UX Hack per l’avvio di startup aziendali

3

Pensa a come Samsung e Apple sono sempre alla gola a vicenda sui brevetti di design.

Come YouTube, Airbnb, Flipboard, Pinterest e Etsy, tra molti altri, sono stati co-fondati dai designer.

Certo, una grossa fetta di denaro viene destinata alla parte di sviluppo, ma poi la progettazione è sempre stata una priorità assoluta per le migliori aziende.

Anche le storie di successo di Apple si basano su progetti UX ben intenzionati e ben realizzati.

Non sorprende che i designer di app mobili e i designer di UX di siti Web che apportano un approccio unico al tavolo, offrendo soluzioni stimolanti e piacevoli basate su psicologia, antropologia, informatica, progettazione grafica e altre teorie correlate, siano più richiesti.

Dato che comporta un sacco di pensiero analitico e creatività, l'esperienza UX sebbene non possa essere interpretata come una scienza missilistica, può essere sicuramente descritta come un'arte e un mestiere.

"Il design e il marketing non sono importanti quanto l'ingegneria: sono molto più importanti"

– DaveMcClure, fondatore di 500 startup

Considera questo esempio:

Sei stato assunto per progettare un manico di scopa da un'enorme unità industriale. E secondo le specifiche offerte, il design della maniglia dovrebbe essere tale che sia i bambini che gli adulti siano in grado di maneggiarlo abilmente.

Questo ti dà un'idea chiara del tuo pubblico di destinazione: adulti e bambini.

Quello che non ti è chiaro è come creare un manico di scopa che si adatti alle mani di bambini e adulti, vista la differenza di dimensioni.

Entra nel processo di iterazione.

Secondo il processo, intraprendi una serie di iterazioni di progettazione per ottenere l'approvazione della direzione, che, a sua volta, fa testare i progetti da bambini e adulti, più e più volte.

Dopo il primo, il secondo e probabilmente dopo l'ultimo e ultimo processo di iterazione, l'azienda è in grado di raggiungere il suo obiettivo di creare un prodotto così buono da ispirare i suoi utenti a usarlo più e più volte.

Per farla breve: come si suol dire, al centro di una buona scrittura ci sono diverse riscritture. Allo stesso modo, al centro di una buona UX ci sono diverse iterazioni. Ogni iterazione razionalizzata prima dell'inizializzazione del successivo processo di iterazione.

“Almeno 2/3 delle nostre idee non funzioneranno mai. L'altro 1/3 richiederà da 3 a 4 iterazioni per essere corretto"

– Marty Cagan

Cascata – Modello tradizionale per lo sviluppo del prodotto che è un fallimento

Se dedichi più tempo allo sviluppo del tuo prodotto, ovvero sei mesi circa, senza rilasciarlo, senza ricevere feedback dagli utenti, stai tranquillo, il tuo prodotto sarà un fallimento.

Il modo giusto per rilasciare un prodotto

La metodologia agile o snella è il giusto approccio allo sviluppo del prodotto. Costruisci e rilasci il prodotto dopo ogni iterazione, anche quella "presto e spesso". Questo aiuta ad affrontare diversi problemi e, cosa più importante, ti aiuta a concentrarti sull'apprendimento e sulla convalida, il che non è il caso di Waterfall, dove lo sviluppo del prodotto avviene in modo isolato.

Abbastanza sicuro, anche in un approccio snello, le soluzioni ai problemi non sono chiare in anticipo. Ma poi vai avanti. Itera e itera e itera fino a quando non lo fai bene. Dai, devi essere paziente. In effetti, potresti dover effettuare da 5 a 10 iterazioni, se sei una startup, per trovare un adattamento al mercato del prodotto.

Sì, è un esercizio così grande, il che rende ancora più importante convalidare le tue idee di business prima di iniziare con le tue iterazioni.

Suggerimenti per l'esperienza utente all'avvio

Qui immergiti in 3 suggerimenti UX di avvio che possono aiutarti a convalidare le tue idee di sviluppo, prima di iniziare a spendere tempo e denaro per il tuo processo di iterazione.

1 Test degli utenti Guerrilla

Certo, il guerrilla marketing è un termine familiare. Allo stesso modo, Guerrilla User Testing fa affidamento su espedienti di test non convenzionali che potrebbero non essere graditi a tutti i moderni progettisti di UX. Il metodo è stato reso popolare per la prima volta da Steve Krug nel suo libro "Non farmi pensare". Secondo Krug, semmai, un designer dovrebbe sperimentare l'efficacia del prodotto su una sola persona, anche se questo significa sua madre. L'idea è di far testare il prodotto, piuttosto che non farlo affatto testare. Questa insolita metodologia di ricerca viene chiamata Guerrilla User Testing.

I tester convenzionali possono ignorare questa forma di test e possono riferirsi ad essa come spietatamente fasulla. Ma poi, quando avvii la tua impresa, ti renderai conto che è spietatamente pragmatico, dato che saresti più o meno impegnato nel bootstrap.

Guerrilla User Testing Suggerimenti da considerare:

1] Esci dalla tua zona di comfort e visita i caffè e i terreni del college. Parlare alle persone. Fagli usare il tuo prodotto. Se questo sembra essere un problema per te, gestiscilo con i tuoi vicini. Come ultima risorsa, lega i membri della tua famiglia. Umm… i membri della tua famiglia dovrebbero sempre essere la tua ultima risorsa per testare i prodotti perché le loro opinioni potrebbero sembrare distorte.

2] Tratta i tuoi soggetti campione con grande autorità. Certo, non sono esperti in materia, ma trattare con rispetto è un prerequisito per ottenere da loro le migliori opinioni. Fai solo sapere loro che la loro opinione è importante nel lavoro di ricerca, indipendentemente dall'esito della tua ricerca.

Per quanto tu voglia utilizzare Guerrilla User Testing per misurare l'UX del tuo prodotto, puoi sfruttarlo solo quando hai un prototipo di base pronto. Nel caso in cui, se il prototipo non è pronto e sei ancora interessato a suscitare le opinioni dei clienti sul tuo prossimo prodotto, puoi parlare direttamente con i clienti o utilizzare Skype per fare lo stesso per ottenere quante più informazioni possibili.

Detto questo, non perderti i sondaggi sistematici. Devi condurli una volta che hai finito con le tue tattiche di Guerrilla User Testing. I sondaggi sistematici sono davvero importanti e non dovrebbero essere saltati a tutti i costi perché coinvolgono statistiche e statistiche che ti aiutano a convalidare le tue idee e iterazioni.

Prova a utilizzare survey.io offerto da KissMetrics per compilare il tuo sondaggio sullo sviluppo dei clienti in semplici passaggi.

2 Prodotto minimo pagabile

Ancora una volta, Minimum Viable Product è un concetto familiare, giusto. Che ne dici di Prodotto minimo pagabile? Nessun indizio. Bene! Il Minimum Payable Product è modellato sul Minimum Viable Product (MVP).

So cosa stai pensando ora?

Perché disturbare i progettisti di UX con un nuovo modello come MPP quando MVP funziona bene per te?

Per chi non lo sapesse, il modello MVP soffre fondamentalmente di due problemi:

  1. Il lancio affrettato porta a un'esperienza utente a metà e poco convinta.
  2. C'è un fortissimo divario tra le aspettative degli utenti e le prestazioni del prodotto.

Il punto è che i lanci di MVP non sono sempre un successo. Consegnati in fretta e furia, i prodotti sono considerati merda, il che non è il caso del lancio di MPP.

Qui sei quasi sicuro del successo del tuo prodotto perché sei sicuro del valore del tuo prodotto.

Ma poi, devi capire un grande motivo per cui i clienti vorranno pagare per il tuo prodotto. Qual è quella proposta fattibile unica di cui potresti trarre vantaggio?

3 Wireframe

Certo, la prototipazione su carta è popolare in tutto il mondo. E ci sono enormi vantaggi che giustificano il suo uso in tutto il mondo, come è più facile condividere e appuntare idee ed essere economico e tutto ciò che non devi pensarci due volte prima di scaricarle.

Ma poi, concretamente, la prototipazione su carta è il primo passo verso l'attualizzazione della parte progettuale. Una volta terminata la prototipazione di base su carta, è necessario passare a strumenti seri come gli strumenti di prototipazione UX.

Come mai? Poiché gli strumenti UX aiutano a comunicare meglio le idee e, cosa più importante, aiutano a raccogliere feedback di qualità da diverse parti interessate, inclusi utenti, clienti, esperti in materia e altro ancora.

Certo, ci sono una dozzina di strumenti di prototipazione disponibili. Quindi, scegli quello che si adatta al tuo stile UX. Alcuni dei migliori strumenti di prototipazione disponibili per la prototipazione includono invision, Justinmind, tra molti altri.

Misurare le tue prestazioni UX

Nonostante tu stia attento a tutto il nocciolo che serve per creare una UX magistrale, l'unica cosa importante che dovrai considerare è la parte di misurazione. Sì, a volte tutto sembra a posto, anche in questo caso il sito non attirerà il traffico e le conversioni richiesti, ed è qui che entra in gioco la misurazione.

Di un sacco di metriche disponibili per misurare le prestazioni UX di una start-up, le due cruciali includono.

#1. Metriche economiche: le metriche economiche ti aiutano a tenere traccia di tutta una serie di cose come i clienti paganti, il tasso di abbandono, il costo per acquisizione (CPA), il valore dell'utente nel corso della vita (LTV) e anche il ricavo medio per utente (ARPU).

#2. Metriche comportamentali: le metriche comportamentali, d'altra parte, si concentrano sull'azione specifica degli utenti come registrazioni riuscite, tassi di conversione e altro.

Sfruttare le metriche ti aiuta a tenere traccia dell'azione dell'utente. Ma poi, tieni presente, non lasciarti coinvolgere profondamente perché potresti essere sepolto miseramente sotto i dati.

Punti bonus

Il fallimento come caratteristica

Cos'è la sconfitta? Nient'altro che educazione; nient'altro che i primi passi verso qualcosa di meglio.

Le startup sono sinonimo di fallimento. Quindi inizia subito a imparare a ingoiare i fallimenti, se sei davvero seriamente intenzionato a far funzionare la tua startup. Secondo Ryan Holiday nel suo libro, The Obstacle is the Way, “Il fallimento è la caratteristica precedente di quasi tutti i successi. La nostra capacità di provare, provare, provare è indissolubilmente legata alla nostra capacità e tolleranza di fallire, fallire, fallire".

È un dato di fatto quando si verificano dei fallimenti che inizi a cercare alternative. E le alternative si rivelano decisamente migliori delle idee originali con cui hai iniziato inizialmente. Per tagliare le stronzate: il fallimento è una risorsa. È una chiave per le scoperte. Quindi abbraccia i fallimenti. Renderà le fasi di iterazione più facili per te.

L'ego è il nemico

Se la tua startup sta andando alla grande, ce ne saranno molti là fuori che vorrebbero prendersi il merito. Lascia che lo abbiano! Mettere in mezzo il tuo ego potrebbe rovinare il tuo rapporto con loro. Sii felice nella loro felicità. Chissà, il prossimo lancio di prodotto avrà inciso esclusivamente il tuo nome. Le persone generalmente tendono a ripagare. Quindi aspetta il tuo turno. E ricorda sempre: tutte le cose si bilanciano, alla fine. Deve sempre farlo, indipendentemente dalla situazione.

A voi:

È risaputo che i tassi di fallimento all'avvio sono eccezionalmente alti. Se guardiamo al lato positivo, rappresenta un'enorme opportunità per gli imprenditori principianti perché avrebbero meno concorrenza da affrontare.

Quindi approfitta di questi hack e fai girare la palla all'avvio. Hai altre strategie uniche nella manica? Vai avanti e condividili qui.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More