È iniziata la terza guerra mondiale? 10 segni che la terza guerra mondiale è già iniziata

0

Potrebbe essere che il mondo sia già precipitato in una guerra mondiale senza che le masse comuni non lo sappiano? Potrebbe essere che la terza guerra mondiale e la distruzione ad essa collegata sia imminente mentre il mondo guarda e organizza sfilate di moda in paesi che sono stati colpiti dagli inizi di una guerra distruttiva (Beirut in Libano)? Mentre le modelle fanno oscillare i loro abiti svasati sulla rampa, i poteri si preparano a destabilizzare il mondo attraverso armi letali, cospirazioni troppo confuse per essere sfondate e terrorismo?

Potrebbe essere che i crimini d’odio crescenti nel mondo ; L’ultima delle quali è stata l’accoltellamento di un frequentatore di moschee nel Regno Unito, l’uccisione di Nabra in Virginia e lo sbattere del furgone contro le persone che lasciano la moschea: sono un presagio di maggiori disordini? Per quanto il pensiero del mondo che precipita in un’altra guerra ci spaventi, abbiamo compilato un elenco di segnali che dimostrano che la Terza Guerra Mondiale è già iniziata e quelli in fase di negazione lo stanno facendo solo perché hanno paura di quanto il riconoscimento dell’oscillazione porterebbe. Il mondo si rallegra degli sport, in particolare il baseball, il calcio e il cricket mentre leggiamo questa lista che può darci la pelle d’oca di sicuro.

Guarda anche; Cose che potrebbero portare alla terza guerra mondiale.

10 blocchi di alimentazione

Proprio come nelle precedenti grandi guerre, ci sono due blocchi di potere che si sfidano e si affrontano. Da un lato c’è Russia e Cina con i suoi alleati che sostengono il regime di Bashar al-Assad in Siria. Mentre dall’altra parte c’è la Turchia che sostiene i ribelli e gli Stati Uniti che nelle cospirazioni sostengono tutti contro l’altro ma sulla pagina stanno appoggiando anche i ribelli. La Siria e l’Iraq sono diventate zone di guerra per procura per questi due blocchi di potere. L’Afghanistan è diventato una regione di guerra per procura per India e Pakistan, dove ciascuno è sostenuto da un altro potente paese. In questo modo, ogni paese viene trascinato nella guerra. Quelli che non hanno le risorse, alimentano la guerra con uomini e cospirazioni.

9 sciiti e sunniti

Il mondo musulmano è diviso tra sciiti e sunniti. Il primo è sostenuto dalla Russia mentre il secondo cerca il sostegno degli Stati Uniti per non parlare del fatto che entrambi questi potenti paesi sono anche potenze nucleari. Le forze sciite sono guidate dall’Iran mentre i sunniti si radunano intorno all’Arabia Saudita. Quei paesi che vogliono rimanere neutrali rispetto alla situazione di fronte, ad esempio Pakistan e Qatar, affrontano la minaccia di boicottaggi economici e chiusure, rendendo così imminente per loro un raduno da una parte. Il Medio Oriente nel complesso sta riposando su una bomba in questo momento.

8 Il Mar Cinese Meridionale


In Asia, la Cina danneggia i paesi più piccoli del Fast East come il Brunei, la Malesia, le Filippine e il Giappone, che sono sostenuti dagli Stati Uniti, poiché rivendica isole all’interno del Mar Cinese Meridionale. In gioco ci sono le riserve di gas e petrolio della zona e un passaggio sicuro per le navi mercantili cinesi. La Cina deve ancora tradurre il suo potere economico in potere politico, ma se dovesse farlo, porterebbe a un confronto aperto con gli Stati Uniti? Ci sono state segnalazioni di portaerei e droni statunitensi che sondavano le acque intorno al territorio cinese e le ripercussioni di gran lunga non sono state calde, ma si è verificato uno scambio politico piuttosto acceso tra i paesi.

7 Il segno di George W. Bush


Quando l’esercito americano invase l’Iraq all’inizio del decennio precedente, l’allora stesso POTUS disse che era l’inizio di un’altra grande guerra. Molti anni dopo, gli storici potrebbero segnare l’inizio della terza guerra mondiale dall’invasione del 1990 o da quella a cui si riferiva George W. Bush. Chissà?

6 ISIS e il conflitto intercontinentale


Il mondo sta ora affrontando la minaccia del terrorismo a livello globale sotto forma di ISIS. Quindi, anche se Russia e Turchia sono l’una contro l’altra sulla piattaforma siriana, sono entrambe l’una contro l’altra in opposizione all’ISIS. È veramente un labirinto di connessioni; Politico, economico e basato sulla fede. L’ISIS attacca qualsiasi paese, ovunque nel mondo, quindi è come il mondo intero contro l’ISIS e i paesi che lo supportano. Per l’ISIS ei suoi alleati, l’obiettivo è distruggere il nemico. Per i nazisti si trattava di distruggere una parte dell’umanità e per quanto riguarda gli alleati, volevano spazzare via il regime nazista. Sebbene i nemici non siano gli unici bersagli in battaglia, la logica dietro le guerre precedenti era la stessa.

5 leader aggressivi


Il mondo oggi è governato da un gruppo di leader aggressivi. Da un lato abbiamo il blaster di Twitter, al centro abbiamo i leader che sono meno infastiditi da ciò che fanno o dicono i loro vicini minacciosi. Abbiamo leader che sono pronti a proteggere la loro crescita economica e le loro preoccupazioni a “qualsiasi" costo e quelli che sfideranno tutte le autorità per realizzare le loro ambizioni militari. Grandi guerre prima che la terza fosse iniziata a causa di rivendicazioni territoriali e poiché la Crimea è in bilico tra Ucraina e Russia, le relazioni tese non sono utili quando si tratta di scrupoli di guerra. Allo stesso modo la Cina rivendica il Mar Cinese Meridionale e Taiwan, il che aumenta la fame territoriale e la conseguente irrequietezza.

4 Gli effetti di ricaduta della primavera araba


La primavera araba (ora spesso chiamata estate araba) ha lasciato alcuni paesi a strutturarsi verso la democrazia, ad esempio la Tunisia, altri verso la dittatura militare; Egitto e alcuni in assoluto subbuglio come; Siria e Libia. Nessuno sa quando la situazione in questi paesi sarà controllata. Nessuno è sicuro se il conflitto possa estendersi o meno anche ai paesi vicini. Il Pakistan, ad esempio, ha visto un trailer del conflitto sotto forma di terrorismo in arrivo dall’Afghanistan.

3 Le organizzazioni mondiali inermi


La Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite è composta da Cina, Russia e Arabia Saudita, che oggi sono i leader dell’entropia. L’Arabia Saudita guida la coalizione musulmana contro il terrorismo, la Cina con le sue forti rivendicazioni e le sue ambizioni economiche non ci porta da nessuna parte pacifica mentre la Russia si annida nelle acque oscure del Medio Oriente. Proprio come negli anni ’40, quando la Società delle Nazioni non poteva impedire la guerra mondiale, l’ONU oggi sembra impotente.

2 Il mondo unipolare non più


L’URSS non riuscì a tenere il passo con le ambizioni di Donald Reagan e alla fine il mondo si spostò verso l’unipolarismo con lo zio Sam che divenne le mani sulle corde delle marionette del mondo. Con il crescente potere economico della Cina e la sua crescente capacità tecnologica, potrebbe essere di fronte agli Stati Uniti negli occhi entro un paio d’anni. Questo potrebbe portare a un’altra guerra fredda? Speriamo solo che il riconoscimento multipolare sia sufficiente con l’etichetta di Guerra Fredda.

1 Il mercato delle armi


L’industria delle armi e delle armi è una delle più grandi al mondo con un commercio totale che supera i mille miliardi di dollari all’anno. Ogni anno il commercio di armi supera quello dell’anno precedente. Le armi sono utilizzate per la deterrenza, ma alla fine possono essere utilizzate a vantaggio dei commercianti e dei produttori di armi. Alcuni teorici ritengono che i commercianti e i produttori di armi siano i pianificatori chiave delle guerre, portandole a loro vantaggio. Chissà? Possiamo solo chiederci dove spenderanno i loro soldi se non c’è il mondo?

Morire non ci preoccupa perché prima o poi dovremo morire tutti. Quello che ci preoccupa è quello che ci lasciamo alle spalle per le nostre prossime generazioni. Come li affronteremo? Dalla distruzione al riscaldamento globale, c’è qualche parte di questa Terra che l’uomo non sta sfruttando oggi? Dubitiamo!

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More