FCC bandirà loschi accordi di compartecipazione alle entrate tra ISP e proprietari di appartamenti

12

Conclusione dell’editore: due anni fa, quando vivevo ancora in un appartamento, un rappresentante di Spectrum è venuto alla mia porta e mi ha fatto un’offerta per Internet più veloce a un prezzo inferiore rispetto a quello che stavo pagando con Grande. Ero comunque pronto a cambiare perché il servizio di Grande era ben al di sotto della media. Pochi giorni dopo, dopo diverse chiamate con il servizio clienti, ho scoperto che non potevo cambiare operatore perché Grande aveva un contratto con i proprietari dell’appartamento.

Il mio problema nel cambiare società via cavo non è stato unico. I proprietari di più unità immobiliari in tutto il paese hanno accordi di partecipazione agli utili con le compagnie via cavo. La pratica soffoca la concorrenza (ove esiste), consentendo ai fornitori di addebitare agli inquilini tutto ciò che vogliono per un servizio scadente. Poi i proprietari prendono una parte dei profitti. È una configurazione molto oscura.

Fortunatamente, la Federal Communications Commission (FCC) sta intervenendo per porre fine a questi affari viscidi. Giovedì, con un voto unanime 4-0, la FCC ha riaffermato il divieto di tali accordi. "Riaffermato" perché la Commissione ha vietato per molto tempo questi "affare innamorati".

"La Federal Communications Commission ha da tempo vietato ai fornitori di servizi Internet di stipulare accordi con i proprietari che garantiscono di essere l’unico fornitore nell’edificio", si legge nella sentenza dichiarativa. "Ma il record di questo procedimento ha chiarito che le nostre regole esistenti non stanno facendo abbastanza e che possiamo fare di più per aprire la porta ai fornitori che vogliono offrire un servizio competitivo nei condomini".

La domanda è: cosa farà esattamente la Commissione per far rispettare questo "nuovo" mandato che prima non aveva? Secondo la FCC, la formulazione di questi contratti era la scappatoia utilizzata dalle società per aggirare il precedente divieto di esclusività.

Quindi la prima cosa che propone è una "repressione" su questi contratti. I fornitori possono ancora condividere le entrate ma è vietato stipulare un accordo "esclusivo" con il proprietario. Ad altri fornitori deve essere consentito lo stesso accesso e la stessa opportunità senza essere cancellati da clausole contrattuali. Nel tentativo di mantenere i giocatori su un piano di parità, i fornitori non possono nemmeno aumentare il taglio del proprietario della proprietà poiché più inquilini si iscrivono al servizio.

Il secondo appello è per la trasparenza. I fornitori di servizi dovranno rivelare in anticipo ai clienti se hanno un accordo di marketing con i proprietari della proprietà. Devono chiarire che gli inquilini hanno altre opzioni.

L’ultima mossa è puntellare un’altra scappatoia denominata "accordi di vendita e retrolocazione". Questa finta è il caso in cui un fornitore di servizi via cavo vende al proprietario il cablaggio per l’edificio, quindi lo noleggia su base esclusiva escludendo le società concorrenti.

"Ogni americano dovrebbe avere accesso a servizi di comunicazione moderni e convenienti di alta qualità, compreso un terzo che vive in edifici di più unità", ha affermato il commissario Geoffrey Starks. "Per troppo tempo, milioni di americani che vivono e lavorano in ambienti multi-tenant hanno dovuto affrontare ostacoli per ottenere i migliori servizi di comunicazione e prezzi. La decisione odierna rimuoverà alcuni di questi ostacoli vietando alcuni tipi di accordi di compartecipazione alle entrate, che richiedono la divulgazione in un linguaggio semplice di accordi di marketing esclusivo e vietando la vendita e la retrolocazione del cablaggio interno degli edifici."

Fonte di registrazione: www.techspot.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More