10 credenze interessanti sulle anime morte nell’induismo

0

In tutto il mondo, ci sono molte credenze strane e bizzarre sulle anime morte. Il mistero dell’aldilà non può essere completamente risolto da nessuno che vive ancora sulla terra. Tuttavia, ogni religione ha la sua convinzione unica sulla condizione delle anime morte. Alcune convinzioni sono terrificanti, alcune sono strane e altre sono divertenti. La paura della morte e dell’aldilà perseguita quasi ogni individuo. Tutti cercano di raggiungere lo stato migliore dopo la morte, anche se non sanno cosa ci aspetta. Questo elenco offre un assaggio di alcune credenze interessanti sulle anime morte nell’induismo.

10- I morti tornano come corvi

Ogni anno, il giorno della morte dell’antenato, il rituale di nutrire i corvi viene praticato tra gli indù in India. Credono che gli antenati morti tornino a casa sotto forma di corvi. Mangia il cibo offerto, benedici e torna nel mondo dei morti.

Questa convinzione è sostenuta da una storia in Ramayana. Ravana, che è considerato un cattivo in Ramayana; Ha ricevuto un grande vantaggio da Brahma (il dio delle creazioni), che ha reso gli dei Kubera, Yama. Varuna e altri si nascondono da lui sotto forma di animali, per paura di Ravana. Per loro bontà, Ravana non poteva identificarli, poiché erano travestiti. Dopo che Ravana se ne andò, questi dei furono molto grati agli animali che li nascosero e li salvarono da gravi danni. Quindi, hanno dato dei vantaggi a quegli animali. Yama – il dio della morte ha dato il vantaggio di essere nutrito per conto degli antenati defunti, ai corvi. Le persone di solito cucinano il cibo preferito del defunto e invitano i corvi a mangiarlo.

9- I morti hanno 7 rinascite

Gli indù credono che ci siano sette rinascite per ogni persona. Credono che una persona nasca di nuovo principalmente come essere umano. Tuttavia, ci sono possibilità che lui o lei possa nascere come animale. Considerano che, le persone che commettono molti peccati nella loro vita terrena, di solito la prossima volta hanno un parto animale. Inoltre, credono di avere sette possibilità di vivere una buona vita, prima di andare in paradiso. Credono anche che tutti gli eventi accaduti in ogni nascita della persona siano memorizzati nella sua memoria.

Tuttavia, pochissimi sono in grado di ri-raccogliere quei ricordi. Credono anche che coloro che sono coinvolti in attività religiose e servono dio direttamente nei templi indù hanno maggiori probabilità di raggiungere il paradiso dopo la morte e probabilmente non avrebbero avuto un’altra nascita. Gli indù considerano la mucca e il cavallo come animali sacri. Alcuni di loro credono che coloro che non trattano gli animali sacri con gentilezza, nasceranno come animali alla nascita successiva.

8- I morti si trasformano in fantasmi


Gli indù credono nell’esistenza dei fantasmi. Le persone che muoiono dopo aver commesso peccati molto crudeli o si uccidono sono considerate vagare sulla terra come fantasmi; Fino a quando non ricevono la loro punizione. Tali fantasmi o spiriti sono classificati in due categorie. Uno è la categoria "Good Ghosts", che consiste di spiriti che hanno riconosciuto le loro attività malvagie sulla terra e sono pronti a ricevere la loro punizione. Si ritiene che tali fantasmi aiutino le persone sulla terra. Dimora in luoghi religiosi e nei luoghi in cui si svolgono le cerimonie funebri e anche nelle case dei loro familiari.

L’altra è la categoria "Evil Ghosts", che consiste di spiriti che non si sono pentiti per le loro attività malvagie sulla terra e non sono disposti a subire la loro punizione. Si ritiene che tali fantasmi continuino a danneggiare le persone sulla terra e vivano in edifici abbandonati o in rovina, grandi alberi e cortili.

7- Riunione con il padre e il nonno morti


Gli indù credono che i morti si uniranno al padre e al nonno; Se i rituali vengono eseguiti correttamente dai figli del defunto, la casa del defunto viene pulita e la cerimonia funebre viene eseguita da un sacerdote il 31 ° giorno dopo la morte. Il Sacerdote realizza una grande pinda (pallina di riso) che rappresenta l’anima morta e tre piccole pinda che rappresentano le anime del padre, del bisnonno e del nonno del defunto.

Ora, per unire il defunto agli antenati, la pinda grande viene tagliata in 3 pezzettini e unita alle pinda piccole precedentemente preparate. Il rituale del ricongiungimento con gli antenati è completo dopo che i pinda sono stati mangiati da un corvo, una mucca o un pesce. Questo rituale viene eseguito il 31 dopo la morte o l’undicesimo giorno dopo la cremazione. Si ritiene che l’impurità nella casa del defunto finisca dopo aver completato questo rituale.

6- Reincarnazione nella stessa famiglia


Gli indù credono che lo stato d’animo della persona durante la morte determini se la persona andrà in paradiso o avrà un’altra nascita. Se la persona ha completato tutti i suoi ruoli e responsabilità terreni; Risolti i conflitti con gli altri, è probabile che andrà in paradiso. Se la persona muore in un incidente o in una malattia imprevista, avrà un altro parto il prima possibile.

Gli indù credono che, in caso di morti inaspettate, l’anima morta probabilmente rinascerebbe nella stessa famiglia. (Ad esempio, il figlio del defunto può dare alla luce lo stesso padre defunto). Se previsto, i rituali vengono eseguiti correttamente. Alcuni rituali di invio dell’anima defunta in paradiso non vengono eseguiti in caso di morti inaspettate. Perché è probabile che queste anime abbiano un’altra nascita, probabilmente nella stessa famiglia. Inoltre, secondo i Veda; I parenti dei morti non dovrebbero piangere o lamentarsi molto, se la persona deceduta ha avuto una morte pacifica. Si ritiene che tali lamenti manterranno l’anima morta attaccata alle relazioni terrene e ritarderanno la partenza per il paradiso. Per le morti accidentali o inaspettate, non ci sono limitazioni al lutto nei Veda.

5- Posizionamento in base al tempo e all’ambiente


Gli indù credono che il momento della morte e l’ambiente durante la morte decidano dove trascorrerà il defunto dopo la vita. Credono che morire in certi giorni di buon auspicio possa portare la persona direttamente in paradiso. Incantare i nomi degli dei indù, mantra e Veda sono considerati le cose migliori da fare durante la morte. Credono che morire in un giorno di festa o quando si celebra la puja in casa, farà andare una persona al suo dio in cielo, indipendentemente da ciò che hanno fatto nella loro vita sulla terra.

Inoltre, credono che ci siano molti cieli e, a seconda dell’ambiente di morte, andranno nei rispettivi cieli. Ad esempio, il paradiso dei guerrieri è per coloro che sono morti nei campi di battaglia, nelle guerre, ecc. Alcune persone che sentono o immaginano che stanno per morire, chiedono ai loro parenti di continuare a ripetere alcuni mantra e nomi di dio nelle loro orecchie, finché non muoiono. Preferiscono morire a casa, con amici e parenti in giro, piuttosto che morire in un ambiente ospedaliero.

4- Anime morte meritevoli


Durante il periodo vedico, c’erano rituali da eseguire per uccidere i nemici e offrire sacrifici umani. Il sacrificio umano a dio non era considerato un male durante i giorni vedici. In genere veniva fatto per ragioni come sbarazzarsi della rabbia di Dio, ottenere poteri magici, ecc. La persona che si offre come sacrificio umano a Dio è considerata un "bhakta". Il che significa devoto e le famiglie della vittima sono considerate "privilegiate" o "meritevoli". Si ritiene che la vittima sacrificata abbia ottenuto un ottimo posto in paradiso o una nascita reale nella prossima vita.

Tali sacrifici erano numerosi, durante i periodi di calamità naturali, siccità e malattie altamente diffuse. La morte dei bambini nel grembo materno era considerata il risultato dell’ira di Dio in famiglia. E come rimedio, qualcuno nella famiglia della madre è stato offerto in sacrificio. Sebbene tali attività crudeli siano vietate dalla legge, sono ancora praticate in remoti villaggi tribali in India.

Guarda anche; 10 curiosi scandali di Swami indiani.

3- I morti rimangono nel luogo della morte o della tomba


Gli indù credono che i morti abitualmente dimorino nel luogo della morte o nel luogo di sepoltura o cremazione, fino al completamento dei sacramenti. Si ritiene che le anime morte siano vincolate dalle emozioni, dai sentimenti e dagli affetti delle relazioni mondane. E non possono lasciare il mondo finché non vengono liberati eseguendo rituali.

Gli indù bruciano il corpo dei morti, invece di seppellirlo. Perché ritengono che ciò aiuterebbe a lasciare che l’anima rompa la sua associazione con il suo corpo e si sposti nel suo nuovo mondo. Credono che potrebbe volerci del tempo prima che le anime si allontanino dal mondo fisico al mondo dei morti. E i rituali li aiutano a ridurre questo tempo. Credono anche che alcune anime possano essere scioccate o insoddisfatte della morte improvvisa; I rituali li aiuteranno a sbarazzarsi dello shock e della paura, li aiuteranno a calmarsi e riposare in pace.

2- Cadavere nel fiume Gange


Gli indù credono che il fiume Gange sia un fiume sacro, che collega cielo e terra. Credono che se il corpo mezzo bruciato del defunto viene gettato in questo fiume, l’anima morta raggiungerà sicuramente il paradiso, indipendentemente dalle sue azioni sulla terra, dalle circostanze o dall’ora della morte. Ciò ha portato a un drastico inquinamento del fiume Gange, rendendolo un fiume dei morti. Migliaia di cadaveri in decomposizione galleggiano nel fiume, anche oggi. La gente continua a fare il bagno e persino a bere l’acqua di questo fiume, considerandolo sacro.

Si è riscontrato che ogni anno circa 1,5 lac di cadaveri vengono decomposti nel fiume. Alcune persone che vivono lontano dal fiume, portano le ceneri bruciate dei loro parenti morti sul fiume Gange e vi eseguono i riti rituali. Nonostante il vasto inquinamento nelle aree circostanti il ​​fiume, il governo non ha preso alcuna misura per fermare lo sfruttamento del fiume. Le persone che vivono nelle vicinanze del fiume Gange non vogliono rischiare l’aldilà dei loro parenti né smettere di seguire le usanze religiose dei loro antenati.

1- Preghiere ai morti


Gli indù credono che gli antenati morti possano essere adorati e la loro protezione possa essere cercata nella loro vita quotidiana. Credono che antenati e parenti morti vengano in sogno e vivano con i loro parenti e figli, se sono onorati e adorato da loro. Credono anche che tutti i rituali fatti ai morti, li mantengano in contatto con i parenti o i membri della famiglia e quindi li proteggano e siano presenti con loro.

Gli indù di solito conservano le foto dei morti insieme agli idoli dei loro dei, nelle loro case e li adorano ogni giorno. Le foto del defunto sono decorate con fiori e sono considerate dei. Ogni anno, durante il giorno della morte del defunto; Cucinano un’ampia varietà di cibi e li mettono davanti alla foto. Eseguono alcuni rituali, cercano le benedizioni dei morti. Offrite del cibo per il corvo e poi mangiate il cibo da soli.

Scritto da: Lakshmi S.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More