7 miti assurdi sul plagio nel design da dimenticare subito

7

Non lo odi quando vedi il tuo lavoro replicato da qualche altra parte?

O forse ti lusinga che qualcuno abbia usato il tuo design come ispirazione per creare un nuovo capolavoro?

Il problema del plagio nel design non è nuovo e tuttora discutibile: mentre alcuni esperti insistono sulla sua esistenza assoluta pur ammettendo che è troppo difficile da definire, altri ritengono che non esista un fenomeno come il plagio quando si parla di visual design. Chiamano le opere prese in prestito da altri uno strumento di apprendimento o una fonte di ispirazione, sostenendo che va bene "rubare" idee. In altre parole, non sei un ladro se non rubi il concetto.

Ci siamo passati tutti:

Guardiamo i lavori degli altri, studiamo i dettagli e aggiungiamo i loro metodi di progettazione alle cassette degli attrezzi personali. Vediamo grandi progetti, li ricordiamo e promettiamo di utilizzare le idee durante un altro nostro progetto. Riutilizziamo o riprogettiamo le nostre idee, anche se prima le consideravamo trash. Significa che siamo dei plagi?

OK, ecco un rapido test per te.

È plagio?

E questo?

Che dire di questo?

Quando si tratta di design del logo, non tutto è così evidente. Qui si parla di utilizzare gli stessi temi piuttosto che copiare i loghi dei concorrenti. Nel caso di Ferrari e Porsche (vedi prima foto), entrambe si rappresentano con animali veloci perché sono una scorciatoia mentale di velocità, grazia e lusso. Entrambi i marchi scelgono questo tema perché cercano di inviare lo stesso messaggio allo stesso tipo di persone.

Non ha nulla a che fare con il plagio: i designer applicano un'idea in modi diversi per imprimere il loro timbro su di essa e comunicare il loro messaggio con il suo aiuto.

Per quanto riguarda gli altri due, sei sicuro che i loghi siano gli stessi in entrambi i casi? Sai a chi appartengono queste idee? Come puoi dimostrare che sono stati copiati, anche se sembrano simili?

Tali argomenti controversi sono ciò che fa nascere molti miti sul plagio nel design.

Ma prima le cose principali:

Cos'è il plagio?

In parole povere, il plagio si riferisce al furto del lavoro di qualcuno e a rappresentarlo come proprio senza attribuzione.

Evidente, no? Eravamo tutti studenti, non importa a scuola, al college o all'università, quindi conoscevamo tutti il ​​fenomeno del plagio nel mondo accademico. Quando si trattava di scrivere saggi o qualsiasi altro tipo di documenti accademici, gli educatori ci insegnavano citazioni, citazioni e parafrasi corrette e utilizzavano software specifici: PlagiarismCheck, Grammarly, Copyscape e altri.

Ma quando si tratta di design, non si può semplicemente mettere un logo, una pagina web o un'immagine nel software per verificarne la presenza di duplicati e vedere la percentuale della sua "originalità". Strumenti rari possono dimostrare che due disegni sono esattamente gli stessi, anche se potresti vedere visivamente un'opulenta somiglianza di linee, colori, spostamenti o qualsiasi altro elemento in essi; ed è per questo che è difficile definire il confine tra plagio e influenza nel design.

Per tracciare una linea sottile tra creatività e furto, per evitare questioni controverse nelle tue opere e distinguere la differenza tra copia e ispirazione, è tempo per noi di dimenticare tutti gli assurdi miti sul plagio nel design.

Miti assurdi sul plagio nel design

I più comuni sono i seguenti:

Mito n. 1: non sono rimaste idee originali, quindi dobbiamo plagiare

Falso.

Questo mito vive perché alcuni designer prendono l'originalità con uno spirito sbagliato: credono che non possiamo nemmeno prendere in considerazione le opere degli altri per produrre qualcosa di originale. Grazie a questo mito, puoi ancora incontrare domande su Quora come "Se copio un'idea da Pinterest, è plagio del design?"

In realtà noi designer moderni siamo dove siamo oggi grazie a degli esperti che ci hanno preceduto. Prendiamo in prestito la conoscenza dei predecessori, esaminiamo i loro concetti e idee, pensiamo a come potremmo implementare la loro esperienza nelle nostre opere… In altre parole, come ha scritto il designer Cameron Moll nel suo articolo su Site Point, noi "copiamo l'ispirazione, non il risultato ."

Mito n. 2: nessuno saprà se plagio da fonti oscure

È evidente, ma molti designer cadono ancora in questa trappola e credono (va bene, leggi: voglio credere) a questo mito quando hanno mancanza di ispirazione e scadenze a portata di mano. Pigrizia, scarsa pianificazione e un gran numero di progetti da completare entro la fine di una settimana rendono allettante andare a "rubare" alcuni concetti o idee di design da un'altra fonte. Soprattutto se hai trovato qualche fonte oscura che esprime i tuoi pensieri e incontra la tua visione.

Per quanto ne sai, verrà il giorno in cui verrai colto in flagrante. Perderai reputazione e fiducia, una comunità professionale non ti considererà più un esperto e quel tipo di disperazione ti seguirà per tutta la tua carriera.

Quindi, indipendentemente dal tipo di risorsa che usi per catturare una musa, non dimenticare di dare credito. È un'abitudine positiva che ogni designer deve sviluppare per tenersi fuori dai guai.

Mito n. 3: ho il permesso dei creatori, quindi non è plagio

Non è così semplice.

Quando un creatore del pezzo originale ti dà il permesso di utilizzare il suo lavoro (o le sue parti), ci sono grandi possibilità che tu sia al sicuro da accuse di plagio, violazione del copyright e furto di proprietà intellettuale.

Tuttavia, devi assicurarti che un creatore di design e i detentori del copyright non siano persone diverse. Altrimenti, potrebbe sembrare che Jack ti permetta di usare il suo design, ma è Jim che detiene il potere di disporre. Quindi si scopre che rubi a Jim.

Certamente questo mito non riguarda i pezzi di design sotto licenza creative commons e di pubblico dominio: non è un plagio utilizzarli se correttamente attribuiti. Esistono sei diversi tipi di licenze creative commons e i designer dovrebbero fare attenzione quando attribuiscono il lavoro derivato: quindi, se scatti una foto protetta dalla licenza CA ma non la concedi con gli stessi termini, significa che stai rubando.

Mito n. 4: la tecnologia previene il plagio oggi

Falso.

In primo luogo, la stessa definizione di "originalità" è piuttosto sbiadita nel design. Ad esempio, se vedi un disegno di una lattina di Pepsi rosa e verde ma non dice "Pepsi" e ha curve un po' diverse – vedi l'immagine di Korean Air sopra – nella maggior parte dei casi non sarà considerato plagio. Anche se in realtà lo è.

E in secondo luogo, i computer possono fare solo ciò per cui sono progettati; e gli astuti plagi sono in grado di evitare il rilevamento modificando leggermente le forme, gli spostamenti, le linee, ecc. Quindi accade che la tecnologia abbia persino reso più facile il plagio: trova duplicati, determina le fonti originali e, quindi, aiuta gli aspiranti plagiari trovare ghost designer disposti a lavorare per soldi.

Prendiamo ad esempio siti web come Logo Thief:

Volti a mostrare il plagio nel design del logo, nominano e svergognano le aziende che rubano i design degli altri. Confrontando copie e originali, giungono al verdetto che nella maggior parte dei casi si limita a plagiare i loghi con un clic. Va tutto bene, ma in che modo tali tecnologie aiutano a prevenire il plagio? Quello che fanno è darci un elenco di "specialisti" disonesti che sono pronti a creare progetti per clienti così disonesti.

Mito #5: Il mio plagio non fa male a nessuno

Ops…

Solo i designer principianti o ingenui potrebbero ancora credere a questo mito. Con così tanto tempo, energia, conoscenza e denaro investiti nella creazione del loro lavoro, gli autori originali considererebbero il suo plagio nient'altro che una sorta di furto da casa loro. Soprattutto se i plagiari usano il design rubato in modi inaffidabili.

Come afferma Ananda Spadt di Meredith, "il design è la risoluzione dei problemi e ogni problema è diverso". Ciò significa che anche la soluzione progettuale dovrebbe essere diversa. Se qualcuno copia semplicemente il design da altri, saltando il processo di risoluzione dei problemi, è lì che avviene il plagio. In altre parole, sei libero di trarre ispirazione dal design di altri, ma dovresti riutilizzarlo per soddisfare le esigenze del tuo cliente.

Mito n. 6: il plagio non riguarda il design ma il mondo accademico

C'è un mito che tutti plagiano ma solo poche discipline come il mondo accademico, la medicina e il giornalismo lo considerano un problema. Sì, alcuni campi si adattano alle istanze di plagio meglio di altri, ma nessuno sarebbe felice di vedersi rubare le parole o le idee, vero? E non importa dove lavorano.

Quindi, anche se non è così facile per gli organi di governo del settore definire il plagio nel design, i tuoi colleghi e la comunità professionale lo noteranno sicuramente. Tali casi causano sfiducia, portano a conseguenze negative per il marchio, distruggono carriere e reputazione e finiscono con relazioni tossiche all'interno del campo.

Mito n. 7: non sono un plagio se non sapevo dell'esistenza della prima opera

Sì, sei tu. Quello che hai fatto si chiama plagio involontario ed è tanto dannoso quanto qualsiasi altra forma di furto. Inoltre, dimostrare di non sapere dell'esistenza del progetto originale è ancora più difficile che creare qualcosa che sarà considerato originale.

Lo stesso vale per l'autoplagio.

Supponiamo che tu abbia disegnato un bel logo (originale!) per un marchio. È fantastico! È stato così bello che hai deciso di utilizzare lo stesso concetto per i loghi di altri due tuoi clienti. Sì, sei un creatore di quel concetto, ma sembra che rubi a te stesso e, quindi, perdi la capacità di pensiero critico, indebolisci la tua comunità professionale e rinunci alla tua reputazione di designer creativo.

Come evitare il plagio

È ciò che il processo creativo cerca per la maggior parte dei designer:

Nel design, va bene vedere una tendenza e farla funzionare a modo tuo. Ad esempio, la maggior parte dei web designer utilizza un concetto di design piatto che ha caratteristiche distinte che fanno sembrare molti siti abbastanza simili; ma quando aggiungono il proprio tocco – come una ciliegina sopra una deliziosa torta – evitano di creare una copia carbone.

Una volta terminata la creazione di un progetto, torna alla fonte di ispirazione e confrontala con il tuo lavoro. È facile trovare duplicati ad occhio nudo? Allora, forse è il momento di cambiare il concetto. Ogni volta che dubiti, dai credito. È ciò che il designer David Darnes chiama "la differenza tra l'utilizzo delle risorse e il plagio delle risorse".

È semplice:

"Utilizzare pacchetti open source è una buona cosa: non ti sto chiedendo di reinventare la ruota, dicci solo quali ruote hai usato", dice David.

Cosa fare se il tuo design è stato plagiato

È difficile definire il plagio del design agli occhi della legge, anche quando la violazione del copyright sembra evidente. Cosa puoi fare se vedi qualcuno rappresentare il tuo design come proprio:

  1. Contatta l'autore del reato.
  2. Spiega la situazione.
  3. Allega la copia degli originali per loro per vedere qual è il problema.
  4. Spiega cosa vorresti che facessero dopo: darti credito, compensare il materiale copiato o rimuoverlo immediatamente.

Se tale lettera non è sufficiente, potrebbe essere necessario prendere in considerazione opzioni legali che variano a seconda del luogo di residenza. Ma prima, invia una lettera di cessazione e desistere all'autore del reato: è una richiesta formale affinché smetta di copiare da te. Potresti anche voler scrivere un reclamo per violazione del copyright a Google: rimuoveranno un contenuto rubato se si riferisce alla loro politica.

L'unico must: dovresti essere in grado di dimostrare la tua paternità.

In poche parole…

Difficile da definire, il plagio nel design è stato circondato da molti miti e controversie. Noi designer esperti dobbiamo conoscerli e sfatarli per rafforzare la nostra comunità professionale e creare opere originali, in grado di ispirare i colleghi e motivarli a progettare capolavori.

Ogni volta che progetti, chiediti: “Chi sono io? Cosa sto creando? Come mi è venuta questa idea? Sono sicuro che nessuna delle parti del mio lavoro sembri una copia di altre?”

È il tuo turno ora:

Da che parte stai nella controversia sul plagio del design? Credi che esista o è solo adulazione? Qualcuno ha rubato i tuoi disegni e quali sono stati i tuoi passi per prevenire il plagio, se sì?

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More