Storie SEO spettrali che ti faranno inorridire

0

Oggi è il Giorno dei Morti, una delle festività più popolari e con milioni di ricerche mensili. Ovviamente, questo significa che il Giorno dei Morti deve essere celebrato dalla comunità del marketing in Messico.

Quindi, abbiamo deciso di rendere questo post il più spaventoso possibile.

Dopo molte domande e ricerche con i professionisti SEO, condividerò le storie più terrificanti, le situazioni più orribili che hanno affrontato durante la loro carriera.

Questo post non è solo per intrattenimento, ma anche per ricordare a tutti come un piccolo errore può distruggere tutte le prestazioni SEO di un sito.

Jason Barnard, fondatore di Kalicube

Nel 2013 ho avuto un rigore. Ho passato un anno intero a disattivare migliaia di link spam e ho anche colto l'occasione per ripulire il sito. Eliminazione delle door page, passaggio a SSL e HHTP2, riorganizzazione delle categorie, ottimizzazione delle immagini, aggiunta di altri trucchi.

Dopo 3 mesi, hanno revocato la penalità e 6 mesi dopo abbiamo assistito a un aumento del 10% del traffico mensile.

Un giorno, ho notato che l'account Google +1 era salito alle stelle da 20 a 1.020. Si scopre che il capo era stato frustrato dalla crescita "lenta" e li ha acquistati in un servizio online che pensava avesse una "buona" reputazione.

Pochi giorni dopo, altro rigore.

Torna al primo passaggio.

Jan-Willem Bobbink, fondatore di notprovided.eu

Un cliente ha deciso di aprire un sistema di vendita con la sua piattaforma di e-commerce esistente. Tutti i venditori avevano un profilo e un URL per i loro prodotti.

Successivamente, la piattaforma di e-commerce ha aggiunto nuove funzionalità per ciascun fornitore individualmente. Hanno lanciato con orgoglio la loro piattaforma con 120 fornitori.

Tutte queste nuove funzionalità e pagine dei fornitori hanno aggiunto più di 1 miliardo di nuovi URL per un dominio che aveva 120.000 URL indicizzabili.

Nessuno coinvolto nel progetto ha compreso le implicazioni della nuova configurazione per la SEO e ci sono voluti più di 6 mesi per ripulirla di nuovo.

Clark Boyd, fondatore di Candid Digital

Ho lavorato in un'agenzia il cui "USP" era che utilizzavano liberi professionisti per svolgere le solite attività SEO. Il mio primo progetto è stato quello di coordinare 382 landing page, e tutte dovevano essere lanciate lo stesso giorno per un grande evento.

L'agenzia ha venduto questi progetti tenendo conto che la rete di liberi professionisti poteva svolgere i propri compiti. I liberi professionisti mi hanno consegnato il loro lavoro in tempo, ma il cliente non è rimasto molto impressionato dalla qualità.

No, è stato molto diplomatico. Il cliente lo odiava.

A soli due giorni dal grande lancio, mancavano 382 pagine al nostro obiettivo.

Alla fine, io e un collega lavoriamo contro il tempo per scrivere titoli, descrizioni e molti, molti altri paragrafi.

Non sono sicuro che fosse molto buono, ma almeno era un po' meglio di quello che ci era stato originariamente consegnato…

Adam Connell, fondatore di Blogging Wizard

Quando lavoravo in agenzia alcuni anni fa, io e il mio team abbiamo trascorso più di 3 anni lavorando con un cliente per sviluppare contenuti, collegamenti e aumentare il traffico e il posizionamento.

Un giorno il traffico e le postazioni crollarono. Ho aperto il sito per rivedere il motivo per cui era successo. Il problema era evidente, il blog non esisteva più.

Si scopre che il rappresentante del servizio clienti del tuo host ha "accidentalmente" cancellato l'intero blog, insieme a tutti i suoi backup.

L'impatto è stato molto significativo: più di 400 blog post e contenuti rimossi in un istante. Tutto doveva essere resuscitato dalle gomme nelle e-mail e nei vecchi documenti word.

La lezione: anche se un cliente ti assume solo per lavorare su SEO o contenuti, o anche se ha un'agenzia che gestisce il tuo sito web, assicurati che abbia molti backup di tutto. Davvero di TUTTO.

Rachel Costello, dirigente tecnico SEO di DeepCrawl

Sembrava una giornata qualunque in ufficio, come potevo immaginare che un cliente venisse a dirmi qualcosa che mi facesse venire i brividi?

Una mattina stavo esaminando il rapporto sugli errori di tracciamento in Google Search Console, per un nuovo cliente di e-commerce. Hanno avuto un enorme picco negli errori di tracciamento, da meno di 100 a migliaia.

Ho iniziato a controllare dal sito, categoria per categoria e diversi, se non tutti, avevano solo uno o due prodotti quando nell'ultima revisione erano pieni. Quindi ho controllato il backend nel CMS e ho visto, con mio orrore, che più di due terzi di tutti i prodotti erano stati disattivati ​​anche se c'erano ancora parti disponibili, questo significava che tutte quelle pagine di prodotto che avevamo lavorato duramente per migliorare erano l'invio di 404.

Ho chiamato il cliente non appena abbiamo scoperto cosa era successo. Il cliente mi ha detto: “Il consulente SEO con cui stavamo lavorando in precedenza ci aveva detto che andava bene se disattivavamo i prodotti quando volevamo. Quindi disattiviamo tutti i prodotti stagionali al termine di questo e, se necessario, possiamo rilanciarli con un nuovo URL per visualizzarli sul sito. Va bene se lo facciamo così, giusto?"

Inutile dire che abbiamo subito programmato un corso di formazione per la gestione delle scorte. Tuttavia, il pensiero di tutti quei collegamenti sprecati mi perseguita ancora oggi.

Blake Denman, fondatore di RicketyRoo

Quando ho iniziato con la mia agenzia, stavo ricostruendo un sito web per una piccola impresa in WordPress. Abbiamo integrato la riprogettazione e avremmo migrato il sito più tardi durante la notte.

Durante la migrazione del nuovo sito, si è verificato un errore critico e il sito ha mostrato un errore 500. Ho riprovato e lo stesso risultato. Erano circa le 12:30 e mi sono bloccato, non sapevo cosa fare.

Dalle 12:30 ho ripristinato l'intero sito dal vivo e ho finito tutto alle 5:30

Più tardi ho scoperto qual era il mio errore critico. Anche se ho rivisto le informazioni nel database due, tre e anche quattro volte, ho commesso errori molto piccoli nella password.

Nick Eubanks, fondatore di Dal futuro

Questo è molto semplice, ma costava al nostro cliente un sacco di soldi (milioni di dollari al mese) e tutto ciò causava un collegamento canonico mal posizionato…

Il cliente aveva una pagina interna, proprio nella directory principale che era stata creata per attaccare una parola chiave a corrispondenza esatta con un volume di ricerca mensile di 130.000, ma c'era un collegamento canonico alla home page del sito.

Dopo aver eseguito una scansione del sito una volta identificato, rimuoviamo semplicemente il tag e la pagina è balzata alla posizione 5 (e ora genera letteralmente milioni di dollari di entrate online ogni mese).

Milosz Krasinski, Fondatore, Chili Fruit Web Consulting

Il mio cliente si è rivelato essere un'agenzia di truffe multinazionale. Dato che gestivo anche il tuo web hosting, sono stato in qualche modo coinvolto.

Fortunatamente tutto è stato risolto.

Ron Lieback, fondatore e CEO di Content Mender

Nel 2008, durante il primo anno di Ultimate Motorcycling, abbiamo assunto un'agenzia per migrare il nostro sito Drupal a WordPress. A quel tempo, avevamo circa un milione di visite al mese e il contenuto era più forte che mai.

Dopo la migrazione, le nostre visite sono scese a meno della metà e la SEO Company ha “perso" circa 15.000 URL e 30.000 immagini.

Sì, li hanno persi. Questo è stato spaventoso perché pensavo che l'intero business sarebbe crollato, gli inserzionisti pagavano in base all'esposizione e non potevamo permetterci di fallire.

Quella è stata l'ultima volta che mi sono fidato di un'agenzia, ma mi ha costretto a imparare la SEO da solo, il che mi ha portato dove sono ora.

Quanto alle visite, ci abbiamo messo quasi due anni per recuperarlo, ma la pazienza e la costanza hanno dato i loro frutti e poco più.

Karen Neicy, direttore della strategia di esperienza presso OGK Creative

Ho avuto un cliente il cui sito Web è stato violato per l'utilizzo di alcuni plug-in senza l'aggiornamento.

Si scopre che i collegamenti impiantati sul sito finivano per posizionarli in tutti i tipi di parole chiave per contenuti per adulti, quindi il cliente riceveva traffico da siti molto sgradevoli.

Era un grande marchio e avevamo richieste di conferenze stampa sul motivo per cui apparivano in quei brutti termini di ricerca. Eravamo noi a comandare, ma perché lo cercavi tanto per cominciare?

Ci sono volute settimane per risolverlo, ma abbiamo installato la protezione da malware, rimosso i collegamenti (la maggior parte erano sotto forma di commenti sul blog), modificato i plug-in senza aggiornarli e passati a un certificato HTTPS più sicuro.

Bill Sebald Fondatore di Greenlane

In una vecchia agenzia lavoriamo con un noto marchio di e-commerce.

Sono rimasti immobili nella loro posizione n. 1 per molti, molti anni. (Mi piacerebbe dirti chi è stato, ma non posso ancora, è tutto terribilmente vero!)

Hanno deciso di acquistare il loro concorrente n. 2 in una transazione molto costosa (che era anche irremovibile nelle rispettive classificazioni). È stata una grande storia quel mese negli scambi.

Questo concorrente aveva una parola chiave a corrispondenza esatta come dominio. (L'aggiornamento EMD non era ancora avvenuto). La parola chiave ha avuto più di un milione di ricerche al mese. È stata un'opportunità fenomenale.

Hanno chiesto la nostra opinione su un approccio SEO.

Abbiamo detto: “Loro sono potenti e tu sei potente. Ti consigliamo di mantenere il sito e di continuare il più vicino possibile al suo stato attuale, anche se passi alla tua infrastruttura. Dopotutto, avrai il tuo posto n. 1 e n. 2, questo è un grande vantaggio contro Amazon.

Non hanno seguito il consiglio.

Invece, il sito è stato acquistato e smantellato rapidamente fino a quando Google ha finalmente trovato ben poca importanza nel dominio. È caduto proprio dal primo posto che aveva goduto per più di 10 anni.

Quando gli acquirenti sono tornati e hanno chiesto loro come potevano correggere il loro errore, abbiamo detto loro che il meglio che potevano fare era recuperare lo stato originale. Ma ora era impossibile. L'intero processo era stato stravolto.

Ad oggi, quel dominio è seduto senza un sito collegato. È semplicemente nel portafoglio di un'azienda molto grande. È un dominio che ha molto potere e viene solo sprecato. E questa è la cosa davvero spaventosa.

Deepak Shukla, fondatore di Pearl Lemon

Ricordo di aver iniziato con un'attività che chiamerei Kukumber (un'agenzia) e di aver realizzato alcuni fantastici video che ho pubblicato sul mio sito.

La mia stagista Catherine mi ha detto che voleva "pubblicare i video su altri siti". Una grande idea, ho pensato.

Quello che non sapevo è che ha trovato un caricatore di video multipiattaforma e non ha creato descrizioni originali né ha utilizzato uno spinner di articoli.

E non gli ho chiesto del suo processo né ho considerato che potrebbe non conoscere la differenza tra contenuto duplicato e reinvio di contenuto; oltre al carico massiccio dello stesso contenuto.

In una settimana, i miei video e il mio sito web sono stati schiaffeggiati con una penalità manuale e non siamo riusciti a "Google" Kukumber, né per amore né per soldi.

Ed è così che è iniziata la storia di Pearl Lemon.

Sal Surra, specialista SEO, Angie's List

Ho accidentalmente inserito un tag non indicizzato su un modello per il sito di un'azienda che genera milioni di dollari per impressioni e risultati di ricerca organici.

Poiché abbiamo utilizzato Google Analytics, ci sono voluti un paio di giorni per scoprire cosa era successo e risolverlo. Un problema di un paio di giorni ha provocato perdite multimilionarie.

È stata davvero una brutta giornata, ma fortunatamente sono riuscito a mantenere il lavoro.

Fonte di registrazione: instantshift.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More