10 espressioni coniate da William Shakespeare

0

L’inglese è la terza lingua più parlata al mondo. Per alcuni è la lingua madre, per molti è la prima lingua nonostante abbia una lingua madre diversa, mentre ci sono molti che la usano come seconda lingua. Ogni giorno le persone leggono, scrivono o parlano in inglese.

L’inglese è una lingua con molte forme: può essere brusco e frizzante, può anche essere dolce e romantico. In effetti, lo scrigno del tesoro della letteratura inglese è pieno di gemme inestimabili. Il contributo di William Shakespeare al riguardo è indiscutibile. Ma quante persone che conoscono l’inglese sono consapevoli che molte delle frasi e delle espressioni che usano regolarmente sono state effettivamente coniate dal Bardo stesso?

Ecco un elenco di 10 di queste frasi ed espressioni che furono usate per la prima volta da Shakespeare:

1- Un cambiamento del mare

Significato: una trasformazione profonda o notevole (Oxford)

Shakespeare ha usato questa frase per far emergere il significato che è prevalente attualmente. È stato usato per la prima volta in "The Tempest":

Tuo padre giace a cinque braccia; 
Delle sue ossa sono fatte di corallo; 
Quelle sono perle che erano i suoi occhi: 
niente di lui che sbiadisce 
ma subisce un cambiamento 
epocale in qualcosa di ricco e strano. 

2- Tutti / i quattro angoli del mondo

Significato: molte parti diverse del mondo (Cambridge)

Shakespeare ha usato per la prima volta la frase, ‘tutti gli angoli del mondo’, nella sua commedia Cymbeline:

“Di cosa ho bisogno per estrarre la mia spada? il giornale le
ha già tagliato la gola. No, è una calunnia, il
cui filo è più affilato della spada, la cui lingua
esce fuori da tutti i vermi del Nilo, il cui respiro
cavalca sui venti postali e smentisce
tutti gli angoli del mondo: re, regine e stati,
ancelle, matrone, anzi, i segreti della tomba
Questa vipera calunnia entra. Che acclamazione, signora? "

Ha usato la frase, "quattro angoli del mondo", in "Il mercante di Venezia", ​​e anche una variazione della stessa in "Re Lear", dove usa "tre angoli del mondo".

3- Freddo come la pietra

Significato: molto o completamente freddo (Cambridge)

Shakespeare, nei suoi scritti, ha usato molte similitudini "fredde", e questa è sicuramente la più usata. È apparso per la prima volta in Enrico V:

“… Allora mi ha detto di mettere altri vestiti sui suoi piedi: ho messo la mano nel letto e li ho sentiti, ed erano freddi come una pietra; poi ho sentito le sue ginocchia, ed erano fredde come qualsiasi pietra, e così in alto e in alto, e tutto era freddo come una pietra ".

4- Uno spettacolo triste

Significato: una cattiva condizione o situazione (Cambridge)

Sebbene il significato della frase sia attualmente arrivato a includere l’aspetto disordinato di qualcosa o qualcuno, Shakespeare intendeva una condizione deplorevole, quando lo usò per la prima volta in Macbeth:

“MACBETH:
Questo è uno spettacolo triste.
[Guardandosi le mani]

LADY MACBETH:
Un pensiero sciocco, dire uno spettacolo dispiaciuto. "

5- Mostro dagli occhi verdi

Significato: gelosia personificata (Oxford)

Shakespeare ha coniato per la prima volta questa frase per denotare la gelosia in ‘Mercante di Venezia’:

Come tutte le altre passioni fluttuano nell’aria,
come pensieri dubbiosi e disperazione avventata,
e paura tremante e gelosia dagli occhi verdi! O amore,
sii moderato; calma la tua estasi,
in misura controlla la tua gioia; scarso questo eccesso.

Lo ha anche usato in seguito in altri suoi lavori, come Otello.

6- (al proprio) contenuto del cuore

Significato: (nella misura massima) dei propri desideri (Oxford)

Questa frase è apparsa per la prima volta in stampa in "Henry VI, Part II" di Shakespeare:

"La sua grazia nel parlare, mi fa cadere dalle meraviglie, cadere a piangere ioyes, tale è la pienezza del mio cuore contento."

L’ha usata anche in "Merchant of Venice" e in una lettera al conte di Southampton come dedica della sua poesia "Venus and Adonis".

7- Indossa il tuo cuore sulle maniche

Significato: rendere evidenti i tuoi sentimenti ad altre persone (Macmillan)

Questo è stato usato per la prima volta da Shakespeare, nella sua tragedia, ‘Otello’:

"Perché quando la mia azione esteriore dimostra
l’atto nativo e la figura del mio cuore
in complimento esteriore, non sarà molto tempo dopo,
ma
porterò il mio cuore sulla manica perché i miei amici lo becchino: non sono quello che sono."

8- (Crea) bestia con due dorsi

Significato:  impegnarsi in un coito

Questa espressione, spesso usata nell’inglese moderno, fu usata per la prima volta da Shakespeare in "Otello":

"Io sono uno, signore, che viene a dirti che tua figlia e il Moro stanno facendo la bestia con due schiene."

Sebbene Shakespeare possa essere stato il primo a usarlo in inglese, una versione francese apparve nei romanzi di Francois Rabelais La vie de Gargantua et de Pantagruel, molto prima che ‘Otello’ fosse pubblicato. Ma la traduzione inglese del romanzo francese non fu scritta o pubblicata fino a quasi un secolo dopo "Otello".

9- Fuori dalle fauci della morte

Significato: salvato da una situazione spiacevole o da un grande pericolo

La prima citazione di questa frase è stata trovata nella "dodicesima notte" di Shakespeare:

“Fammi parlare un po ‘. Questo giovane che vedete qui ne
ho strappato una metà dalle fauci della morte, l’ho sollevato
con una tale santità d’amore,
e
devozione alla sua immagine, che mi sembrava promettesse il più venerabile valore ".

10- Tutto ciò che luccica (luccica) non è oro

Significato: l’aspetto esteriore attraente di qualcosa non è un’indicazione affidabile della sua vera natura.

Sebbene diverse espressioni fossero state utilizzate nei testi precedenti per denotare il significato che la lucentezza superficiale non è necessariamente il segnale di alto valore, Shakespeare fu il primo a metterlo in un’espressione a una riga. L’espressione originale, usata in ‘Il mercante di Venezia’, era "Tutto ciò che luccica non è oro.":

“Tutto ciò che luccica non è oro;
Spesso avete sentito che diceva:
Molti uomini la sua vita ha venduto
Ma il mio esterno da vedere: le
tombe dorate avvolgono i vermi … "

Nella versione moderna dell’espressione, che ha assunto la forma di un proverbio, la parola "luccica" è sostituita da "luccica".

L’ elenco di parole ed espressioni coniate da William Shakespeare continua. Ogni utente della lingua inglese deve tutte queste frasi al grande Bardo. Senza Shakespeare e le sue monete, si può solo immaginare quanto sarebbe stato blando il linguaggio.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More