I 10 migliori slogan politici davvero famosi

0

La politica consiste nel fare affermazioni e richieste. A volte questi sono fatti allo stato o al governo, mentre in altre occasioni questi sono fatti alla società in generale. In definitiva, però, si tratta di riunirsi sulla base di un interesse condiviso e poi cercare di aggiudicarsi la vittoria. Inutile dire che per ottenere questa vittoria sarà fondamentale formulare il giusto tipo di slogan. Ciò aiuta non solo ad attirare l’attenzione, ma anche a deintellettualizzare il discorso politico e a rendere le complesse cose teoriche facilmente accessibili e comprensibili alle masse. Ecco un elenco di alcuni di questi slogan politici nel tempo e nello spazio.

10 slogan politici più famosi

10 Atterrare al timone

Questo slogan divenne popolare durante il movimento naxalita o maoista in India alla fine degli anni ’60. Ispirati dal "Presidente Mao" e dalla sua Rivoluzione Culturale, i giovani comunisti in India, in particolare in stati come il Bengala Occidentale e l’Andhra Pradesh, decisero di intraprendere la strada dell’insurrezione violenta per strappare la terra ai ricchi proprietari terrieri e consegnarla ai coltivatori, che secondo loro, aveva la vera autorità morale della proprietà.

9 Chávez vive, la patria continua!

Salutando il leader venezuelano Hugo Chavez, questo slogan è diventato famoso grazie all’uso da parte dei chavista o dei seguaci del defunto presidente dopo la sua morte. Era visto come una persona chiave nella costruzione del regime di sinistra nel paese e molti avevano predetto il ritiro della sinistra dalla nazione dopo la sua morte. Tuttavia, questo slogan intendeva dimostrare che quegli oppositori si sbagliavano. Significa letteralmente che Chavez vive, la Patria vive.

8 Tutto il potere all’immaginazione

L’Internazionale Situazionista di fama di Guy Debord ha usato lo slogan "Tutto il potere ai Soviet" della rivoluzione bolscevica e lo ha modificato per adattarlo alla propria agenda che era di natura più filosofica. Sono stati ispirati dai movimenti artistici dadaisti e surrealisti, nonché da tendenze anti-bolsceviche e contro autoritarie.

7 Jai Jawan Jai Kisan

Coniato dall’amministrazione Lal Bahadur Shashtri in India nel 1965, questo slogan si riferiva ai soldati indiani (jawan) e agli agricoltori (kisan). Ha glorificato queste due classi di cittadini. È interessante notare che lo stato nazionale indiano indipendente era ancora nei suoi primi anni e quindi c’era la necessità di garantire la lealtà delle forze armate. Inoltre, il paese stava vacillando sotto una tremenda sofferenza agraria e quindi anche gli agricoltori dovevano essere corteggiati in modo che la produzione di cibo potesse essere aumentata per sfamare milioni.

6 Un popolo, un regno, un leader


Come è noto, il Führer era il modo in cui i tedeschi nazisti si riferivano amorevolmente a Hitler. Questo slogan significava letteralmente "un popolo, un impero, un sovrano". I nazisti non solo salutavano affettuosamente il loro supremo, ma dichiaravano anche il loro programma altamente nazionalista. "Un popolo" esprimeva chiaramente il senso minaccioso di una popolazione omogenea senza alcuna diversità di razze ed etnie.

5 Real Democracy Now!


Tradotto in inglese come Real Democracy Now, questo slogan spagnolo è diventato molto popolare in quello che ora viene definito il movimento 15M in Spagna. In un anno che divenne noto come un anno di proteste, la Spagna è stata testimone di una massiccia agitazione sociale per le misure di austerità che miravano a tagliare la spesa pubblica e ridurre la rete di sicurezza sociale.

4 Meglio morto che rosso


È noto che durante l’era maccartista ci fu un significativo aumento dell’anticomunismo o dello spavento rosso negli Stati Uniti e anche in altri paesi. La paura della rivoluzione bolscevica è stata concepita come "pericolo evidente e presente". Questo è il motivo per cui la brigata anticomunista era solita sostenere misure dure tra cui anche la pena di morte per coloro sospettati di essere coinvolti in attività comuniste.

3 pane e rose


Molti attivisti sindacali hanno regolarmente pronunciato con la bocca questo slogan estremamente significativo. Fondamentalmente, si riferisce al fatto che i lavoratori hanno bisogno non solo dei servizi di base come cibo e riparo (simboleggiati dal pane), ma anche del lusso e della possibilità di sviluppare appieno le proprie capacità umane (denotate dalle rose).

2 Mangia i ricchi

Questo slogan risale a Rousseau, una delle persone chiave della Rivoluzione francese. Nei suoi famosi Discorsi, Rousseau aveva parlato in dettaglio dei mali di una società in cui c’era così tanta disparità di ricchezza. Era fermamente contrario al concetto di dominio dei poveri da parte dei ricchi.

1 Libertà, uguaglianza, fraternità


Questo slogan è probabilmente il più famoso ed è stato utilizzato da una vasta gamma di associazioni politiche. Ha avuto origine durante la rivoluzione francese che è stata ispirata dalle opere di filosofi libertari come Rousseau e Voltaire che hanno parlato delle tre virtù di uguaglianza, libertà e fraternità. Molti democratici e socialisti hanno successivamente utilizzato questo slogan per mostrare le loro tendenze democratiche all’elettorato.

Scritto da: Kisholoy Mukherjee

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More