Consigli SEO attuali per gli utenti di WordPress

29

Sembra ingiusto dare consigli SEO online poiché Google cambia gli obiettivi così spesso che tali consigli sono spesso imprecisi dopo pochi mesi.

Tuttavia, Google è diventato più adattivo e molto più bravo nell'identificare lo spam al punto che i grandi cambiamenti SEO sono un po' più rari. Infatti, da quando hanno cambiato il loro indice con l'aggiornamento di Google Hummingbird, non abbiamo visto cambiamenti sconvolgenti in Google.

Abbiamo preparato un paio di suggerimenti utili su come mantenere aggiornato il tuo sito.

Lo strumento SEO più potente

Togliamo di mezzo le cose che "dovresti" sapere. Indipendentemente da qualsiasi consiglio SEO, con l'eccezione delle linee guida di Google, lo strumento più potente che hai, e che avrai mai, è il tuo test per tentativi ed errori. Pianificare, agire, misurazione, analisi e valutazione. Abbiamo scoperto che solo attraverso i tuoi tentativi ed errori potrai raggiungere una posizione coerente nel motore di ricerca di Google.

Apprendimento adattivo significa che continui a fare la stessa cosa

L'aggiornamento di Google Hummingbird è stato il più grande aggiornamento del loro algoritmo strutturale dall'aggiornamento di Caffeine nel 2010. L'aggiornamento di Google Hummingbird sembra aver avvicinato Google a uno stato di apprendimento adattivo come mai prima d'ora.

L'aggiornamento, insieme a vari altri aggiornamenti senza dubbio, ha cambiato il modo in cui funziona il motore di ricerca. Indicizza e classifica ancora i siti web in base alla loro popolarità e utilità percepita, ma c'è anche un livello di coerenza da considerare. In altre parole, se stai facendo qualcosa di giusto, allora non sono entusiasti che tu lo mescoli di tanto in tanto. Se il tuo sito Web inizia improvvisamente a comportarsi in un modo nuovo, il tuo grado scenderà (provalo tu stesso).

Ad esempio, il sito web nell'immagine qui sotto ha cambiato il modo in cui ha pubblicato i contenuti. Sono passati dall'avere piccoli contenuti su siti Web creati dinamicamente alla pubblicazione di articoli di grandi dimensioni con immagini GIF. La loro classifica è scesa in ottobre e successivamente il loro numero di visitatori è diminuito. Non è perché il contenuto che stavano creando era cattivo, dal momento che altri siti Web hanno contenuti simili e funzionano bene. È semplicemente perché il loro posizionamento era parzialmente basato sulla produzione costante di un certo tipo di articolo, sui tempi di pubblicazione costanti e così via, e Google ha abbassato il proprio posizionamento quando i webmaster lo hanno modificato.

Contro l'opinione popolare

Google ha cambiato le regole sulla SEO parecchie volte e ha lasciato molte persone con alcune idee sbagliate, quindi eccone alcune facili.

  • Devo pubblicare contenuti regolarmente?: Questo non ha più importanza. La pubblicazione di contenuti regolari aiuta, ma non è di vitale importanza. Quello che vogliono vedere è che il tuo sito web è ancora rilevante, utile e che non è stato abbandonato. Se le tue pagine web continuano a ricevere visualizzazioni di pagina e attenzione sui social media, allora sei a posto.
  • La lunghezza è importante?: No, non è così. Scegli uno stile, una lunghezza e un formato di pubblicazione e attieniti ad esso. Google è diventato molto bravo nell'identificare i siti Web di spam in modo da non fare più affidamento sul conteggio delle parole di un sito Web quando cerca di determinare cosa è spam e cosa no.
  • Che dire delle parole chiave nel titolo, nei meta tag e nei tag H?: Se disponi di un plug-in SEO per WordPress, probabilmente ti consiglierà di inserire una parola chiave nel titolo, nei meta tag e in almeno una delle intestazioni. L'aggiornamento di Google Hummingbird ha ridotto la dipendenza di Google dalle parole chiave, ma il buon senso suggerisce di inserire comunque le parole chiave purché si adattino naturalmente al testo.
  • Posso ancora copiare i miei concorrenti?: Un vecchio trucco è guardare i primi cinque risultati che rappresentano la concorrenza e copiare le loro tecniche, idee e sforzi SEO. In questi giorni è utile indicare a quali gruppi di social media dovresti unirti, ma ci sono così tanti fattori di ranking che a volte è troppo difficile vedere dove e come i tuoi concorrenti stanno alimentando i loro sforzi SEO di successo.
  • Devo ancora incoraggiare i commentatori?: Secondo Yoast, solo l'1% dei tuoi visualizzatori/lettori di WordPress lascia un commento, quindi fanculo. Non rappresentano la maggioranza silenziosa e molti commentatori di WordPress sono spesso alla ricerca di un link seguito o che tu restituisca il favore, quindi non sprecare il tuo tempo cercando di incoraggiarli a commentare.

I post correlati sono tuoi amici

I blog WordPress che hanno le opzioni "Post correlati" sembrano fare meglio dei blog WordPress che non lo fanno. Provalo tu stesso. Se non disponi di un elemento post correlato nel tuo blog, scarica e utilizza un plug-in. Usalo per un mese e avrà un effetto positivo sul posizionamento nei motori di ricerca. Personalmente ho scoperto che i plug-in manuali che mi costringono a scegliere i post correlati funzionano meglio dei plug-in automatici che utilizzano parole chiave per decidere quali post sono correlati.

Trasforma i tuoi post WordPress più importanti in pagine

Sto saltando su questa tendenza. Se hai un post in cui ritieni che molte persone possano tornare o visitare il tuo post frequentemente, trasformalo in una pagina anziché in un post. Sembra aiutare a sfruttare i numeri di traffico consistenti a vantaggio del resto del sito web.

Disabilita gli archivi degli autori non necessari

Se il blog WordPress in questione ha un solo autore e non hai intenzione di assumere nuovi autori, disabilita gli archivi degli autori. Il modo più semplice per farlo è scaricare e utilizzare un plug-in con una funzione di disabilitazione.

Se desideri reindirizzare le pagine che WordPress invia senza la tua approvazione, come gli archivi, utilizza l'azione parse_query. Reindirizzerà se non è una query per una pagina o una schermata di amministrazione.

function wpa_parse_query( $query ){
    if(! is_admin() &&! $query->is_page()) {
        ks29so_redirect( home_url() );
        exit;
    }
}
add_action( 'parse_query', 'wpa_parse_query' );

Codice WordPress per query di analisi – parse_query.

Oppure puoi rimuovere le tue pagine e farle agire come 404 pagine non trovate con questo pezzo di codice aggiunto nel tuo file index.php.

if(is_archive()) {
    // force 404
    $ks29so_query->set_404();
    status_header( 404 );
    nocache_headers();
    include("404.php");
    die;
}

Materiale di riferimento per una spiegazione più approfondita del codice 404 – remove-archive-pages.

La velocità è ancora importante, soprattutto

Se la tua pagina impiega molto tempo per il rendering e/o il caricamento, subirà una penalità da parte di Google. Tuttavia, se hai eseguito i tuoi test, potresti aver scoperto che la velocità di caricamento ha un effetto diverso sul tuo SEO. L'unica grande e notevole differenza è se si migliora una pagina Web o un sito Web a caricamento molto lento. Se passi molto tempo a modificare il tuo sito web, potresti sbattere contro un muro.

Le ragioni potrebbero avere più a che fare con la velocità con cui i tuoi utenti sono in grado di caricare le tue pagine grazie a dispositivi mobili e desktop più veloci e grazie a velocità Internet più elevate sia per dispositivi desktop che mobili. Potresti anche notare che un post di Blogger pesante per i media che è un po ‘lento funzionerà comunque bene nei risultati del motore di ricerca rispetto ad "alcune" pagine web di WordPress che sono un po' lente.

Tuttavia, raccomando il consiglio di Yoast su come velocizzare il tuo template WordPress per cominciare. Ripulisci il tuo codice CSS e JavaScript su file CSS e JavaScript esterni e installa un plug-in di memorizzazione nella cache affidabile.

Smettila di ignorare la tua immagine SEO

Il fatto è che alcune cose sono più facili da cercare con le immagini di Google piuttosto che con il motore di ricerca di Google. Molti siti Web WordPress attirano traffico consistente dalle immagini di Google perché le immagini delle loro pagine sono ottimizzate correttamente.

Mantieni i nomi dei file, il testo alternativo e il testo dei sottotitoli pertinenti e utili. KissMetrics afferma che le didascalie sotto le immagini vengono lette il 300% più spesso rispetto al corpo del testo effettivo del post. Inoltre, usa OpenGraph per la condivisione su Pinterest e Facebook. Mostra la tua immagine quando le persone fanno clic per condividere sulla tua pagina web/post.

Nella tua <head>sezione, utilizza il codice mostrato di seguito e ricorda di svuotare la cache di Facebook nel debugger dell'URL di Facebook se non funziona.

<meta property="og:image" content="http://example.com/your-image.webp" />

Devi anche inserire le tue immagini nelle tue sitemap. Google è molto chiaro su questo nelle sue pagine di Strumenti per i Webmaster di Google, dove dicono che dovresti creare una mappa del sito separata per le tue immagini o che dovresti aggiungerle alla tua mappa del sito attuale. Entrano nei dettagli sulla creazione della tua mappa del sito di immagini per Google nelle pagine dei tutorial di Google Webmaster Tools.

Non incorporare testo sulla tua immagine all'interno dell'immagine. Se devi, ad esempio se si tratta di un meme, ripeti le informazioni su uno dei tuoi meta tag o inseriscilo come parte della didascalia dell'immagine (non è una grande idea, ma va bene). Racconta a Google il più possibile dell'immagine e mantieni le parole e le descrizioni pertinenti all'interno del testo alternativo. Google afferma che una riga di testo come "cucciolo dalmata che gioca a prendere" è più adatta ai motori di ricerca di "cucciolo di cane dalmata".

Non dimenticare le regole d'oro quando si tratta di testo di ancoraggio, specialmente quando il testo di ancoraggio esterno si collega alle tue immagini. Google afferma inoltre che il contesto influenza ancora la facilità d'uso delle tue immagini per i motori di ricerca, quindi posiziona le immagini pertinenti su pagine adatte con contenuti correlati che le circondano.

Ecco alcune altre linee guida di Google sull'ottimizzazione delle immagini che descrivono anche in dettaglio come puoi proteggere le tue immagini, ad esempio utilizzando la loro licenza Creative Commons che richiede l'attribuzione.

Quali sono le attuali linee guida SEO sulle intestazioni?

Le parole chiave non sono così importanti come una volta, il che invalida l'argomento secondo cui un'intestazione senza una parola chiave è un'intestazione sprecata. Non è più un'intestazione sprecata se non ha una parola chiave. Google considera le intestazioni un modo intuitivo per consentire ai lettori di scorrere la lettura e trovare informazioni pertinenti. Ciò significa che non avere intestazioni "potrebbe" essere dannoso per il tuo SEO, specialmente se hai un post più lungo. Significa anche che non inserire una parola chiave nell'intestazione non è una brutta cosa, sebbene sia una buona pratica.

Per la tua home page, dovresti utilizzare le intestazioni come segue:

  • H1 – Il nome del tuo blog
  • H2 – Lo slogan di un blog
  • H3 – Post recenti
  • H4 – Contenuto della barra laterale
  • H5 – Intestazioni non correlate

Per le tue pagine di post, dovresti utilizzare le intestazioni come segue:

  • H1 – Il tuo post o il titolo della pagina
  • H2 – Sottotitoli
  • H3 – Sottotitoli all'interno di sottotitoli
  • H4 – Il nome del tuo blog e i relativi widget
  • H5 – Barre laterali e piè di pagina

Un buon strumento per controllare il tuo markup è il servizio di convalida del markup del W3C. È gratuito, non è necessario registrarsi, puoi fare una donazione e può essere un po' sconvolgente se vedi una serie di errori sulla tua pagina.

Il collegamento interno è un processo continuo

Questo non è un consiglio inteso ad aiutare a generare una generazione di collegamenti interrotti, è semplicemente un'osservazione. Come affermato all'inizio dell'articolo, lo strumento più potente che hai è il test per tentativi ed errori. Ho cambiato alcune volte la mia struttura di collegamento interno con risultati diversi.

A volte ho modificato la struttura dei collegamenti per aiutarmi a rimuovere pagine che ritenevo utili, ma che in realtà ripetevano informazioni o che contenevano informazioni apparentemente ridondanti (autoindulgenti). Ci sono altre volte che ho cambiato il mio collegamento interno per rendere la navigazione di WordPress più raffinata. Il mio miglior consiglio è di utilizzare i tuoi rapporti sul traffico per capire quali pagine sono utili e quali no, per prima cosa testare il contenuto per vedere se è difettoso, quindi provare a rimuovere o spostare la pagina.

Se fallisce, considera di riprogettare la tua navigazione e il collegamento interno. Ricorda che test più piccoli e reversibili ti aiuteranno a capire cosa è meglio per i tuoi utenti e per il tuo SEO.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More