni aiuta la tua azienda ad aggiungere un elemento esterno al proprio marchio. Ti darà preziose informazioni su come la tua azienda è vista da una terza parte e su cosa pensano i tuoi potenziali clienti. Quindi, dovresti sempre pensare all'outsourcing piuttosto che rendere il processo personale e centralizzato.

6 Limitarsi al proprio settore

Sì! Devi dare una forte concorrenza al tuo concorrente che opera nella stessa nicchia, ma puoi sempre trarre ispirazione da vari mercati, che hanno anche un po' di somiglianza. Le tecniche di marketing riguardano la creatività e possono essere apprese da qualsiasi buon marketer, indipendentemente dal campo in cui opera.

Seguire religiosamente solo le tendenze del tuo settore può limitare la tua visione e ostacolare la tua crescita non permettendoti di esplorare nuove strade. Durante il rebranding, si consiglia vivamente di socializzare con altri leader di mercato e ottenere feedback su ciò che altri settori stanno implementando per quanto riguarda l'esperienza e l'assistenza ai clienti. L'innovazione e la creatività provenienti da diverse aree possono fare miracoli per la tua strategia di branding.

7 L'idea sbagliata che tu sia troppo piccolo per rinominare

Non sei mai troppo piccolo per cambiare marchio. Potresti essere una start-up o un imprenditore, ma questo non ti considera certamente non qualificato per la necessità di ridisegnare la tua strategia di branding. Man mano che i mercati si evolvono e si verificano cambiamenti nelle preferenze dei consumatori, i marchi devono stare al passo con la concorrenza e mantenere l'appeal, l'interesse e il coinvolgimento dei clienti. Proprio per questo scopo, devono pianificare il posizionamento del loro marchio in modo che i loro sforzi siano diretti nella giusta direzione. Un'azienda, non importa quanto piccola, alla fine diventa qualcosa di sostanziale. Portare il tuo marchio a un livello completamente nuovo e ridefinire la tua esistenza è ciò che ti differenzierà dagli altri.

8 Cattiva amministrazione e negligenza colposa

Tralasciare le basi del branding può essere un grave errore poiché il modo in cui aggiungi gli ultimi ritocchi al tuo sito Web, agli strumenti di marketing e all'ambiente fisico in cui operi è della massima importanza. L'esperienza del marchio è destinata a raggiungere un basso livello se non si tiene conto di tutti i punti di contatto con i clienti durante la progettazione della strategia di rebranding.

Il tuo team dovrebbe essere responsabile e esperto con la conoscenza del mercato e le capacità di gestione dei progetti. La persona responsabile dell'attuazione efficace della strategia di branding dovrebbe avere le competenze e l'intelletto necessari per far sì che il progetto raggiunga la sua destinazione.

Il follow-up è della massima importanza dopo l'implementazione, poiché il servizio clienti aumenta il coinvolgimento, la soddisfazione e la lealtà dei clienti.

9 Una buona idea non arriva necessariamente con un progetto multimilionario

Ovviamente è necessario un investimento iniziale per portare a termine qualsiasi compito impegnativo ma certamente non significa che non possa essere realizzato economicamente. C'è sempre un'alternativa meno costosa per ogni strategia che è un prodotto di agenzie di branding piccole ma di grande talento, professionisti e persone interne estremamente talentuose. A volte studenti universitari molto motivati ​​o start-up di base possono produrre risultati utili.

10 L'inautenticità è il più grande errore di branding

Devi metterti nei panni dei tuoi clienti e cercare di vedere il tuo marchio dal loro punto di vista. In poche parole, l'autenticità è l'atto di essere fedele a chi sei. I tuoi fedeli clienti irriducibili potrebbero anche passare a un altro marchio se non riesci a mantenere la tua promessa. Non esagerare mai troppo ciò che fai e fai promesse pratiche che sono più facili da realizzare e che hanno un elemento di umanità in esso. Fidati di me, vedrai come i tuoi clienti ripongono una fiducia incrollabile nel tuo marchio e consentiranno alle persone di relazionarsi con la tua attività. Cosa c'è di meglio che essere definita un'azienda affidabile e degna di fiducia che potrebbe persino fornire più del previsto? Trasformare il pubblico in sostenitori con questa strategia non sarebbe una sorpresa.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More