I 10 più potenti imperi coloniali del XX secolo

0

Il XX secolo è stato notevole nella storia politica, poiché è stato il momento in cui la maggior parte dei paesi ha ottenuto la propria indipendenza. È stato anche il secolo in cui si sono formate istituzioni globali come l’ONU, il FMI e l’OMC. Queste istituzioni sono diventate più potenti di qualsiasi singola nazione o alleanza di nazioni. Prima della formazione di queste istituzioni, il mondo era governato e controllato da pochi paesi che esercitavano il dominio coloniale su altre nazioni. Il governo e il controllo erano di forma militare, politica, economica e culturale. Il secolo ha visto la formazione, l’ascesa e la caduta dei più potenti imperi coloniali esistenti nella storia recente.

10 Impero austro-ungarico


All’inizio del secolo l’impero austro-ungarico era la più grande entità politica dell’Europa continentale. Occupava gran parte dell’Europa centrale, coprendo quasi 700.000 chilometri quadrati. C’erano 11 principali gruppi etno-linguistici nell’impero: tedeschi, ungheresi, polacchi, cechi, ucraini, slovacchi, sloveni, croati, serbi, italiani e rumeni. Dopo la prima guerra mondiale, l’Impero austro-ungarico fu suddiviso in parti separate e perse quasi il 75% della sua ex terra, che fu poi divisa tra Romania, Cecoslovacchia, Jugoslavia, Polonia e Italia. L’Austria e l’Ungheria furono volutamente lasciate economicamente e militarmente deboli per evitare che diventassero una minaccia in futuro.

9 Impero italiano


L’Italia è stata l’ultima a partecipare alla corsa per l’Africa e ha potuto prendere solo ciò che gli altri avevano lasciato. Controllava un territorio di circa 780.000 miglia quadrate e una popolazione di oltre un milione e mezzo. Le sue principali colonie includevano Somaliland, Eritrea e Libia. La Libia era la più grande e importante delle colonie italiane. L’Italia controllava anche Rodi, Dodecanesi e una piccola area di Tientsin in Cina. L’ultima acquisizione italiana fu l’Albania nel 1939. Dopo la seconda guerra mondiale gran parte della terra italiana fu conquistata dagli inglesi portando alla fine dell’impero coloniale italiano.

8 Impero coloniale tedesco


La Germania era in ritardo nell’acquisire colonie, ma era ancora in grado di costruire piccoli imperi. In Africa la Germania ha acquisito Camerun, Tanzania, Namibia e Togo. Si avventurò anche nel Pacifico meridionale acquisendo la Nuova Guinea nord-orientale, l’arcipelago di Bismarck e gruppi di isole a nord-est come Carolines, Marianas, Marshalls, Samoa e Nauru. Inoltre ha sequestrato una città portuale cinese: Tsingtau. Dopo la prima guerra mondiale, le sue varie colonie, specialmente in Africa, furono conquistate dalla Gran Bretagna. Il Giappone ha conquistato le terre del Pacifico. L’impero coloniale tedesco si è concluso dopo la sua sconfitta nella guerra e il Trattato di Versailles il 10 gennaio 1920.

7 Impero portoghese


I portoghesi furono i primi europei a rivendicare territorio nell’Africa subsahariana. Tuttavia aveva dimensioni ridotte e un’economia che era stata indebolita da diversi anni di guerra. Le sue colonie includevano Angola, Mozambico, Guinea-Bissau, Capo Verde, Sao Tome e Principe, Goa, Timor orientale e Macao. Nel 1961 l’India prese Goa dai portoghesi e divenne uno stato indiano. Nel 1974 c’era un nuovo governo in Portogallo. Ha concesso l’indipendenza ad Angola, Mozambico, Guinea-Bissau, Sao Tome e Principe, Capo Verde e Timor orientale nel 1975. Macao è stato l’ultimo paese a lasciare l’impero quando è stato consegnato alla Cina nel 1999.

6 Impero Ottomano


L’Impero Ottomano aveva controllato gran parte del Medio Oriente e del Nord Africa dall’inizio del XVI secolo. Aveva sede a Costantinopoli (in seguito ribattezzata Istanbul), in Turchia. All’inizio della prima guerra mondiale ci fu una rivolta da parte di una popolazione dell’impero ei ribelli ottennero sostegno dalla Gran Bretagna e dalla Francia per combattere contro il governo dell’impero. Dopo la guerra fu firmato un trattato tra gli Alleati della Guerra e l’Impero Ottomano. Dal trattato Francia e Gran Bretagna possedevano Siria, Libano, Palestina, Giordania e Iraq. I greci presero il controllo della Tracia orientale e della "Ionia" (Anatolia occidentale) mentre gli italiani conquistarono le isole del Dodecaneso e una zona di influenza nell’Anatolia sud-occidentale. Agli armeni fu dato uno stato indipendente che era gran parte dell’Anatolia orientale. L’impero terminò ufficialmente il 1 ° novembre 1922, quando la Turchia fu dichiarata repubblica.

5 Impero del Giappone


Tra il 1868 e la metà del XX secolo, il Giappone aveva creato un enorme impero che si estendeva dall’Alaska a Singapore. Hanno quindi controllato tanto territorio e tante persone quante sono le grandi potenze europee. Questo includeva: Corea, Cina, Taiwan, Manciuria, Shandong, l’intera costa cinese, Filippine e Indie orientali olandesi. Essendo parte degli alleati vittoriosi nella prima guerra mondiale, al Giappone furono concessi i territori coloniali asiatici della Germania. Erano costituiti da Tsingtao, nella penisola cinese di Shantung, e dalle isole precedentemente controllate dai tedeschi in Micronesia. La ricerca del Giappone per più terra in Cina e il suo patto tripartito con Germania e Italia portarono alla seconda guerra mondiale. Il Giappone ha perso e si è arreso alle colonie nel 1945.

4 Impero francese


Al tempo della seconda guerra mondiale, l’impero francese era l’unico impero mondiale paragonabile a quello britannico. Ha coperto oltre cinque milioni di miglia quadrate con una popolazione di 65 milioni. La Francia aveva più di 15 colonie in Africa. Nel sud-est asiatico i francesi avevano il potere sull’Indocina. Nel Pacifico, la Francia ha tenuto Tahiti e vari gruppi di isole, come ha fatto nei Caraibi. Dopo la prima guerra mondiale ha conquistato la Siria e il Libano dagli ottomani e parti del Togo e del Camerun dai tedeschi. L’impero coloniale francese iniziò a cadere a pezzi durante la seconda guerra mondiale, quando varie parti del loro impero furono occupate da altre potenze come il Giappone, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti e la Germania. Molte colonie francesi hanno ottenuto l’indipendenza tra gli anni ’50 e ’60.

3 Impero russo


L’impero russo si estendeva dal Mar Baltico e dall’Europa orientale fino all’Oceano Pacifico. Controllava circa un sesto della massa continentale della Terra e aveva una popolazione di circa 128 milioni di persone. Aveva il più grande esercito in Europa di 1,5 milioni di uomini e poteva aumentare quattro o cinque volte quando venivano chiamati riservisti e coscritti. La prima guerra mondiale è stata una delle principali cause del crollo dell’Impero russo. Milioni di persone morirono, le industrie crollarono e ci fu la carestia. La guerra ha anche cambiato la mappa dell’Europa che ha portato la Russia a perdere il controllo su Polonia, Finlandia, Lituania, Estonia e Lettonia. Il leader in quel momento Nicola II fu rovesciato dal Partito comunista che istituì l’Unione Sovietica.

2 Unione Sovietica


Conosciuta anche come Unione della Repubblica Socialista Sovietica (URSS), l’Unione Sovietica è emersa dopo la rivoluzione russa del 1917. L’unione aveva il controllo su una società multietnica più grande di quella dell’Impero russo. Aveva anche una potenza militare maggiore. L’Unione ha subito una massiccia industrializzazione che l’ha portata a diventare una superpotenza mondiale. Fu negli anni ’80 che ci fu frustrazione per un’economia e una leadership cattive che diedero il via a una serie di movimenti di indipendenza. Gli stati baltici di Estonia, Lituania e Lettonia furono i primi a dichiarare l’indipendenza. Poi, nel dicembre 1991, l’Ucraina, la Federazione Russa, la Bielorussia, l’Armenia, l’Azerbaigian, il Kazakistan, il Kirghizistan, la Moldova, il Turkmenistan, il Tagikistan e l’Uzbekistan si staccarono dall’unione. La Georgia era l’unico paese rimasto, sebbene se ne andò due anni dopo.

1 Impero britannico


Al suo apice nel 1920, l’Impero britannico era il più grande regno ufficiale del mondo. Controllava 14 milioni di miglia quadrate di territorio che era circa un quarto della superficie terrestre. Aveva territori in ogni continente e governava tra 400 e 500 milioni di persone stabilendo una posizione dominante negli affari globali. Il motivo principale attribuito al dominio della Gran Bretagna era il suo progresso industriale e l’innovazione tecnologica. Nella seconda metà del 20 ° secolo, molti paesi ottennero l’indipendenza dalla Gran Bretagna. Il declino della sua superiorità è attribuito alla seconda guerra mondiale dove aveva accumulato molti debiti e non poteva più sostenere o permettersi un impero, e alla crescita degli Stati Uniti e della Russia che erano ormai diventate le superpotenze globali.

Scritto da: Dave Ngash

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More