La guida per principianti al test delle app mobili

2

Proprio come qualsiasi altro software, le app mobili devono essere testate a fondo prima del loro rilascio per garantire che tutto funzioni esattamente come previsto.

Sebbene il test delle app mobili sia già un processo lungo e ingombrante, l'introduzione quotidiana di nuovi dispositivi mobili portatili, versioni del sistema operativo e strumenti di test delle app ha reso il lavoro dei tester di app mobili più complesso e stimolante che mai.

Se sei un principiante che sta pianificando di dare il via alla sua carriera nel test di app mobili, questa guida ti aiuterà a imparare tutto al riguardo. Cominciamo con la comprensione di cosa sia effettivamente il test delle app mobili!

Che cos'è il test delle app mobili?

Nel mercato globale altamente competitivo di oggi, dove il successo di un'app mobile è determinato dal numero totale di download che ha ottenuto, dalle recensioni positive che ha ottenuto e dalla posizione che detiene nell'app store, l'app mobile che hai appena sviluppato deve essere impeccabile per attrarre, coinvolgere e fidelizzare gli utenti, e questo può essere raggiunto solo attraverso rigorosi test delle app mobili.

Il test delle app mobili è essenzialmente il processo di ricerca e correzione dei bug in un'app mobile al fine di migliorarne la qualità complessiva, la funzionalità, l'usabilità e la coerenza e renderla il più impeccabile possibile per gli utenti. Eseguito manualmente o automaticamente mediante l'uso di strumenti di test delle app mobili o tramite una combinazione di entrambi, il test delle app mobili se eseguito correttamente non solo garantisce un'esperienza impeccabile e soddisfacente per gli utenti, ma svolge anche un ruolo fondamentale nel rendere l'app popolare e successo in pochissimo tempo. In breve, il test delle app mobili è ciò di cui ogni app ha bisogno per essere impeccabile, di successo e di alta qualità.

Sfide chiave per i test delle app mobili

Il test delle app mobili è molto più complesso del tradizionale test desktop e presenta quindi una serie completamente nuova di sfide sia per i tester che per gli sviluppatori. Di seguito sono elencate le principali sfide che i tester devono affrontare mentre migliorano la qualità e le prestazioni di un'app mobile:

Diversi tipi di app mobili:

Una grande sfida in sé poiché un'app mobile può essere nativa, Web o ibrida. Poiché ogni tipo di app è costruito in modo diverso e abbastanza diverso l'uno dall'altro in termini sia di processo di installazione che di funzionalità, deve essere testato in modo completamente diverso. La differenza fondamentale tra ogni tipo di app porta una serie di sfide al test delle app mobili.

Una varietà di dispositivi mobili:

Una delle maggiori sfide che i tester di app mobili devono affrontare è l'ampia varietà di dispositivi mobili disponibili oggi sul mercato. Questi includono smartphone, tablet, e-reader, dispositivi indossabili e qualsiasi altro dispositivo mobile in arrivo nel prossimo futuro. Avendo dimensioni dello schermo, risoluzioni, metodi di input e capacità hardware diversi, questi dispositivi presentano una serie di sfide completamente uniche per i tester di app mobili.

Diversità del sistema operativo:

Dispositivi mobili diversi utilizzano sistemi operativi diversi e versioni diverse di un particolare sistema operativo vengono utilizzate da dispositivi diversi in un dato momento. Ad esempio, Android ha ancora 8 diverse versioni del sistema operativo in uso; d'altra parte, il 65% dei dispositivi Apple utilizza iOS 11 mentre iOS 10 è installato sul 28% dei dispositivi Apple e il 7% utilizza ancora versioni precedenti di iOS. Testare una singola app su più dispositivi mobili in esecuzione su versioni diverse dello stesso sistema operativo rappresenta una sfida unica per i tester di app mobili.

Innumerevoli produttori:

Un'altra grande sfida che i tester devono affrontare è il numero in continua crescita di produttori di dispositivi mobili. Nel 2015 c'erano solo circa 1200 produttori di dispositivi mobili e all'inizio del 2018 stesso, il conteggio ha raggiunto oltre 1600. Indubbiamente, questi numeri aumenteranno solo nei prossimi anni. Diverse modifiche hardware e software che i produttori apportano ai propri dispositivi mobili per distinguersi gli uni dagli altri hanno un impatto diretto sul funzionamento di un'app, rendendo il processo di test ancora più complesso e impegnativo.

Sfide di connettività:

Gestire in modo efficace una varietà di opzioni di connettività, come diverse reti mobili (2G/3G/4G LTE/4G VoLTE e ora 5G), Wi-Fi, Bluetooth, infrarossi, ecc., non è altro che un banco di prova. Per tutti i tipi di modalità di connettività, l'applicazione deve funzionare senza problemi in diverse condizioni di rete come un cambiamento nella rete mobile, roaming, segnali di rete deboli, nessuna copertura di rete, bassa velocità di connessione, ecc. Tuttavia, questa sfida non viene considerata come il grande uno per un'app offline.

Test continuo:

Per sopravvivere nel mercato competitivo spietato di oggi, un'app mobile deve essere aggiornata frequentemente con nuove funzionalità e miglioramenti. Per soddisfare questo requisito, molti sviluppatori preferiscono utilizzare la metodologia Agile rispetto al tradizionale approccio Waterfall, che porta alla continua integrazione e distribuzione dell'app mobile. Di conseguenza, è necessario un test continuo dell'app per garantire che tutti i miglioramenti vengano eseguiti correttamente. Questa è anche una pratica molto impegnativa per i tester di app mobili!

Scegliere come testare:

Un altro ostacolo che i tester devono superare è la selezione di un approccio appropriato al test delle app mobili con i giusti strumenti di test delle app mobili. Laddove ci sono principalmente due approcci (manuale e automatizzato) utilizzati per il test delle app mobili, d'altra parte, il mercato è pieno di una varietà di strumenti di test automatizzati delle app mobili, rendendo la selezione degli strumenti di test giusti un compito molto confuso e noioso a meno che uno ha una strategia di test pre-pianificata.

Diversi tipi di test delle app mobili

Come qualsiasi altro software, anche un'app mobile deve essere testata rigorosamente per garantire qualità, usabilità e sicurezza di prim'ordine. Per ottenere lo stesso risultato, durante lo sviluppo di app mobili vengono utilizzati diversi tipi di metodologie di test. Diamo un'occhiata a cosa sono e in che modo differiscono l'uno dall'altro.

Test funzionale dell'interfaccia utente:

Essendo il tipo di test più semplice, il test funzionale garantisce che l'app funzioni perfettamente in conformità con i requisiti utente predefiniti. Questi test vengono generalmente eseguiti per verificare se l'interfaccia utente e il flusso delle chiamate dell'applicazione funzionano correttamente. Tuttavia, se il test funzionale viene eseguito manualmente, spesso si rivela un'attività estremamente intensa, complessa e dispendiosa in termini di tempo a causa di diverse sfide specifiche per i dispositivi mobili.

Test di usabilità:

Poiché l'usabilità gioca un ruolo fondamentale nel determinare il successo commerciale di qualsiasi applicazione mobile, i test di usabilità si concentrano principalmente su tre aree chiave dell'esperienza dell'utente: efficienza, efficacia e soddisfazione dell'utente. Questi test vengono condotti per garantire la coerenza dell'esperienza utente su tutti i dispositivi e verificare se l'app mobile è facile da usare per gli utenti finali.

Test di compatibilità:

I test di compatibilità vengono eseguiti per verificare se l'app funziona bene su diversi dispositivi mobili, dimensioni dello schermo, browser, risoluzioni e piattaforme e versioni del sistema operativo. Ad esempio, un'app mobile che funziona correttamente su uno smartphone potrebbe comportarsi in modo completamente diverso su un tablet. Pertanto, i test di compatibilità valutano la funzionalità di un'applicazione su diversi dispositivi e piattaforme mobili.

Test di perdita di memoria:

Conosciuto anche come test delle risorse di basso livello, il test di perdita di memoria si riferisce al controllo dell'efficienza con cui l'app utilizza la memoria integrata del dispositivo mobile su cui viene utilizzata. Include principalmente il test dell'utilizzo complessivo della memoria, l'eliminazione automatica dei file temporanei dopo un certo periodo e i crescenti problemi del database locale. Poiché i dispositivi mobili sono molto limitati in termini di memoria rispetto ai dispositivi desktop, il test di perdita di memoria è eccezionalmente cruciale per garantire il corretto funzionamento di un'applicazione mobile.

Test delle prestazioni:

L'obiettivo fondamentale del test delle prestazioni è garantire che l'applicazione sia in grado di affrontare varie sfide del dispositivo mobile come cattiva copertura di rete, commutazione della connessione dalla rete mobile al Wi-Fi, condivisione di qualcosa al di fuori dell'app, batteria o memoria disponibile in esaurimento, applicazione velocità, utilizzo simultaneo dell'app da parte di più utenti e altre condizioni simili. In altre parole, il test delle prestazioni viene eseguito per verificare le prestazioni dell'app mobile, della rete e del server.

Test di interruzione/funzionamento:

Un'app durante il funzionamento può essere interrotta da diversi eventi che si verificano sul dispositivo mobile, come chiamate o SMS, notifiche pop-up, inserimento o rimozione del cavo di alimentazione, rimozione della batteria, interruzione e ripristino della rete, avviso di batteria scarica, ecc. viene eseguito per verificare se l'app mobile è in grado di sopportare tutte queste interruzioni chiudendosi ogni volta che si verifica un evento e riavviandosi automaticamente in seguito.

Test di installazione:

Il test di installazione verifica che l'applicazione possa essere installata, disinstallata o aggiornata in un ragionevole lasso di tempo senza che l'utente debba affrontare alcuna difficoltà. Durante questa fase di test, i tester delle app mobili non solo si prendono cura degli arresti anomali che possono verificarsi durante questi tre processi, ma assicurano anche che tutti i dati dell'app vengano rimossi completamente dalla memoria del dispositivo una volta completato il processo di disinstallazione.

Test di sicurezza:

Ciò comporta la verifica che la sicurezza e la riservatezza dei dati degli utenti non siano in gioco all'interno dell'app con l'aiuto di varie tecniche come la scansione delle vulnerabilità, le visualizzazioni dei registri, i test di penetrazione, il war dialing, il rilevamento di virus, il cracking delle password, ecc. Lo scopo principale di Il test di sicurezza serve a migliorare la riservatezza, l'autenticità e l'integrità dell'app mobile.

Test di localizzazione:

I test di localizzazione garantiscono l'usabilità, la funzionalità e l'accessibilità dell'app mobile in un'ampia varietà di regioni geografiche e fusi orari. Questo tipo di test viene eseguito in particolare quando prevedi di tradurre la tua app in più lingue o di distribuirla in paesi diversi. Il test di localizzazione è considerato l'ultima fase del test QA delle app.

Test di regressione:

Questo tipo di test comporta la riesecuzione di test eseguiti in precedenza con successo per garantire che le modifiche apportate al codice dell'app non abbiano reintrodotto bug vecchi o nuovi. Poiché i test di regressione possono essere eseguiti più e più volte durante uno qualsiasi dei quattro livelli di test (unità, integrazione, sistema e accettazione), sono un candidato ideale per i test automatizzati.

Suggerimenti utili per una strategia di test vincente per le app mobili

Se vuoi davvero vincere nei test delle app mobili, lo sviluppo di una strategia di test chiara e solida è qualcosa che non devi trascurare. Un piano strategico adeguato per il test delle app mobili non solo ti aiuta a superare facilmente le sfide di test delle app mobili sopra menzionate, ma ti salva anche dagli scenari deprimenti del rifiuto dell'app. Di seguito sono riportate le best practice da seguire per testare la tua app mobile in modo efficiente ed efficace.

Test automatici e manuali:

Il test delle app mobili, come già accennato in precedenza, può essere eseguito manualmente o con l'aiuto di strumenti di test automatici delle app mobili come Appium, SeeTest, Selenium e Ranorex. Poiché uno o entrambi gli approcci vengono utilizzati durante le diverse fasi del ciclo di vita di un'app mobile, devi essere un esperto nello scegliere tra di essi in base alla situazione. Poiché il test automatizzato delle app per dispositivi mobili è la chiave per il successo dei test di regressione durante le diverse fasi di sviluppo, dovrebbe essere eseguito solo in scenari in cui:

  • Hai i casi di test più frequenti
  • I casi di test hanno risultati prevedibili
  • I casi di test sono facili da automatizzare
  • I casi di test richiedono molto tempo o sono impossibili da eseguire manualmente
  • L'applicazione è in continua crescita
  • Il ciclo di vita dello sviluppo di app per dispositivi mobili è molto lungo

Al contrario, l'approccio al test manuale dell'app si basa sull'input umano, l'analisi o la valutazione e dovrebbe essere utilizzato se l'app contiene nuove caratteristiche e funzionalità o richiede il test solo una o due volte.

Emulatori vs dispositivi fisici:

Proprio come due approcci, ci sono due modi principali per testare un'app mobile: tramite emulatori di dispositivi virtuali o dispositivi fisici reali. Sebbene l'uso di emulatori di dispositivo si dimostri estremamente utile nelle fasi iniziali dello sviluppo di app per testare le funzionalità di base, non funzionano in modo efficiente come i dispositivi mobili fisici nelle fasi successive del test, come il beta testing. Esistono tre tipi di emulatori di dispositivi mobili:

  • Emulatore di dispositivo: fornito dai produttori di dispositivi.
  • Emulatore del browser: simula il rendering per i dispositivi mobili nei browser.
  • Emulatore del sistema operativo: fornito dal sistema operativo stesso.

Per ottenere i migliori risultati di test in modo rapido ed efficiente, prova prima la tua app mobile sugli emulatori per rilevare e correggere il maggior numero di bug possibile. Una volta raggiunto un livello soddisfacente di test, puoi passare a testare la tua app su dispositivi mobili fisici per uno scenario più reale.

Selezione dei giusti modelli di dispositivi mobili:

Decidere quale dispositivo o modello di dispositivo deve essere utilizzato per testare l'app mobile è probabilmente la prima cosa che viene in mente a qualsiasi tester quando si crea un ambiente di test del mondo reale. Questa a volte può essere davvero una decisione difficile perché i dispositivi che scegli determinano come funzionerà la tua app su miliardi di altri dispositivi simili. Pertanto, durante la selezione del dispositivo di destinazione è necessario prendere in considerazione tre fattori chiave:

  • Versione del sistema operativo
  • Dimensioni e risoluzione dello schermo
  • Fattore di forma

Se necessario, non esitare a prendere in considerazione diversi altri fattori come la memoria interna, le opzioni di connettività, ecc., durante la selezione del modello del dispositivo.

Prendi in considerazione il test del cloud:

Per portare i tuoi sforzi di test a un livello completamente nuovo, puoi anche provare i test delle app mobili basati sul cloud computing. Fornendo un ambiente di test delle app mobili basato sul Web, il cloud testing ti consente di distribuire, testare e gestire le tue app mobili in modo rapido ed efficiente. Oltre a ridurre i costi e i tempi complessivi del progetto, il test delle applicazioni basato su cloud offre anche numerosi altri vantaggi, come:

  • Ambienti di test altamente scalabili, completamente sincronizzati e preconfigurati
  • Non è necessario investire in altri strumenti, risorse o configurazioni di test avanzati
  • Riduce la possibilità di difetti causati da un ambiente di test creato per errore o instabile
  • Evita ai tester di creare ambienti di test on-premise che richiedono molto tempo e spesso portano a ritardi nei progetti
  • Supporta i test per applicazioni complesse, dinamiche e dissimili, il che è quasi impossibile in un ambiente interno.
  • Risultati dei test in tempo reale
  • Backup e ripristino automatici

Organizza il beta test:

Il beta test è un modo eccezionale ed efficace per analizzare la funzionalità e l'usabilità di un'app mobile con l'aiuto di utenti finali reali che utilizzano dispositivi del mondo reale. Questa fase viene infatti condotta per verificare le prestazioni dell'app su dispositivi e reti reali e per garantire che tutti i bug siano stati corretti prima del lancio. Se stai testando un'app per iOS, puoi sfruttare la potenza dello strumento gratuito TestFlight per gestire il tuo beta test.

Allo stesso modo, puoi anche utilizzare Google Play Console per distribuire la tua app Android a utenti e tester fidati per il beta test attraverso vari gruppi Google o community Google+.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More