10 modi allarmanti che stiamo perdendo le nostre barriere coralline

0

Conosciuta anche come la " foresta pluviale del mare ", le barriere coralline sostengono circa un terzo della vita marina. Queste incredibili strutture sottomarine richiedono molti anni per essere costruite. Sfortunatamente, a causa delle minacce naturali e artificiali, il loro numero oggi sta svanendo a un ritmo molto allarmante. Dai un’occhiata ad alcuni dei modi più allarmanti in cui stiamo perdendo le nostre barriere coralline.

10 Terremoto


Da anni le barriere coralline della laguna del Belize sono sotto l’osservazione di Richard Aronson e del suo team del Florida Institute of Technology. Hanno stimato che le barriere coralline avessero un’età compresa tra 8.000 e 9.000 anni.

Tuttavia, nel maggio 2009, un terremoto di magnitudo 7,3 ha scosso i Caraibi occidentali, dove metà delle barriere coralline sono state devastate. Prima del disastro, le barriere coralline si stavano ancora riprendendo dai danni precedenti dovuti a malattie e sbiancamento dei coralli. Peggio ancora, i coralli non erano saldamente attaccati alle pareti della laguna, quindi gran parte della barriera corallina era stata facilmente distrutta dalla valanga.

Mentre le barriere coralline possono tornare alla ribalta, Aronson e il suo team hanno stimato che potrebbero essere necessari dai 2000 ai 4000 anni prima che possano riprendersi completamente.

9 Cold Snap


A causa del riscaldamento dell’acqua di mare, i coralli sono costretti a espellere le alghe simbiotiche che vivono nei loro tessuti. Questo fa diventare il loro colore bianco, una reazione meglio nota come sbiancamento dei coralli. Mentre lo sbiancamento dei coralli di solito si verifica a causa delle alte temperature, anche le temperature estremamente basse possono innescare questo fenomeno.

La Florida è la patria di una delle più grandi barriere coralline degli Stati Uniti. Ma nel gennaio 2010, lo stato aveva sofferto del freddo più cattivo della storia dal 1940. Ha causato gravi danni ai raccolti, ma soprattutto nelle barriere coralline sottomarine. È stato notato che la temperatura dell’acqua in alcune zone è scesa a un pericoloso 51 ° Fahrenheit.

Quando l’ecologo Diego Lirman e il suo team hanno esaminato il Florida Reef Tract dopo la devastazione, sono rimasti scioccati nello scoprire un alto numero di morti nei coralli. Le barriere coralline hanno subito uno sbiancamento dei coralli su larga scala che ha ucciso molte specie, inclusa la secolare Montastraea.

8 Fuoriuscita di petrolio


L’esplosione della piattaforma petrolifera operata dalla BP vicino al Golfo del Messico ha scioccato il mondo nell’aprile 2010. L’incidente ha ferito molti lavoratori e ha causato una delle peggiori fuoriuscite di petrolio della storia.

Dopo il disastro, gli scienziati sono immediatamente preoccupati per l’effetto dei pennacchi di petrolio nelle barriere coralline sottostanti. Questi pennacchi sono globuli nebulosi formati dalla miscela di petrolio, gas naturale e un disperdente chiamato Corexit. Non galleggiano sulla superficie; piuttosto, si stabiliscono sul fondo del mare.
A causa della mancanza di fondi, non ci sono studi precedenti che spieghino a fondo il pericolo del petrolio e dei disperdenti per la vita marina che vive in acque profonde. Ma gli esperti sono pronti a valutare i possibili danni che possono causare. Credono che i pennacchi di petrolio possano infliggere danni sopprimendo l’apporto di ossigeno, soffocando così i coralli. Credono anche che i pennacchi tossici possano anche distruggere la capacità del corallo di riprodursi.

7 alghe assassine


Le alghe possono sembrare innocue, ma in realtà possono essere mortali per i coralli. Molte specie di alghe killer possono essere trovate nell’Oceano Pacifico e nei Caraibi, inclusa la Chlorodesmis fastigiata. Possiedono alcune sostanze chimiche che una volta rilasciate possono causare lo sbiancamento dei coralli vicini.

Lo scopo della sostanza chimica naturale è incerto, ma gli esperti hanno delle ipotesi. Pensano che le alghe li rilasciano per proteggersi dalle infezioni microbiche. Un altro è che lo usano come arma contro altre alghe. È evidente tuttavia che i coralli reagiscono negativamente se esposti a queste sostanze chimiche.

Poiché stiamo perdendo le nostre barriere coralline a causa di problemi importanti come il cambiamento climatico e la pesca eccessiva, la minaccia aggiuntiva di questo nemico naturale potrebbe persino ostacolare il loro recupero.

6 Micro inquinamento plastico


Un pezzo di plastica gettato in mare può creare seri problemi agli animali acquatici, inclusi i coralli. Le microplastiche sono particelle abbastanza piccole da essere ingerite dagli animali che si nutrono di plancton. Questi minuscoli frammenti sono pericolosi se consumati, poiché sono indigesti.

Per studiare l’effetto delle microplastiche nelle barriere coralline, un gruppo di ricercatori ha prelevato coralli campione dalla Grande Barriera Corallina e li ha posti in un’acqua inquinata dalla plastica. Hanno esaminato i coralli dopo due notti e hanno effettivamente trovato particelle di plastica bloccate nel loro stomaco.

I coralli di solito ottengono il loro cibo dalle alghe che vivono al loro interno, ma si nutrono anche di zooplancton e altri microrganismi nell’acqua circostante. Il fatto che possano anche mangiare particelle di plastica è allarmante. Potrebbe avere effetti negativi sulla loro digestione, che è una minaccia per la loro sopravvivenza. L’inquinamento da micro plastica può colpire vaste barriere coralline che possono essere dannose per l’ecosistema marino.

5 stelle marine mangia corallo


La stella marina corona di spine è forse il predatore numero uno di coralli sulla Grande Barriera Corallina. Sono ricoperti di spine velenose e possono essere ampiamente trovati nella regione indo-pacifica. Per oltre 30 anni, questi invertebrati si nutrono dei coralli sensibili, provocando quasi la metà delle perdite della barriera corallina.

Mentre questi predatori possono aiutare a bilanciare la popolazione di coralli a crescita rapida nutrendosi di loro, un’epidemia di stelle marine è un caso più serio. Durante la stagione della deposizione delle uova, una stella marina femmina può produrre 65 milioni di uova. Le giovani stelle marine possono avere pochi predatori, quindi hanno un’alta probabilità di sopravvivenza fino all’età adulta. Con un’elevata competizione per il cibo, non sorprende che molti coralli finiscano come pasti per questi cacciatori feroci.

Fortunatamente, il governo australiano ha adottato diverse misure, sia a breve che a lungo termine, per controllare i focolai nella Grande Barriera Corallina.

4 Spedizione


Nell’aprile 2010, Sheng Neng 1, una nave da carico cinese, ha preso d’assalto la secca di Douglas presso la Grande Barriera Corallina. Circa quattro mesi dopo, incidenti simili si sono verificati in India, quando tre diverse navi hanno colpito le barriere coralline lungo Mumbai e l’isola di Kavaratti, la seconda barriera corallina più grande delle acque indiane.

L’impatto della nave in collisione è sufficiente a causare gravi lesioni all’habitat marino. Tuttavia, di solito è solo l’inizio del problema. A parte la minaccia immediata di fuoriuscita di petrolio, i tentativi normalmente fatti per salvare la nave a terra sono spesso più distruttivi. Gli atti di ancoraggio, rimorchio o dragaggio possono provocare ulteriori danni ai coralli, a cui potrebbero non riprendersi mai.

Anche i rifiuti alimentari e le acque reflue provenienti dalle navi da crociera sono dannosi per la vita marina. Secondo un rapporto dell’EPA del 2008, questi rifiuti stanno rendendo gli oceani acidi, consentendo la proliferazione di alghe tossiche che possono avvelenare i coralli.

3 Pesca eccessiva


La pesca eccessiva è la principale causa dell’estinzione di molti animali acquatici e forse la minaccia più distruttiva creata dall’uomo per le barriere coralline. Una pesca eccessiva può interrompere l’equilibrio degli ecosistemi marini. Inoltre, i metodi di pesca che vengono utilizzati oggi possono danneggiare gravemente le barriere coralline. Ad esempio, la pesca a strascico può frantumare i coralli in pezzi a causa delle potenti macchine che vengono trascinate lungo il fondo marino per raccogliere i pesci. Anche i coralli vengono raccolti usando il cianuro, quindi possono essere messi negli acquari o serviti nei ristoranti. Anche la pesca con la dinamite è dilagante, dove una singola esplosione può uccidere più creature sott’acqua.

Sebbene possano esistere leggi per contrastare la pesca eccessiva, questa pratica è ancora prevalente. Se non smettiamo di prendere più del necessario, l’estinzione delle barriere coralline potrebbe avvenire molto presto.

2 Rifiuti umani


Le specie di coralli Elkhorn un tempo prosperavano nei Caraibi e nelle Florida Keys, ma una malattia nota come vaiolo bianco aveva decimato il suo numero del 90% nell’arco di 15 anni.

La malattia è stata causata da agenti patogeni mortali chiamati Serratio marcescens. Questi agenti patogeni si trovano normalmente anche sui rifiuti fecali degli esseri umani e di altri animali. La malattia crea macchie bianche che possono distruggere i tessuti del corallo, lasciando il suo scheletro esposto e vulnerabile. I coralli malati sono caratterizzati da un’eccessiva secrezione mucosa, odore pungente e tessuti morti frammentati che si sollevano dal loro corpo. La morte entro le prossime 24 ore è imminente.

La fonte esatta della malattia era stata un mistero per un po ‘di tempo, ma i ricercatori hanno finalmente trovato il colpevole: fosse settiche difettose. Le perdite dai serbatoi sono riuscite a filtrare attraverso le rocce fino all’oceano vicino. Le lumache di mare quindi trasportavano gli agenti patogeni, diffondendo la malattia dal corallo al corallo.

1 Utilizzo della protezione solare


Uno studio recente afferma che ci vorrà solo una goccia di crema solare per causare un enorme sbiancamento nelle barriere coralline più vicine. È dovuto all’ingrediente chiamato ossibenzone, un composto altamente tossico che si trova normalmente nelle lozioni solari prodotte da molte grandi aziende.

L’avvelenamento dei coralli può avvenire in molti modi. Molti turisti possono inquinare l’acqua applicando la crema solare sulla pelle. Quando nuotano, di solito lasciano chiazze di petrolio nell’acqua che può raggiungere le barriere coralline. Le persone che non vanno nemmeno in spiaggia possono danneggiare inconsapevolmente i coralli ogni volta che applicano questi prodotti. Ogni volta che fanno la doccia, i rifiuti vengono normalmente scaricati in un corpo idrico che può essere mortale per la vita marina.

Questa scoperta dimostra che stiamo causando più danni alle barriere coralline di quanto pensassimo. Ma c’è sempre qualcosa che possiamo fare per aiutarti. Per ogni questione ambientale, avere consapevolezza sarà un buon inizio.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More