Ciò che piante e persone hanno in comune

7

Trovo i terrari affascinanti. Non so molto di piante, ma amo l'idea che un piccolo sistema composto da poco più di acqua, terreno e poche piante possa sostenersi da solo. Il problema, tuttavia, è che quando un terrario è anche leggermente sbilanciato, se una pianta beve più acqua delle altre, o le piante sono sovra o sottoesposte al sole, l'intero ecosistema ne risente.

Questo è esattamente quello che è successo al mio terrario. L'ecosistema originale era composto da alcune delle piante più verdi che abbia mai visto, cioè fino a quando una pianta non aspirava più acqua delle altre. Ora l'ecosistema originale è ridotto a una sola succulenta. Non c'è più muschio e le piante più piccole sono scomparse, il tutto a spese di quell'avida succulenta.

La parte ironica è che nemmeno questa pianta ce la farà: non può continuare a crescere e prosperare senza un ecosistema che la sostenga a lungo termine.

Direi che questo vale anche per le persone. Prendi quelli che Gandhi considera i sette peccati sociali :

  1. Ricchezza senza lavoro;
  2. Piacere senza coscienza;
  3. Conoscenza senza carattere;
  4. Commercio senza moralità;
  5. Scienza senza umanità;
  6. Religione senza sacrificio;
  7. Politica senza principi.

Tutti e sette i peccati giocano su questa stessa idea di base: non viviamo in un ecosistema chiuso. Sbilanciamo l'intero sistema quando non rendiamo conto del fatto che le nostre azioni influenzano le persone e il mondo che ci circonda.

Che ce ne rendiamo conto o meno, molte delle nostre azioni fanno questo. Un commento disinvolto che facciamo per scherzo può stare con qualcuno per anni. Un leader mondiale può, con la semplice pressione di un pulsante, cancellare una parte significativa della mappa. Qualsiasi persona che non consideri gli altri quando prende decisioni avrà un impatto negativo su un intero ecosistema. Questo è ancora più vero per coloro di cui ci fidiamo con maggiore potere, compresi i leader che assumiamo ed eleggiamo. Poiché viviamo in un mondo iperconnesso, i risultati delle nostre decisioni, positive o negative, ci tornano indietro, come l'unica pianta del mio terrario che è sopravvissuta a spese di tutte le altre.

A mio parere, tenere a mente gli altri è più importante oggi che mai. Questo si estende anche alla nostra produttività: non importa quanto siamo produttivi quando non prendiamo in considerazione gli altri nel processo: quanto tempo di lavoro influisca sulla nostra famiglia; come spingere i membri del nostro team influisce sulla loro felicità, morale e vita personale.

Uno degli esperimenti di produttività più illuminanti che ho condotto durante il mio anno di produttività è stato vivere in totale isolamento per 10 giorni. Per 10 giorni mi sono separato dagli altri e ho vissuto nel seminterrato con il mio laptop e un mucchio di cibo in scatola. Il mio obiettivo era vedere l'impatto sulla produttività del non essere circondato da persone. Non solo la mia produttività e il mio umore sono stati totalmente depressi questa settimana, ma l'esperimento mi ha mostrato qualcosa di essenziale: circondarci di altre persone non è solo importante per rimanere coinvolti e motivati ​​con il nostro lavoro.

Le persone sono la ragione per cui ci sforziamo di diventare più produttivi in ​​primo luogo.

Se ti svegliassi la mattina e scoprissi di essere l'unica persona rimasta sulla Terra, non importa quanto sei produttivo. Il miglior motivo possibile per investire nella tua produttività è aiutare di più gli altri: quando diventi più produttivo, hai l'opportunità di avere un impatto maggiore e fare la differenza.

Le tue azioni, parole e decisioni influenzano gli altri, forse più di quanto pensi. In caso di dubbio, rimpicciolisci e considera l'ecosistema più ampio in cui vivi e lavori. Non diventare il succulento solista.

Fonte di registrazione: alifeofproductivity.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More