Fai un salto di fede – Suggerimenti per aiutarti a fare un passo avanti con sicurezza

11

Ci sono momenti nella tua vita in cui sei chiamato a fare un atto di fede.

  • Vuoi fare qualcosa di positivo per la tua vita, ma hai paura.
  • Hai paura nel caso in cui non funzioni come vorresti.
  • Sei preoccupato di non sapere esattamente come farlo.
  • Non vuoi fare un errore.
  • Non vuoi rischiare nulla.
  • Vuoi una sfera di cristallo, per assicurarti di prendere la decisione giusta.

E ancora…

Momenti critici del "punto di svolta".

Riesci a ricordare una di quelle volte nella tua vita in cui hai avuto un istinto viscerale che avevi bisogno o volevi fare qualcosa di nuovo, ma ti sentivi titubante?

Forse c’era incertezza o rischio coinvolto, andando fuori dalla tua zona di comfort. Forse eri preoccupato che il tuo istinto potesse essere sbagliato, mettendoti in discussione.

Questi sono momenti critici. Li chiamo "punti pivot".

Sono momenti nelle nostre vite in cui la nostra voce interiore ci chiede di far accadere il cambiamento e, se lo facciamo, le nostre vite possono elevarsi al livello successivo.

Ma la paura spesso aumenta così intensamente da minacciare di uccidere quella possibilità!

Lo ricordo fin troppo bene…

Il salto di fede che quasi non ho fatto

Nel 2005 ero a Londra e mi preparavo a trasferirmi a casa in Nuova Zelanda. Ho contattato alcuni contatti a casa per cercare opportunità di lavoro.

A quel punto della mia carriera, mi occupavo di gestione dell’ufficio, eventi e coordinamento di progetti. Questo era tutto ciò che sapevo. E me ne sono stufato. Sapevo di voler fare qualcosa di nuovo e interessante, ma non avevo idea di cosa.

Allora non mi piaceva particolarmente essere fuori dalla mia zona di comfort. Beh, la verità è che LO ODIO! Preferivo fare ciò in cui ero già bravo ed essere il più perfetto possibile. È stato facile. La formula ha funzionato per me.

Ma l’Universo aveva in mente qualcosa di diverso.

Una delle persone che conoscevo in Nuova Zelanda mi ha offerto un lavoro nella loro società di consulenza per le risorse umane, come consulente per il reclutamento per costruire e fornire una nuova parte del business.

Questo mi ha completamente spaventato. Avrei dovuto "mettermi in gioco" con i clienti, fare vendite e sviluppo del business e capire come sembrare e sembrare un esperto con i clienti che mi era stato assegnato di aiutare.

Niente di tutto questo sembrava divertente per me. Tutto sembrava rischioso. Potenziale di fallimento. Incerto e schifoso.

Ma mentre una parte di me voleva fare uno sprint nella direzione opposta, un’altra parte di me aveva questo strano e chiaro sentore che questo lavoro avrebbe potuto essere una nuova potente traiettoria per me.

Ho avuto questo tiro alla fune – tra la mia paura e la mia voce interiore.

Ricordo di aver pensato tra me e me: "Non saprò mai cosa potrebbe derivarne a meno che non ce la faccio".

Era ovvio cosa fosse richiesto. Questa situazione richiedeva un atto di fede.

Penso di aver persino detto all’uomo che mi ha assunto: "Non sono sicuro che questo sia per me, ma sono disposto a provarlo e vedere cosa succede. E se non mi piace, me ne vado". Niente come un po’ di onestà!

Fortunatamente per me, ci ho provato. Ho fatto un atto di fede. Ho investito fiducia nella mia voce interiore e ho messo da parte la paura e le domande…

Ho deciso di dare il lavoro 6 mesi come prova e ho firmato il contratto.

E poi ho pianto. Molto.

Stavo impazzendo per aver fatto un errore. Terrorizzata di dover gestire i clienti e fare vendite. Me? Diamine no!

Mi sentivo male allo stomaco. Alcune volte ho pensato di cambiare idea e di tornare nella mia zona di comfort.

Ma la mia voce interiore continuava a sussurrare, dicendomi di andare avanti.

E, come si è scoperto, quella decisione di fare un atto di fede è stata la MIGLIORE decisione che ho preso nella mia carriera fino a quel momento. 6 mesi si sono trasformati in 6 anni.

Non avevo mai imparato così tanto, riso così tanto, avuto così tanti contatti, adorato così tanti compagni di lavoro, ed ero stato trattato così bene in un lavoro come lo ero in quegli anni.

Morale della storia – A volte devi solo sapere quando saltare.

Nuove prospettive per aiutarti a fare un atto di fede

Per sostenerti, ti darò il mio approccio provato e vero per compiere atti di fede.

Ho usato questo approccio molte volte, non solo con questa decisione di carriera.

L’ho usato di nuovo 6 anni dopo sapendo quando lasciare quel lavoro per avviare un’attività in proprio, vendendo la nostra casa e andando alle Hawaii per scrivere il mio secondo libro, e poi spostandomi a vivere a Bali (non essendoci mai stato prima! )

In questo video e articolo qui sotto condivido alcuni fatti su come fare i salti di fede, per aiutarti a vedere il "saltare" da una nuova prospettiva. Copriremo…

  • Il motivo principale per cui la maggior parte delle persone non fa un atto di fede quando è esattamente ciò che la situazione richiede
  • Come sapere che sei pronto per saltare
  • Di cosa si tratta DAVVERO fare un atto di fede, ovvero perché si chiama salto di “fede"
  • Perché i salti di fede non devono comportare UN GRANDE drammatico salto da un dirupo!
  • La "clausola out" che puoi infilare sotto la cintura quando salti
  • La mentalità e l’atteggiamento che sono essenziali per farti saltare con fiducia
  • La chiave per sapere se le cose funzioneranno per te

Non avrai mai TUTTE le risposte

Quando si tratta di fare qualcosa di nuovo nella tua vita, ti prepari il più possibile. Cerchi e raccogli informazioni. Analizzi le possibilità. Lo pianifichi tu.

Ma c’è solo tanta preparazione che puoi fare. Arriva un momento in cui hai preparato, preparato ancora e preparato ancora di più. E poi ti rendi conto di qualcosa che ti spaventa…

Ti rendi conto che ci sono alcune domande a cui non avrai MAI risposte.

Ad esempio, "Cosa accadrà?" e "Funzionerà?"

Vogliamo tutti prevedere cosa verrà dopo e definire il nostro percorso esatto e i nostri risultati. Ma non è così che funziona la vita. Possiamo definire cosa vogliamo e come vogliamo farlo accadere, e poi dobbiamo cedere all’incertezza della vita. Dobbiamo…

Fiducia

Ecco la trattativa. Un atto di fede NON è una fede cieca. Non c’è niente di cieco!

Un atto di fede è intuizione. È una conoscenza innata e profonda che non andrà via. È un sussurro che continua a chiamarti. È una passione, o un’ispirazione che ti porta avanti.

E una volta che ti sei preparato il più possibile e ti accorgi di avere ancora domande senza risposta (domande a cui potresti non ottenere mai risposte), allora tutto si riduce alla fiducia in te stesso.

Investi nella fede, non nella paura. Ti fidi di te stesso.

Siamo creature divertenti come esseri umani…

  • Hai mai notato quanto sei disposto a fidarti delle altre persone e ai consigli di "esperti" o figure autorevoli?
  • E hai notato come ti fideresti delle altre persone più di quanto ti fideresti di te stesso?

Spesso le persone relegano la loro intuizione in fondo alla pila e la ignorano, sperando che qualcun altro dica loro cosa fare.

Una delle lezioni che impari nel percorso di crescita personale, e in particolare nel viaggio spirituale, è che invece di riporre la tua fede su altre persone e consigli al di fuori di te stesso, ti viene chiesto di riporre la tua fede in te stesso.

È tempo di ricordare chi sei veramente! Sei potente. Questo Universo ha aiutato a crearti e ti supporta. L’Universo si rispecchia in ogni cellula del tuo corpo. Hai una potente energia vitale che scorre attraverso di te. Sei strettamente connesso a tutto in questo Universo e alla saggezza che ne è alla base.

E il tuo intuito è altro mondano. Ti sussurra apposta, con sentimenti, dicendoti da cosa allontanarti e in cosa entrare.

Si tratta di fidarsi di questo.

Un salto di fede non è sempre un salto letterale

Una cosa utile che ho scoperto durante il mio viaggio, e spero che troverai utile, è la consapevolezza che fare un salto di fede non significa saltare da un dirupo.

Pensavo che i salti di fede comportassero sempre grandi cambiamenti, grandi rischi e decisioni drammatiche. Ma questo semplicemente non è vero. Non è tuffarsi nell’abisso.

Un atto di fede può essere un piccolo piccolo passo avanti. Segue un altro piccolo passo avanti. Seguito da un altro. E col tempo ti rendi conto che i tuoi tanti piccoli passi basati sulla fede si sommano cumulativamente per creare un salto di fede.

Quindi sfida te stesso su ciò che pensi sia un "salto di fede" e quali immagini queste parole evocano nella tua mente.

Quindi allenati a vederlo come nient’altro che piccoli passi sicuri nella direzione in cui ti guida il tuo intuito.

Se salti e non ti piace il risultato

Mi piace mantenere le cose reali. Quindi affrontiamo la tua peggiore paura.

Hai paura che le cose non funzionino. Farai il salto di fede e te ne pentirai. Non ti piacerà la nuova carriera, la nuova posizione, la relazione. Ti guarderai indietro e desidererai di non averlo fatto. Ti sentirai arrabbiato con te stesso, dispiaciuto o qualsiasi altro "scenario peggiore" che la tua mente ama inventare.

Beh, indovina un po’…

Se fai qualcosa nella vita e non funziona… CAMBIALO, FAI QUALCOS’ALTRO, CONTINUA A VIAGGIARE.

Hai il diritto di provare tutte le cose che vuoi, di giocare con la vita. E ogni volta che non ti senti bene e preferisci qualcosa di diverso, hai il diritto di scegliere di nuovo.

Non c’è errore quando salti. Qualcuno che salta è sempre un vincitore. Qualcuno che segue il loro intuito è COMPLETAMENTE VIVO.

Che tu ottenga il "risultato" esterno che desideri o meno, stai riuscendo nel tuo viaggio dell’anima.

Sei uno dei pochi che è sintonizzato sulla tua conoscenza interiore. Sei connesso con la forza vitale che ti circonda e fluisce attraverso di te.

Ciò che blocca la maggior parte delle persone è la preoccupazione di fallire, rischiare qualcosa, perdere qualcosa e cosa penseranno gli altri di loro.

Il mio atteggiamento (che può essere anche il tuo atteggiamento se lo desideri!) è questo…

  • Le cose che faccio potrebbero non funzionare, ma questo non mi rende mai un fallimento. Essere un fallimento è possibile solo per le persone che credono in quella parola e scelgono di averla nel loro vocabolario. Quindi cancellalo dal tuo dizionario. Liberati. Quando le cose non funzionano, sei fantastico a prescindere.
  • Se stai pensando di fare un salto e rischi di perdere qualcosa, devi essere chiaro sul valore che ha quel “qualcosa”. Ci sono pochissime cose in questa vita che sono veramente, profondamente preziose e insostituibili. Sii consapevole di ciò a cui dai valore e se è più importante della tua felicità e delle maggiori possibilità per la tua vita.
  • Per quanto riguarda ciò che pensano gli altri – chi se ne frega! Le persone che hanno tempo per sedersi e giudicarti non sono persone di cui vale la pena preoccuparsi. Possono sedersi sugli spalti e pensare quello che vogliono. Sei troppo occupato a vivere la vita completamente per preoccupartene.

La grande domanda

"Ma, se salto, funzionerà?" – la grande domanda che si ripete ancora e ancora.

In definitiva, se vuoi sapere se le cose funzioneranno per te (con qualsiasi cosa nella vita), tutto dipende dal fatto che CREDERE che lo farà.

Coloro che credono sono in una posizione di forza per creare i risultati ottimali disponibili. Ciò non significa che le cose vadano esattamente secondo il tuo piano predefinito. Ma significa che se ti sei preparato a fondo, hai seguito il tuo intuito e hai prestato attenzione a come la vita ti sta guidando, sarai condotto al tuo massimo potenziale.

Sperimenterai esattamente ciò che la vita sa di cui hai bisogno in quel momento: per il tuo apprendimento, per la tua guarigione, per la tua crescita, per il tuo contributo a questo mondo e per la tua felicità.

Mi piacerebbe avere tue notizie, quindi lascia un commento qui sotto e fammi sapere cosa ti succede!

  • In cosa stai pensando di saltare fuori o dentro?
  • Quali atti di fede hai fatto in passato e cosa hai scoperto di conseguenza?
  • Quali aggiustamenti di mentalità sai di dover apportare?
  • Che azione farai?
Fonte di registrazione: www.thedailypositive.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More