Il mercato 5G negli Stati Uniti è appena diventato molto più interessante

11

Perché è importante: per coloro che tengono traccia, AT&T, Verizon e T-Mobile si sono battuti per la posizione nel mondo 5G, principalmente in base allo spettro a cui hanno accesso in quelle che vengono chiamate frequenze di banda media. Ecco un riepilogo su chi guida quella gara e perché non abbiamo ancora goduto dei tanto attesi vantaggi del 5G.

Mentre la maggior parte della recente copertura del 5G negli Stati Uniti si è comprensibilmente concentrata sul fiasco della banda C che la FAA e l’industria aerea stanno ingiustamente rifilando all’industria cellulare, un’altra grande notizia è arrivata alla fine della scorsa settimana. (Nota a margine: se stai cercando un background sui problemi della connessione in banda C e della sicurezza aerea, dai un’occhiata a questa colonna che ho scritto per USA Today lo scorso novembre).

Venerdì scorso, la FCC ha annunciato i risultati di un’altra asta dello spettro delle radiofrequenze (RF) per le reti cellulari, tecnicamente denominata Auction 110, che ha improvvisamente spostato ancora una volta l’equilibrio del potenziale potenziale attraverso le grandi reti di telecomunicazioni statunitensi.

Per coloro che tengono il passo, AT&T, Verizon e T-Mobile hanno lottato per la posizione nel mondo 5G, principalmente in base allo spettro a cui hanno accesso in quelle che vengono chiamate frequenze di banda media (essenzialmente tra circa 2,5 e 4 GHz). Come abbiamo appreso, queste frequenze di banda media sono essenziali per mantenere la promessa del 5G di velocità più elevate, latenza inferiore e migliore copertura. In effetti, sono così importanti che tutte le reti 5G nel mondo, ad eccezione degli Stati Uniti, sono basate sullo spettro RF di banda media.

Sfortunatamente, quando le reti 5G sono state progettate e pianificate per la prima volta negli Stati Uniti, quelle frequenze non erano disponibili, perché venivano utilizzate da altri settori e applicazioni, comprese grandi antenne TV satellitari e scopi militari/di difesa.

Tutto è cambiato negli ultimi anni, tuttavia, quando la FCC ha iniziato a rivendicare questo spettro e a riassegnarlo per l’utilizzo del 5G. Di conseguenza, sono stati compiuti sforzi enormi e costosi per acquisire i diritti di accesso a queste frequenze. L’acquisizione dello spettro è iniziata nell’aprile del 2018 quando T-Mobile ha annunciato l’intenzione di acquistare Sprint, principalmente in modo da poter accedere a circa 160 MHz di spettro RF, a partire da 2,5 GHz, che Sprint aveva precedentemente acquisito.

Quindi, nel 2020, le aste C-Band della FCC hanno generato un record di 81 miliardi di dollari per ottenere l’accesso a 280 MHz di spettro da 3,7-3,98 GHz. Il grande vincitore è stato Verizon. Ha vinto 60 MHz dei primi 100 MHz da schierare (chiamato Blocco A e la parte che ha attivato ieri in oltre 46 mercati) e tra 80 e 140 MHz del blocco successivo (chiamato Blocco B), che dovrebbe essere attivato verso la fine del 2023. AT&T ha vinto circa 100 MHz in totale (40 MHz nel blocco A, che la società ha attivato ieri in otto mercati metropolitani e 60 MHz nel blocco B).

T-Mobile ha anche raccolto circa 30 MHz nel blocco B dell’asta in banda C per completare le sue partecipazioni. Per essere completamente precisi, i numeri variano in base al mercato della metropolitana perché le licenze sono vendute per mercato – e ce ne sono oltre 100 – ma questi numeri sono medie nazionali approssimative.

In quest’ultima asta 110, tuttavia, che ha coperto frequenze da 3,45 a 3,55 GHz, il grande vincitore è stato AT&T, con Dish Networks al secondo posto e T-Mobile anche un po’ di più. Mentre i dettagli finali ufficiali di ciò che è stato acquistato e come verrà utilizzato non possono essere rivelati fino al 31 gennaio, è stato riportato da PC Magazine (vedi) che AT&T ha acquisito 40 MHz nella maggior parte dei mercati e Dish ha acquisito tra 30-40 MHz in molti mercati. Ancora una volta, T-Mobile ne ha anche raccolti alcuni, presumibilmente fino a 20 MHz nei primi 12 mercati, e anche alcuni vettori più piccoli, come US Cellular, ne hanno ottenuti alcuni. Verizon, tuttavia, non ha partecipato né ha ottenuto alcun nuovo spettro.

Di conseguenza, quando inizi a fare calcoli approssimativi su queste partecipazioni dello spettro, il grande vantaggio che T-Mobile ha attualmente su AT&T (e che le partecipazioni di Verizon consentiranno loro di recuperare il ritardo) inizia a ridursi un po’. Inoltre, a differenza del blocco B dell’asta C-Band, questo nuovo spettro potrebbe essere attivato per il servizio quest’anno. Ciò significa, ad esempio, che AT&T potrebbe teoricamente attivare 80 MHz di spettro nella banda media quest’anno, mentre Verizon sarebbe limitato a 60 MHz.

T-Mobile ha ancora il vantaggio, ma in molti mercati ha attivato solo 100 MHz della sua capacità totale. Inoltre, Dish Networks potrebbe sfruttare questo nuovo spettro e utilizzare uno spettro aggiuntivo acquisito tramite l’asta CBRS (ancora un altro pezzo di frequenze di banda media che dovrebbe essere utilizzato principalmente per le reti private, vedere la mia colonna " CBRS vs. C-Band: Making Sense Of Mid-Band 5G "per di più) e diventare una valida quarta alternativa in diversi posti.

Naturalmente, c’è molto di più nella copertura e nelle velocità della rete oltre al semplice spettro: molte tecnologie di rete critiche possono essere utilizzate per ottimizzare un determinato set di spettri in modo più efficiente di un altro, ma sicuramente serve come un buon proxy per come pensare alle cose.

In altre parole, quello che inizialmente sembrava un mercato un po’ sbilenco in termini di potenza di fuoco 5G di fascia media negli Stati Uniti, ora sembra essere molto più competitivo. Questa è destinata a essere una grande vittoria per i consumatori e le aziende che vogliono sfruttare i numerosi vantaggi che una rete 5G alimentata a banda media può consentire, poiché la concorrenza a questo livello è destinata a fornire servizi migliori e prezzi più interessanti.

Ora, se le persone potessero tornare a fidarsi della scienza e potessimo andare oltre questo triste fiasco della FAA, penso che potremmo davvero iniziare a godere dei tanto attesi vantaggi del 5G. Chiaramente, il meglio deve ancora venire.

Bob O’Donnell è il fondatore e capo analista di TECHnalysis Research, LLC, una società di consulenza tecnologica che fornisce servizi di consulenza strategica e ricerche di mercato all’industria tecnologica e alla comunità finanziaria professionale. Potete seguirlo su Twitter.

Fonte di registrazione: www.techspot.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More