I titoli incidono davvero sulle classifiche?

4

Quando si tratta di ottimizzazione per i motori di ricerca, il processo per garantire che il tuo sito riceva il miglior posizionamento possibile è spesso scrupoloso. In effetti, ci sono praticamente innumerevoli dettagli di cui tenere traccia, e anche gli elementi apparentemente meno essenziali del sito web sono argomento di dibattito tra gli esperti.

Ad esempio: i titoli influiscono davvero sulle classifiche? Questa è una domanda posta da molti esperti SEO e creatori di contenuti. E forniremo una risposta approfondita proprio qui! Esamineremo la natura dei tag H1 e vedremo se il loro utilizzo migliora davvero le tue possibilità di un ottimo posizionamento del sito web.

Contemporaneamente, vedremo la posizione ufficiale di Google sulla questione ei risultati di alcune ricerche indipendenti.

Tag H1 101

Quindi, quali sono i tag H1 in primo luogo? Questi sono frammenti di codice HTML che sono lì per evidenziare alcune delle informazioni più importanti visualizzate su qualsiasi pagina. Principalmente, questi tag vengono utilizzati per mostrare i titoli dei post o delle pagine del tuo blog. Per esempio:

<h1>Do Headings Really Impact Rankings?</h1>

Il loro scopo è trasmettere stilisticamente l'argomento principale di ogni pagina ai visitatori del sito web. Ma, forse altrettanto importante, sono anche lì per mostrare la struttura essenziale di una pagina ai motori di ricerca. Quando inserisci un titolo nei tag H1, i motori di ricerca lo vedono come il "titolo" del contenuto della tua pagina.

In pratica, questo significa che il testo è più in grassetto e più grande di qualsiasi cosa si trovi nel testo circostante, rendendolo la cosa più facile da leggere e di solito la prima cosa che vedi. Il testo H1 di solito non contiene più di un paio di parole, anche se alcuni scrivono intere frasi.

Importanza per i lettori

In sostanza, usare H1 e altri titoli è sicuramente una buona idea. Se non lo fai, le tue pagine sembreranno prive di struttura rispetto ad altri contenuti online. Ricorda, è tutta una questione di esperienza dell'utente. Se i lettori non trovano facile sezionare l'essenza di una pagina a colpo d'occhio, le tue frequenze di rimbalzo saliranno alle stelle mentre tutti inizieranno ad andare altrove per le loro informazioni.

Al giorno d'oggi, è più probabile che le persone scorrano una pagina piuttosto che leggerla in dettaglio; la capacità media di attenzione dei visitatori del sito Web è incredibilmente bassa. Con questo in mente, devi fornire loro alcune informazioni di base subito, come esattamente di cosa tratta la tua pagina. In questo caso, l'intestazione H1 funge da segnale, e così anche gli altri.

A proposito, dovremmo sottolineare che H1 non è l'unico tipo di uscita là fuori. Ci sono anche sottotitoli, fino a H6. Questi diminuiscono in dimensioni e importanza, con H6 che è il meno cruciale.

Insieme ai tag di intestazione H1, questi servono a fornire ulteriore struttura al contenuto della tua pagina. La gerarchia creata da questi sottotitoli è una caratteristica eccellente in termini di esperienza utente; le persone possono dare un'occhiata al tuo testo e vedere i suoi principali "ritmi della trama" prima di leggerlo. Ciò garantisce frequenze di rimbalzo molto più basse rispetto a un muro di testo infinito, in particolare quando prendiamo in considerazione gli utenti mobili.

H1 e SEO

Google apprezza le esperienze utente positive e i siti Web con frequenze di rimbalzo basse ricevono classifiche migliori. Da questo punto di vista, la risposta alla domanda se i titoli incidono davvero sulle classifiche sembra abbondantemente chiara.

Ma quando entriamo nel vivo dell'argomento, dobbiamo rispondere a una domanda più specifica: l'utilizzo dei tag H1 garantisce un posizionamento migliore nell'algoritmo di ricerca di Google? L'opinione su questo è divisa e i circoli SEO non hanno raggiunto una conclusione unificata.

John Mueller di Google ha spesso affermato che un sito Web senza tag H1 può classificarsi altrettanto bene di uno che li ha, dal punto di vista del loro algoritmo. Tuttavia, anche se questa potrebbe non essere più una metrica tecnica apprezzata da Google, molti esperti SEO sottolineano che, come abbiamo concluso sopra, i titoli hanno un effetto positivo indiretto attraverso l'esperienza dell'utente e la leggibilità.

In altre parole, è improbabile che Google ti dia la prima posizione nella SERP solo perché hai incluso tag di intestazione nel tuo sito web. Tuttavia, se i tuoi visitatori rispondono meglio a contenuti più strutturati, e probabilmente lo faranno, questo cambiamento comportamentale è qualcosa che Google nota. Se i tuoi contenuti diventano più coinvolgenti e affascinano gli utenti, queste sono metriche ancora tenute in grande considerazione da Google. Frequenze di rimbalzo inferiori e ritenzione più elevata avranno sicuramente un impatto positivo sulle tue classifiche.

Molti sondaggi condotti da professionisti del settore e aziende influenti come Moz hanno concluso che i tag sono in realtà tra i primi cinque fattori di ranking più importanti nella pratica. Se combinati con fattori di ottimizzazione on-page come l'inclusione di parole chiave nei tag di intestazione, diventano ancora più cruciali.

Inoltre, dovremmo sottolineare che anche John Mueller riconosce l'importanza dei tag di intestazione. Sebbene abbia affermato che questo non è più considerato un fattore di ranking diretto da Google, ha anche affermato che l'utilizzo di intestazioni e sottotitoli rende più facile per il crawlbot di Google comprendere la struttura del tuo sito web.

Implementazione delle intestazioni

Visto che i titoli influiscono davvero sulle classifiche in alcuni aspetti, la domanda è: quali sono le cose da tenere a mente durante l'implementazione?

Prima di tutto, ogni pagina del tuo sito web dovrebbe contenere un tag H1. Questo tag, come abbiamo sottolineato sopra, dovrebbe includere un breve titolo della tua pagina. Dovrebbe essere qualcosa che fornisca immediatamente agli utenti informazioni sull'argomento della pagina.

Allo stesso tempo, non consigliamo di includere più di un singolo tag H1 in una pagina. Tutte le successive categorizzazioni dei contenuti devono utilizzare tag H2 o di livello inferiore. Pensa alla tua pagina come a un articolo di giornale. In questa analogia, i tuoi tag H1 sono i titoli. E la tua prima pagina ha solo un grande titolo; il resto è meno importante e presentato in caratteri più piccoli.

Inoltre, assicurati che ogni tag H1 nel tuo sito web sia univoco. L'ultima cosa che vuoi è che il tuo sito web contenga contenuti duplicati, sia da altre pagine del sito che da altri siti. Questo è un enorme no-no dal punto di vista SEO.

Ti consigliamo di non allungare troppo il testo nei tag H1; qualcosa tra 30 e 60 caratteri è l'ideale. Se l'intestazione è troppo lunga, la pagina non sembrerà esteticamente gradevole e potrebbe persino confondere i tuoi lettori.

È fondamentale includere anche altri tag. Più sei specifico con i tuoi tag, più facile sarà per i crawler dei motori di ricerca e per i tuoi lettori indovinare rapidamente i contenuti della pagina. In questo modo, qualsiasi informazione cruciale sarà facilmente ottenibile immediatamente.

Infine, dobbiamo sottolineare che i tag di intestazione hanno un impatto diretto sui frammenti in primo piano, in particolare quando si tratta di sottotitoli di livello inferiore. Al giorno d'oggi, gli esperti SEO devono ottimizzare per parole chiave più lunghe che mai, che coprono frasi complete.

La ragione di ciò è che la ricerca vocale sta diventando più incisiva che mai. E quando le persone usano Google Home o Alexa per porre le loro domande su Internet, non parlano come digiterebbero davanti a un computer o su un dispositivo mobile. Invece, praticamente parlano con i dispositivi, offrendo loro parole chiave a coda lunga.

Puoi utilizzare i sottotitoli per ottimizzare queste parole chiave includendo un'intera frase come titolo del sottotitolo. Puoi quindi utilizzare il testo del paragrafo standard di seguito per rispondere alla domanda che hai posto nel titolo.

Ricorda solo che anche il posizionamento delle tue parole chiave tra intestazioni e sottotitoli potrebbe essere importante. La maggior parte degli esperti SEO afferma che il livello del sottotitolo in cui inserisci le parole chiave non ha importanza, ma alcuni pensano che una parola chiave inserita in un tag H2 non verrà vista come parola chiave principale. Tuttavia, la prova per questo è sottile, ma ancora qualcosa su cui riflettere.

Esperimenti con le intestazioni

Molti esperti SEO come Neil Patel hanno condotto dei test per vedere se i titoli incidono davvero sul posizionamento. Questo di solito veniva fatto con una versione modificata di un test A/B e le pagine del sito web venivano divise in quattro gruppi.

Il primo sarebbe il gruppo di controllo in cui le pagine vengono lasciate intatte nella loro forma originale. Tale gruppo conteneva entrambe le pagine con e senza titoli, qualcosa di simile a un gruppo di base che sarebbe servito a differenziare l'impatto dei titoli dall'impatto di una miriade di altri fattori.

Oltre a quel gruppo, ci sarebbe stato un gruppo di intestazioni, un altro senza intestazioni e un quarto che non conteneva tag di intestazione, ma conteneva caratteri di varie dimensioni per dare enfasi.

Nella maggior parte dei test, il gruppo dei titoli ha mostrato risultati simili a quelli del gruppo di controllo. Tuttavia, gli altri due gruppi hanno effettivamente prodotto risultati interessanti. Quando si tratta di gruppi senza intestazioni o dimensioni del testo diverse, una cosa è degna di nota. Dopo che le intestazioni sono state rimosse dai siti web che in precedenza le avevano, il traffico è diminuito di quasi il 4% nei due mesi successivi. D'altra parte, il gruppo finale che non aveva tag di intestazione ma aveva dimensioni di testo diverse ha registrato prestazioni di traffico in linea con quelle dei primi due gruppi. Quindi, cosa significa questo per l'impatto delle intestazioni sulle classifiche SEO?

La mancanza di intestazioni si traduce in un calo del traffico. Questo è chiaro e la domanda successiva è: questa riduzione del traffico deriva dalla mancanza di tag H1 o dalla conseguente minore leggibilità e usabilità? In altre parole: Google stesso ha punito il sito Web o la base di utenti ha votato con i piedi?

Alla fine, i risultati del gruppo finale puntano verso quest'ultimo. Il fatto che le pagine che non avevano tag H1 ma avevano il testo con dimensioni di carattere equivalenti ci mostra che la leggibilità che deriva dai titoli è il fattore cruciale qui.

Non c'è dubbio che le pagine senza titoli e dimensioni del testo variabili siano meno leggibili. Questo test ha anche mostrato che i tassi di ritenzione sulle pagine che contenevano solo testo in paragrafi sono diminuiti in modo significativo. Il tempo che il visitatore medio ha trascorso su queste pagine è stato ridotto di oltre il 10%!

Conclusione

Quindi, cosa possiamo concludere dal nostro sguardo approfondito sulla relazione tra classifiche SEO e intestazioni su un sito web? Le intestazioni stesse non sono tra i fattori SEO più critici là fuori. Tuttavia, sappiamo per certo che l'usabilità lo è e le intestazioni hanno un impatto enorme su quanto sia presentabile e utilizzabile una pagina.

L'uso di caratteri più grandi in punti specifici può aiutare a spezzare il testo eccessivamente lungo o costruito male, poiché sia ​​gli utenti che i motori di ricerca possono vedere di cosa tratta la pagina con meno sforzo. Puoi anche utilizzare queste intestazioni per eseguire ottimizzazioni delle parole chiave e altre tecniche SEO on-page.

Alla fine, non sembra importare se enfatizzi parti della pagina tramite intestazioni o solo dimensioni dei caratteri più grandi, almeno non per Google.

Tuttavia, dovresti ricordare che Google non è l'unico motore di ricerca là fuori; ad esempio, altri concorrenti con una quota di mercato molto più piccola, ma comunque sostanziale (come Bing) potrebbero investire di più nei tag H1 stessi. Inoltre, altri programmi come il software di accessibilità potrebbero avere standard che attribuiscono più valore ai tag.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More