Google fornirà più opzioni per gli utenti di G Suite al termine del livello gratuito

4

In poche parole: Google ha recentemente apportato alcune modifiche per migrare gli utenti di livello gratuito di G Suite ad abbonamenti a pagamento senza un percorso chiaro se non volevano pagare. Dopo qualche contraccolpo, ora ha promesso opzioni non a pagamento per gli utenti che non vogliono perdere i propri dati.

Google ha recentemente modificato la pagina delle domande frequenti per l’aggiornamento a Google Workspace, inclusa una sezione per coloro che utilizzano G Suite gratuito e non vogliono passare a un abbonamento a pagamento. Dice che Google fornirà un’altra opzione quest’anno che non costerà nulla e consentirà loro di conservare la maggior parte dei loro dati.

Gli utenti potranno esaminare questa opzione prima del 1° luglio, l’ultima scadenza prima che gli utenti di G Suite inizino a pagare per Google Workspace o perdano gran parte dei loro dati.

Google ha anche indirizzato quegli utenti a un sondaggio che chiede come utilizzano G Suite. Questa potrebbe essere un’indicazione che sta ancora valutando come progettare questa nuova opzione gratuita. Google potrebbe non sapere che molti utenti gratuiti non stanno effettivamente utilizzando le funzionalità di G Suite per le aziende.

Gli utenti legacy di G Suite sono coloro che hanno creato account per il livello base gratuito del servizio di produttività di Google prima del 2012, quando l’azienda lo ha sostituito con Google Workspace. Gli utenti di G Suite di livello gratuito possono continuare a utilizzare la versione precedente di G Suite senza pagare un abbonamento.

All’inizio di questo mese, tuttavia, Google ha comunicato loro che avevano tempo fino a maggio per migrare a Workspace. La società li migra automaticamente il 1 maggio, ma non li addebita fino al 1 luglio, a quel punto cancellerebbe tutti gli utenti che non avevano impostato un piano di pagamento.

Tali utenti potrebbero potenzialmente perdere dati da servizi come Gmail, Calendar e Meet, ma non YouTube o Google Foto. Il sondaggio e le recenti modifiche sembrano essere in risposta al contraccolpo.

Fonte di registrazione: www.techspot.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More