In che modo i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca

3

I commenti sui blog occupano da tempo una posizione molto importante nei dibattiti sull'ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO). Per chiunque abbia familiarità con l'argomento, dovrebbe essere relativamente facile capire perché.

Nel 2005, Google ha introdotto il tag "nofollow" come risposta parziale allo spam nei commenti. Oggi, il PageRank di Google attira l'attenzione sull'autorevolezza della pagina, che influisce sui backlink dei commenti. Infine, le sezioni dei commenti producono segnali sociali per i motori di ricerca che incidono sulla SEO. Tuttavia, non è un argomento ben definito, come mostreranno spesso i dibattiti.Quindi, esploriamo come i commenti sul tuo blog possono influenzare le classifiche di ricerca e le potenziali linee d'azione.

Commenti sul blog: idee sbagliate e semplificazioni eccessive

Innanzitutto, è fondamentale stabilire una comprensione solida e supportata dai dati di questo argomento. È stato oggetto di un enorme dibattito negli ultimi dieci anni, almeno per una pletora di motivi.

Forse il più significativo risiede negli stessi Google, poiché non hanno mai rivelato completamente i loro algoritmi. Pertanto, molti professionisti hanno dovuto sostituire per anni la conoscenza concreta con stime, previsioni e le proprie ricerche di marketing dei contenuti. A loro volta, molte conclusioni possono essere discutibili, inconsistenti o giustificare un esame approfondito, eppure molte di queste conclusioni circolano oggi su Internet.

Pertanto, per approfondire in che modo i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca, iniziamo affrontando tre idee sbagliate diffuse.

1 "I commenti sul tuo blog non influiscono sulle classifiche di ricerca"

Questa è probabilmente l'affermazione più frequente contro i commenti sui blog. Molti sostenitori di questa affermazione la supportano attraverso ricerche come questo studio di Hubspot sull'argomento.

Ora, etichettare questa affermazione come un'inesattezza o una semplificazione eccessiva non significa assolutamente screditare Hubspot stesso. Dopotutto, in realtà non hanno nemmeno affermato che i commenti sul blog non influiscano sulle classifiche di ricerca. Le loro tre conclusioni sono, testualmente, le seguenti:

  • "Non esiste alcuna correlazione tra il numero di commenti su un post e il numero di visualizzazioni ottenute da quel post."
  • "Inoltre, non c'è alcuna correlazione tra i commenti e il numero di collegamenti ricevuti dal post."
  • "Esiste una correlazione positiva tra visualizzazioni e collegamenti".

Tutte e tre queste affermazioni sembrano essere effettivamente corrette e supportate dallo studio. Tuttavia, nessuna di queste conclusioni dimostra direttamente, o pretende di dimostrare, che i commenti sul blog non influenzino le classifiche di ricerca.

Al contrario, OptinMoster cita un interessante studio di Neil Patel sull'argomento che esplora le classifiche di ricerca. Certo, Neil Patel aveva un campione molto più piccolo di Hubspot. Sembra anche che abbiano utilizzato metodologie diverse e misurato i risultati attraverso altre metriche. Tuttavia, Neil Patel ha identificato che "il 26,7% delle parole chiave classificate su Google proveniva dalla sezione dei commenti".

Inoltre, diversi dipendenti di Google hanno rilasciato dichiarazioni simili nel corso degli anni. Ad esempio, TheSemPost cita Gary Illyes di Google che risponde alle domande sul ranking di ricerca in quanto tale:

"In generale, se vediamo che c'è una comunità sana e fiorente su un sito, questo può essere di grande aiuto."

Pertanto, si può tranquillamente affermare che i commenti sul tuo blog influiscono sulle classifiche di ricerca. In tutta onestà, si potrebbe non conoscere l'esatta portata di questo impatto, ma è falso presumere che non ce ne sia.

2 "I commenti sul tuo blog non generano traffico"

Successivamente, un'affermazione frequente è che i commenti sul blog non generano traffico. Questa è probabilmente più una semplificazione eccessiva, ma è ancora un'affermazione dubbia.

Alcuni potrebbero citare lo studio di Hubspot sopra menzionato per dimostrare questa affermazione. Tecnicamente, isolatamente, sembra essere vero; i commenti da soli non generano traffico. Tuttavia, un contrappunto si trova anche nel suddetto studio di Neil Patel. Dopo aver identificato che le parole chiave nei commenti erano classificate, ha scoperto che il 16% di tutto il traffico proveniva dai commenti.

Accanto a questo argomento, possiamo tornare all'affermazione di Garry Illyes; le community aiutano con la SEO. La correlazione qui dovrebbe quindi essere che i commenti del blog creano fattori SEO-friendly, che a loro volta aumentano il traffico:

  • Una fiorente comunità
  • Segnali sociali attraverso il coinvolgimento
  • Lunghezza e valore del contenuto

Infine, casi di studio sulla correlazione dei commenti al traffico del blog, come questo di ShoutMeloud, dovrebbero confermare questa conclusione.

Pertanto, questa affermazione può effettivamente fuorviare. Si può certamente discutere l'esatta portata dell'impatto dei commenti sulla classifica o se ne valga la pena. Ma i commenti sul blog generano traffico perché influenzano la SEO.

3 "I motori di ricerca trattano i commenti sul tuo blog come parte del contenuto del tuo post"

Infine, anche questa affermazione per i commenti sul blog è molto diffusa. Non è affatto completamente falso; in realtà è per lo più vero. Tuttavia, dalla teoria alla pratica, anch'essa può trarre in inganno.

Sembra che da questa affermazione derivi un malinteso molto comune; che i motori di ricerca trattano i contenuti e i commenti dei blog in modo identico. Ne consegue quindi che si può semplicemente aggiungere il conteggio delle parole dei commenti al conteggio delle parole dei loro contenuti. Non è assolutamente così, come spiega il SearchEngineJournal citando John Mueller di Google:

“Dal nostro punto di vista, vediamo i commenti come parte del contenuto. Inoltre, in molti casi, riconosciamo che questa è in realtà la sezione dei commenti, quindi dobbiamo trattarla in modo leggermente diverso.

Sulla stessa linea, nella sua conversazione di cui sopra, anche Gary Illyes ha differenziato i due, dicendo:

“Si nutre di qualità generale. Dì, c'è un buon contenuto, 5 punti, ottimi collegamenti da pagine fantastiche, 2 punti, una comunità fiorente, 1pt.

Pertanto, possiamo tranquillamente concludere che il conteggio delle parole e i commenti effettivi del contenuto non sono identici. I motori di ricerca in effetti tengono conto dei collegamenti, della qualità e del numero di parole dei commenti, come dimostrano gli studi. Tuttavia, non è la stessa cosa che sommare semplicemente i due conteggi delle parole come se fossero identici. Invece, è molto più sicuro soddisfare semplicemente il numero di parole desiderato all'interno del contenuto stesso senza presupporre la lunghezza del commento. I contenuti più lunghi si classificano meglio, in entrambi i casi, quindi i commenti rimarranno preziosi in questo senso a prescindere.

In che modo i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca

Dopo aver chiarito questi argomenti, potremmo approfondire esattamente come i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca. Le fonti sopra citate, e altre, saranno cruciali qui, mentre colleghiamo teoria e pratica.

1 Commenti sul blog Fornire parole chiave di indicizzazione semantica latente (LSI).

Inizialmente, si possono identificare le parole chiave LSI come un fattore nel modo in cui esattamente i commenti del blog migliorano il posizionamento dei contenuti. Nel suo studio sopra, Neil Patel ha scoperto che una parte delle parole chiave del ranking proveniva dai commenti. Sebbene non le identifichi esplicitamente come parole chiave LSI, dovrebbe sembrare plausibile che lo siano.

Molti presumono che, in sostanza, le parole chiave LSI siano sinonimi o variazioni di parole chiave per le quali il post del blog si classifica. Ad esempio, un post sulle scarpe può scegliere come target parole chiave come "scarpe", "stivali" e "scarpe da ginnastica", ma ci sono molte parole chiave correlate. Pertanto, i commenti che menzionano "scarpe da ginnastica" o "tacchi alti" andrebbero ad aggiungersi alle parole chiave per cui il post si classifica.

È interessante notare, tuttavia, che questo non sembra essere il caso. In effetti, alcuni sostengono che le parole chiave LSI non siano nemmeno "una cosa", come SearchEngineJournal. Altri, come Backlinko, sostengono che lo siano e che abbiano un impatto sulle classifiche.

Tuttavia, prima di discutere se le parole chiave LSI hanno un impatto, queste ultime fanno un punto cruciale su cosa sono. Propongono di essere "termini strettamente legati alla parola chiave target", al contrario dei sinonimi. Pertanto, nell'esempio precedente, "scarpe da ginnastica" e "tacchi alti" non sarebbero LSI per "scarpe"; "corsa", "esercizio" e "allenamento" sarebbero.

Pertanto, i commenti naturali e non spam aggiungerebbero realisticamente LSI al proprio blog. Tuttavia, si può fare ben poco se non attirare un vasto pubblico che lascia commenti lunghi e penetranti che includono LSI. Non è un fattore su cui si può forzare o lavorare attivamente. Si possono, tuttavia, curare i commenti e dare la priorità a quelli che hanno LSI. Tuttavia, anche questo comporta alcuni avvertimenti, come discuteremo di seguito.

2 Lunghezza del contenuto

Successivamente, l'aumento della lunghezza del contenuto influisce sul modo in cui i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca. Le fonti sopra citate dovrebbero stabilire che i commenti aumentano effettivamente la lunghezza del contenuto, anche se non sono identici.

Che la lunghezza del contenuto influenzi la SEO, e quindi le classifiche di ricerca, è ben documentata. Ecco da dove deriva la "parola d'oro che conta" di 1.000, 1.500 e persino 2.000 parole. Mentre, come evidenziato sopra, non si dovrebbe presupporre che i commenti raggiungano questi conteggi di parole, si aggiungono alla lunghezza del contenuto. Anche se vengono trattati “in modo leggermente diverso", come afferma John Mueller.

Tuttavia, si può sostenere che non è solo la lunghezza che si aggiunge alla SEO; piuttosto, è la qualità che spesso segue la lunghezza. Il contenuto perspicace e informativo tende ad essere completo, quindi i due si sovrappongono. Inoltre, sollecitare commenti da aggiungere alla lunghezza del contenuto spesso dipende anche dalla qualità del contenuto.

3 Qualità dei contenuti

Per quanto riguarda la qualità dei contenuti, quindi, anche i commenti possono aumentare la qualità generale dei contenuti. Nella discussione di cui sopra, Gary Illyes ha affermato che la qualità “può aiutare molto”, anche se si trova nei commenti.

Per colmare i due vantaggi, lunghezza e qualità, ci si deve chiedere come sollecitare i commenti per cominciare. Se i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca, come puoi sollecitare commenti se spesso ne ottieni pochi o nessuno?

La risposta sembra risiedere nel principio fondamentale della SEO; “la qualità è re”. Se i tuoi contenuti offrono una lunghezza interessante, alta qualità e approfondimenti utili, attireranno commentatori che li apprezzano. A sua volta, incoraggiare semplicemente i lettori a "lasciare un commento" o "condividere i propri pensieri" dovrebbe fornire una solida base. Infine, l'utilizzo di contenuti interattivi è sempre una valida strategia per stimolare il coinvolgimento.

4 Coinvolgimento degli utenti e comunità

Allo stesso modo, la sollecitazione dei commenti si sovrappone ai segnali di coinvolgimento degli utenti e a quella che Gary Illyes ha definito una "comunità fiorente". I commenti possono fornire tali segnali prima delle strategie dei social media.

Come evidenziato in precedenza, questi segnali hanno effettivamente un impatto sulle classifiche di ricerca. Considera i principi fondamentali della SEO in termini di coinvolgimento degli utenti, nei social media o altro. I segnali di coinvolgimento includono:

  • Mi piace e condivisioni
  • Reazioni e commenti
  • Riferimenti

I motori di ricerca utilizzano tali segnali per valutare il coinvolgimento e, per estensione, la qualità. I commenti sui blog offrono essi stessi tali metriche, anche se in misura minore, e possono quindi influire sulle classifiche di ricerca.

5 Competenza, autorevolezza e affidabilità (EAT)

Infine, tutti questi fattori orbitano attorno a EAT in una forma o nell'altra. Il PageRank di Google dipende da questo trio di attributi, quindi è una pietra angolare della SEO. Sebbene i commenti probabilmente non abbiano un impatto enorme su di esso, sembrano avere qualche effetto.

Inizialmente, Google spiega utilmente che i valutatori della qualità della ricerca aiutano il suo algoritmo di ricerca. Inoltre, TheSemPost cita John Mueller che afferma che i commenti influenzano i giudizi di qualità. In particolare, affinché possano chiedersi: “È terribilmente negativo? È straordinariamente buono? Dove tracciamo la linea?

In effetti, i commenti aiutano i visitatori a controllare la qualità di un blog. Possono fornire ulteriori approfondimenti, link rilevanti a fonti autorevoli e correzioni. Al contrario, ovviamente, i commenti negativi e le "guerre infuocate" possono avere un effetto negativo. Questo è, in parte, il motivo per cui alcuni blog accolgono e incoraggiano i commenti mentre altri li curano o semplicemente li disabilitano.

Per consentire o disabilitare i commenti sul blog

Infine, dopo aver discusso di come i commenti sul tuo blog possono influire sulle classifiche di ricerca, possono sorgere due domande ragionevoli. Per prima cosa, si dovrebbero consentire o disabilitare i commenti sul blog? In secondo luogo, supponendo che uno li consenta, dovrebbero essere curati?

Sulla prima domanda, Corbett Barr di Fizzle ha tenuto un dibattito tra due importanti blogger, Pat Flynn ed Everett Bogue. Tra le altre argomentazioni, Pat ha sostenuto i commenti sul blog perché stimolano le conversazioni, che informano le decisioni creative. Discutendo contro i commenti sul blog, Everett ha affermato che la moderazione dei commenti ha richiesto troppo tempo e quindi ha messo a dura prova la sua creatività.

Sebbene questo dibattito possa servire come una rapida occhiata all'argomento, è probabilmente piuttosto soggettivo. Sul fronte oggettivo, John Mueller ha avvertito che l'eliminazione definitiva dei commenti non sarebbe avvenuta senza effetti negativi. In quanto tale, farlo dovrebbe probabilmente essere visto come un rischio calcolato.

Per moderare, curare ed eliminare i commenti

Infine, su quest'ultima questione, la moderazione sembra essere imperativa. Ci sono davvero molti pro e contro nei commenti, molti dei quali influenzano le classifiche di ricerca. Ma senza moderazione, qualsiasi sezione di commento può trasformarsi in una responsabilità.

Tuttavia, vale la pena sottolineare qui un ultimo fattore. La cura dei commenti può aiutare con qualità, civiltà, LSI e altro ancora. Tuttavia, è interessante notare che i commentatori attivi potrebbero non prendere di buon grado i commenti cancellati. In effetti, la rimozione selettiva di commenti come "ottimo post" potrebbe non danneggiare direttamente le classifiche, ma potrebbe sgomentare o far arrabbiare i commentatori ben intenzionati. In quanto tale, anche questo dovrebbe essere visto come un rischio calcolato invece che come una scelta facile.

Conclusione

Per riassumere, i commenti sul tuo blog possono influenzare le classifiche di ricerca in molti modi. Che si tratti di aumentare la lunghezza e la qualità dei tuoi contenuti, aggiungendo LSI, inviando segnali sociali o altri mezzi, lo fanno. Tuttavia, non sono privi di rischi e possono avere effetti negativi se non controllati. Pertanto, un'attenta ricerca e scelte caso per caso non possono che essere utili.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More