10 cose moderne che in realtà sono molto più antiche di quanto pensi

0

Ci sono alcuni aspetti della nostra vita quotidiana moderna che possiamo credere con tutto il cuore siano stati concepiti di recente. Alcuni di questi, come iPhone e televisori, sono davvero invenzioni moderne mentre altri sembrano risalire a secoli fa. Di seguito abbiamo un elenco di dieci cose apparentemente "moderne" che in realtà sono molto più antiche di quanto avresti mai potuto immaginare.

10 Nose Jobs furono eseguiti per la prima volta nell’antica India

Sebbene i lavori al naso (e la chirurgia plastica in generale) possano sembrare una procedura abbastanza nuova, in realtà esistono da oltre due millenni.

Secondo Elizabeth Harken, l’autore di ‘Venus Envy: A History of Plastic Surgery ‘, la prima procedura di rinoplastica registrata è stata eseguita nell’antica India nel VI secolo a.C., dove un lembo di pelle dalla guancia di un paziente è stato utilizzato per rimodellare il nuovo naso.

In Occidente, la chirurgia nasale divenne popolare alla fine del XVI secolo, dopo che l’epidemia di sifilide europea lasciò le vittime con buchi per il naso a causa della carie dei tessuti molli. Sono stati utilizzati diversi metodi per ricreare il naso, il più popolare consisteva nel prendere la pelle dal braccio del paziente e innestarla sul viso nel tentativo di ricreare il naso.

Alla fine del XIX secolo, la chirurgia plastica divenne popolare in Nord America tra coloro che desideravano sostituire le loro caratteristiche socialmente indesiderabili, come il naso grande o le linee della mascella indistinte.

9 Il nuoto sincronizzato era popolare nell’antica Roma

Si dice che l’antico predecessore del moderno nuoto sincronizzato siano state le esibizioni acquatiche dell’antica Roma. Il poeta romano del I secolo d.C. Marziale scrisse di questi primi spettacoli acquatici nel Colosseo in una serie di epigrammi.

Secondo Martial, l’anfiteatro sarebbe allagato e un gruppo di donne avrebbe interpretato il ruolo di Nereidi, o ninfe d’acqua, in uno spettacolo acquatico. Le donne si tuffarono, nuotarono e crearono formazioni elaborate e forme nautiche nell’acqua, come il profilo o la forma di una nave con vele fluttuanti.

Poiché le donne stavano raffigurando ninfe d’acqua, è molto probabile che si esibissero nude. E poiché mostrare il proprio corpo nudo in pubblico era considerato un atto vergognoso, si ritiene che le donne che si esibivano a questi spettacoli fossero di basso rango, probabilmente schiave.

Anche il nuoto "ornamentale" era popolare nell’Ottocento e prevedeva l’esecuzione di acrobazie acquatiche come capriole, calpestio e nuoto con braccia e gambe legate. I nuotatori hanno ballato il valzer e nuotato in vasche di vetro nelle sale da musica e negli acquari e talvolta hanno persino aperto i loro spettacoli con trucchi subacquei come fumare mentre sono immersi.

8 scarpe da corsa utilizzate per assomigliare a scarpe da uomo formali


Le scarpe da corsa più antiche risalgono ai primi anni ’60 dell’Ottocento, anche se assomigliano a malapena alle scarpe da ginnastica odierne. Creati per la prima volta da Thomas Dutton e Thorowgood, sembrano più adatti per un’occasione formale, con pelle nera liscia e tacco impilato.

Ad un’ulteriore ispezione, tuttavia, potresti notare strane punte che emergono dalle suole e una fascia di pelle sul collo del piede per un maggiore supporto, che indicano il vero scopo delle scarpe.

All’inizio del 1800, nacque una nuova moda per il “pedonismo, o camminata competitiva, che portò anche a una maggiore popolarità nella corsa competitiva e, successivamente, nelle scarpe da corsa.

7 Maccheroni e formaggio risalgono al XIV secolo


Maccheroni e formaggio è il massimo comfort food, ma pochi sanno che risale al XIV secolo. Ricette per le prime versioni sono state trovate in vari libri di cucina, tra cui il libro di cucina medievale italiano "Liber de Coquina" (Libro di cucina) e l’inglese "Forme of Cury". Quest’ultimo descrive un piatto chiamato "makerouns" a base di pasta fresca, burro fuso e formaggio.

La ricetta è stata modernizzata da Elizabeth Raffald’s nel suo libro del 1769 "The Experienced English Housekeeper". Raffald ha incluso le istruzioni per la besciamella e ha consigliato ai lettori di completare il piatto con parmigiano e pangrattato.

Non è esattamente chiaro quando in America furono introdotti maccheroni e formaggio. Alcuni credono che i coloni coloniali abbiano portato il piatto dall’Inghilterra, mentre altri affermano che Thomas Jefferson ha provato il piatto in Europa ed è stato così colpito che ha tentato di progettare una macchina per la produzione di maccheroni. Quando il suo tentativo fallì, si accontentò di importare pasta di parmigiano e maccheroni dall’estero.

6 Merry Go Round furono inventati per la prima volta per l’addestramento dei cavalieri


Durante le crociate del 1100, i soldati europei osservarono i cavalieri turchi e arabi competere in un curioso gioco che prevedeva di cavalcare un cavallo mentre impugnava una lancia per scagliare un anello che pendeva da un ramo di un albero.

I partecipanti hanno preso il gioco così seriamente che i soldati europei hanno iniziato a chiamarlo "piccola guerra", che quando tradotto in italiano è diventato "garosello" o "carosella". Al loro ritorno in Europa, i crociati portarono con sé il gioco. Il gioco ha guadagnato rapidamente popolarità in Francia ed è stato denominato "carosello".

Durante il Medioevo, i prototipi di giostre venivano usati come macchina da addestramento per i cavalieri in battaglia. I cavalieri si sedevano su assi di legno disposte in cerchio, sospese a un palo centrale di legno. Mentre i cavalieri venivano fatti girare, cercavano di infilare le lance attraverso un piccolo anello fisso che rappresentava la testa del loro avversario in una partita di giostra.

Nel 1600 un dispositivo per l’addestramento alla giostra fu inventato da un gruppo di francesi. Il dispositivo consisteva in un cavallo scolpito sospeso da catene a un palo centrale. I giovani nobili che si allenavano per competere nella giostra avrebbero cavalcato questi cavalli senza rischiare di ferire i cavalli utilizzati nell’evento reale.

Fu solo nel 1700 che furono create versioni più piccole della giostra per l’intrattenimento.

5 moduli di consenso medico risalgono all’impero ottomano del XVI secolo


L’esempio più antico noto di un modulo di consenso medico scritto risale all’Impero Ottomano del XVI secolo. Il modulo è stato trovato nei registri Qadi. Qadis, che erano giudici musulmani che interpretavano e amministravano la legge della sharia ottomana, tenevano registri che documentavano le loro decisioni e il loro lavoro.

Nel caso della forma medica recentemente scoperta, un paziente, in presenza di testimoni, ha concesso ai chirurghi un’autorizzazione scritta per rimuovere una pietra nella sua vescica. Ha anche promesso di non fare causa se qualcosa è andato storto durante l’intervento.

La scoperta mostra che il concetto di consenso medico informato è stato praticato molto prima che fosse introdotto e adottato in Occidente.

4 D20 sono stati utilizzati durante il periodo tolemaico


Il d20 è stato reso popolare dal gioco di ruolo Dungeons & Dragons, ma si scopre che i dadi a venti facce esistono da un po ‘di tempo. In effetti, il più antico dado a ventidue risale al periodo tolemaico, il che lo collocherebbe tra il 305 aC e il 30 aC.

Spesso, la faccia di ogni dado era inscritta con numeri greci o latini sebbene un esempio insolito utilizzi parole greche che assomigliano a quelle associate a lanci di ossa delle nocche. Pertanto, alcuni credono che i dadi siano stati utilizzati nei giochi.

Altri sostengono che questi morti si riferiscono alla divinazione. Un antico libro di oracoli greci si riferisce al tirare a sorte per ottenere un numero che porterebbe a domande e risposte oracolari preparate. Tuttavia, poiché sono state conservate poche informazioni su questi stampi, le teorie sono costruite su indizi forniti da esempi varianti.

3 ristoranti da asporto erano una cosa nell’antica Roma


I fast-food esistono da secoli e risalgono almeno all’epoca romana antica. A quel tempo, erano chiamati "thermopolia" ed erano una caratteristica standard della vita intorno all’Impero Romano.

Nella sola Pompei c’erano oltre centoventi thermopolia in funzione. Erano simili ai nostri fast food oggi con una sola eccezione: il cibo servito in questi antichi fast food era davvero buono per te.

In effetti, la termopolia era così popolare che la maggior parte delle case di Pompei non aveva nemmeno una cucina. Un thermopolium standard consisteva in una stanza con un piano di lavoro in pietra con nicchie integrate per contenitori di cibo e stanze sul retro dove i clienti potevano mangiare.

Le termopolie erano usate principalmente da coloro che erano meno abbienti e quindi erano spesso disprezzate e disprezzate dalle classi più ricche.

2 Le impronte digitali venivano utilizzate come metodo di identificazione nell’antica Babilonia


L’uso delle impronte digitali a scopo di identificazione è una pratica antica che risale a millenni. Nel 1900 aC le impronte digitali furono utilizzate in Babilonia come metodo di protezione dalla falsificazione e dalla falsificazione. Le parti di un contratto legale avrebbero impresso le proprie impronte digitali sulla tavoletta di argilla su cui era stato scritto il contratto. Durante il regno del re babilonese Hammurabi, i funzionari della legge hanno rilevato le impronte digitali delle persone che erano state arrestate.

Nel 246 a.C., i funzionari cinesi imprimevano le loro impronte digitali in sigilli di argilla usati per sigillare documenti. Con l’arrivo della seta e della carta in Cina, le parti di un documento legale avrebbero impresso le loro impronte sul documento. Nel 300 d.C. in Cina, le impronte delle mani furono usate come prova nei processi per furto e nel 650 d.C. lo storico cinese Kia Kung-Yen commentò che le impronte digitali potevano essere utilizzate come mezzo di autenticazione.

1 Gli antichi egizi potrebbero aver usato i preservativi


Il preservativo più antico ancora esistente è stato trovato nella città di Lund in Svezia e si ritiene che sia stato prodotto e utilizzato intorno al 1640 d.C. Era ricavato dall’intestino di un maiale e veniva fornito con un manuale del proprietario scritto in latino. Il manuale raccomandava di lavare il preservativo nel latte caldo per prevenire le malattie.

Alcuni sostengono che ci siano prove negli scritti rupestri che gli antichi egizi usavano i preservativi fin dal 1.000 aC. Allo stesso modo, si ritiene che anche le pitture rupestri che hanno circa 2.000 anni a Combarelles in Francia mostrino l’uso del preservativo. Infine, si dice che i soldati romani usassero preservativi fatti con intestini di pecora essiccati.

Mentre la maggior parte dei preservativi erano fatti con intestini di animali, alcuni erano anche fatti di lino. Si dice che Casanova, ad esempio, usasse regolarmente i preservativi di lino, anche se li chiamava "Redingtone Anglaise" o "English Riding Coat".

Lista creata da: Laura Martisiute

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More