10 Wonder Women in lotta per i diritti umani

13

Malala Yousafzai una volta disse: "C’è un momento in cui devi scegliere – se tacere o se alzarti in piedi". Le eroine del movimento per i diritti umani hanno lottato senza sosta per l’uguaglianza e i diritti umani fondamentali. I loro sforzi hanno portato a piccole vittorie, ma la loro lotta è tutt’altro che finita. Scorri in basso per saperne di più sulle storie delle donne prodigiose di oggi. Ecco 10 donne incredibili che lottano per i diritti umani:

10 Emma Watson

Tra le giovani donne che lottano per i diritti umani oggi, Watson è in prima linea. Il femminismo era un termine così confuso. Personaggi famosi hanno criticato il movimento con interpretazioni assurde della sua definizione. Il pubblico percepiva il femminismo come un movimento che mirava a diventare più potente del patriarcato o un movimento che intendeva odiare il patriarcato. In breve, il femminismo stava per entrare in guerra con gli uomini. Queste assurde nozioni di femminismo per fortuna si sono interrotte, quando Emma Watson o la vita reale Hermione Granger, hanno tenuto un discorso rivoluzionario sull’uguaglianza di genere. L’attivista per la parità dei diritti ha definito il femminismo come "la teoria dell’uguaglianza politica, economica e sociale dei sessi". Per raggiungere questa uguaglianza, ha invitato gli uomini a far parte del femminismo e per partecipare alla campagna HeForShe.

Nonostante il suo discorso impressionante, Emma Watson ha ricevuto minacce dall’opposizione. Un sito web ha minacciato di pubblicare le sue foto nude su Internet. Lei ha risposto: "Se stavano cercando di scoraggiarmi, ha fatto il contrario".

9 Sima Samar

Ci sono ragazze bandite dall’andare in bicicletta. Ci sono ragazze a cui è vietato restare fuori fino a tardi. Il tempo passa e queste ragazze si trasformano in donne. A loro è vietato ricevere un’istruzione. Sono costretti a prostituirsi. Questa è la realtà in Afghanistan ; un paese conservatore dove il futuro sembra cupo. In mezzo a tutti questi problemi, c’è una donna di nome Simi Samar, il faro di speranza dell’Afghanistan.

Sima Samar è un’educatrice per le donne, una combattente per i diritti umani, un medico per i poveri e tra le donne che lottano per i diritti umani. Ha fondato la Shuhada Organization, che si è concentrata sulla fornitura di istruzione e assistenza sanitaria alle donne. L’organizzazione ora gestisce 15 cliniche, 3 ospedali e più di cento scuole. Ha anche creato il primo Ministero degli affari femminili nell’amministrazione ad interim dell’Afghanistan e ha lavorato come presidente della Commissione per i diritti umani dell’Afghanistan.

Per continuare la sua lotta per l’uguaglianza, mette a rischio la propria vita ogni singolo giorno. Le sue idee sono state accolte con così tanta opposizione che le viene fornita un’auto blindata e quattro guardie del corpo. Ma per Samar, non le importa. La sua lotta per l’uguaglianza e i diritti umani è una preoccupazione maggiore.

8 Lyudmila Alexeyava


A 85 anni, Lyudmila Alexeyava può sembrare una fragile vecchia signora, ma in realtà si colloca tra le donne che lottano per i diritti umani. Questa leggenda dei diritti umani ha una storia scoraggiante. In una protesta di Capodanno, Alexeyava si è vestita da fanciulla di neve ed è stata arrestata insieme ad altri manifestanti. Quando i funzionari si sono resi conto di aver arrestato la "vera" Lyudmila Alexeyeva, si sono scusati in fretta e l’hanno lasciata andare. Ma era troppo tardi. Le foto dell’ottantaduenne attivista arrestato sono diventate virali. Il giorno successivo i leader russi sono stati criticati dal presidente del Parlamento europeo, JeryBuzek e dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per aver imprigionato un’anziana signora a Capodanno. Tale è lo status leggendario di Alexeyava, che è considerata priva di persecuzioni e data in onda sulla televisione russa.

Cosa rende questa donna una forza da non sottovalutare? Nel 1976 Alexeyeva ha co-fondato il Moscow Helsinki Group (MHG), che ha monitorato le violazioni dei diritti umani nell’era sovietica. Negli anni ’60 si è impegnata in azioni dissidenti e "samazit", tra cui la distribuzione segreta e la pubblicazione di pubblicazioni proibite dal governo. Dopo essere stata costretta all’esilio, si stabilì negli Stati Uniti e continuò a irritare le autorità russe lavorando per Voice of America, Radio Liberty e scrivendo il suo famoso libro "Soviet Dissent: Contemporary Movements for National, Religious and Human Rights". Dopo che le è stato concesso di tornare in Russia, è rimasta una forza inarrestabile nella lotta per i diritti umani.

7 Regina Rania


La regina Rania Al-Abdullah di Giordania divenne regina all’età di 29 anni, quando il principe Abdullah Bin Al-Hussein II salì al trono nel 1999. Ma se pensi che la regina Rania sia solo un altro ricco monarca con un bel viso, allora ripensaci. Rania è tra le tante donne che lottano per i diritti umani. Ha fatto uso del suo titolo per difendere i diritti delle donne e dei bambini. È a capo della Commissione giordana per i diritti umani, del Family Safety Council e membro dell’UNICEF Global Leadership Initiative, dove lavora per cambiare le leggi e le pratiche ingiuste in Medio Oriente. I suoi sforzi sono volti a trovare un equilibrio tra i diritti umani e le tradizioni culturali. La regina Rania ama anche promuovere l’IT, che ritiene sarà la chiave per aumentare l’istruzione di qualità e l’accesso a diverse opportunità.

Dobbiamo essere tutti piuttosto sbalorditi perché i risultati di Rania impallidiscono rispetto a qualsiasi cosa abbiamo raggiunto nella vita. La promozione dei diritti umani e della tecnologia sono solo una parte del suo elenco di risultati. La regina Rania è stata anche membro del consiglio del World Economic Forum nel 2002 e ha anche creato il Queen Rania Center for Entrepreneurship. Crede fermamente che sostenere le piccole imprese, i progetti generatori di reddito e fornire piccoli prestiti ai poveri aiuterà i suoi cittadini a superare le barriere economiche. I suoi compiti sono scoraggianti, ma tutti questi sforzi sono solo l’inizio per la regina Rania.

6 Obiageli Ezekwesili


Lo scorso 2014, gli estremisti di Boko Haram hanno fatto irruzione in un dormitorio femminile e rapito 200 studentesse. Questo evento orribile ha definito la campagna #BringBackOurGirls che ha preso d’assalto i social media. Michelle Obama, Malala Yousafzai e Emma Watson, tra le tante, hanno twittato con l’hashtag #BringBackOurGirls per mostrare la loro indignazione collettiva.

Come tutto è iniziato? Obiageli Ezekwesili oltre ad essere tra le donne che lottano per i diritti umani, è un’ex ministro dell’istruzione nigeriano ed ex vicepresidente della Banca mondiale per l’Africa, ha contattato agenzie governative, stazioni televisive e politici per aiutare a riavere le ragazze. I suoi sforzi furono evitati. Infuriata dall’indifferenza dei media e del governo, ha co-fondato il movimento Bring Back Our Girls insieme ad altre tre donne nigeriane. Ha iniziato la campagna guidando una protesta nella capitale della Nigeria, Abuja. Un hashtag Twitter del nome del movimento alla fine è diventato virale su Twitter con Ezekwesili a capo del movimento online.

5 Tawakkol Karman


Il World Economic Forum ha etichettato lo Yemen come il posto peggiore in cui essere una donna. Le donne yemenite sono costrette a rimanere a casa, a non avere un lavoro e ad evitare un’istruzione. Le ragazze si sposano a partire dall’età di 8 anni e ricevono diritti ineguali al divorzio, all’eredità e alla custodia. Le donne non sono le uniche vittime. La questione dei diritti umani nello Yemen deve affrontare molteplici sfide. I giornalisti vengono aggrediti, i bambini diventano soldati e i giovani delinquenti sono soggetti alla pena di morte. In questi tempi bui, la "madre della rivoluzione" ha costantemente combattuto per i diritti di ogni essere umano nello Yemen. Si chiama Tawakkol Karman e si colloca tra le donne che lottano per i diritti umani.

La reputazione di Tawakkol Karman è spaventosa. Ha fondato l’organizzazione Women Journalists without Chains (WJWC). L’organizzazione mirava a promuovere i diritti dei lavoratori dei media e ad esporre situazioni di grave ingiustizia. Ma forse il suo più grande successo è ottenere il titolo di "donna di ferro" e "madre della rivoluzione" per aver guidato la rivolta yemenita. Nei nove mesi della rivoluzione, la sua voce ha guidato migliaia di giovani manifestanti nella lotta per il cambiamento. Il suo attivismo ha portato al suo arresto, che ha alimentato ulteriormente il risentimento e ha lasciato il posto a proteste ancora più grandi. La rivolta diffusa ha aperto la strada al suo premio Nobel per la pace lo scorso 2011. Ma con la minaccia dei ribelli Houthi ancora in corso, la lotta per lo Yemen è tutt’altro che finita.

4 Shirin Ebadi


Shirin Ebadi è un’attivista per i diritti umani in Iran, un paese con la reputazione di resistere al cambiamento e imporre il conservatorismo. La sua lotta è iniziata nel 1979. Ebadi, che è stata la prima donna giudice, è stata retrocessa come cancelliera in tribunale. La ragione? Era una donna. Invece di farsi scoraggiare, l’ingiustizia ha acceso un incendio dentro di lei che l’ha portata a diventare una delle donne che lottano per i diritti umani in Iran. La perdita del suo incarico giudiziario l’ha ispirata a lottare contro gravi ingiustizie. Come avvocato, ha difeso i cittadini più indifesi come donne e rivoluzionari politici. Ha anche preso l’iniziativa di modificare il diritto di famiglia iraniano in aspetti come il divorzio, l’eredità e la custodia dei figli. I suoi sforzi per creare il cambiamento sono avvenuti a costo della sua stessa libertà. Ha passato tre settimane in prigione. A peggiorare le cose,

Nonostante tutte queste sfide, ha anche affrontato vittorie importanti. Nel 2003 è diventata la prima donna musulmana in assoluto a ricevere il Premio Nobel per la Pace. Ora sta usando la sua piattaforma per accendere la consapevolezza locale e internazionale sui diritti umani.

3 Leymah Gbowee


Nel suo Ted Talk del 2012, Leymah Gboweeracconta la storia delle donne della Liberia. Un adolescente è stato violentato ogni giorno in cambio di una borsa di studio. Un’altra donna desiderava essere istruita, quindi vendeva bevande analcoliche, acqua e qualsiasi cosa potesse pensare. Invece di usare il denaro per se stessa, la donna lo ha dato alle sue sorelle per usarlo per la propria educazione. Altre storie sono i suoi fallimenti. Una madre ha implorato Gbowee di portare con sé sua figlia, ma Gbowee non ha potuto. Un altro è la storia di un bambino orfano chiamato "Pig" che implorò Gbowee di prenderla, ma ancora una volta Gbowee non riuscì. La sua ragione? Era una madre single con quattro figli. Era poverissima, non aveva soldi e viveva con i suoi genitori. La sua ultima storia è tutta sua. Suo figlio voleva una ciambella perché aveva fame, ma ancora una volta non poteva fare nulla. Era poverissima, non aveva soldi e viveva con i suoi genitori. Ha fallito di nuovo. Era arrabbiata, pazza e frustrata. Questo l’ha portata a creare un movimento che avrebbe cambiato la storia della Liberia.

Il Liberian Mass Action for Peace è un movimento di migliaia di donne cristiane e musulmane, stanche di ascoltare le storie dolorose della Liberia. Guidate da Gbowee, queste donne hanno eseguito un sit-in in un mercato del pesce. Informarono il loro spietato presidente Taylor che non si sarebbero mossi fino a quando non avesse acconsentito a una riunione. La pressione era intensa. Quando Gbowee ha incontrato faccia a faccia il presidente, ha detto: “Siamo stanchi! Siamo stanchi che i nostri figli vengano uccisi! Siamo stanchi di essere violentati! " La sua richiesta di pace si è conclusa con la vittoria. Taylor si è dimesso e Gbowee ha aperto la strada al percorso di Ellen Johnson come prima donna presidente della Liberia. Gbowee ora si colloca tra le migliori donne che lottano per i diritti umani e guida la Liberia Reconciliation Initiative e la Gbowee Peace Foundation Africa. Grazie al successo del suo movimento, La Liberia sta diventando un posto più luminoso per donne e bambini. Gbowee è tra le donne che lottano per i diritti umani.

2 Aung San Suu Kyi


Aung San Suu Kyi è un premio Nobel per la pace e il leader della Lega nazionale per la democrazia birmana. I suoi sforzi eroici iniziarono nel 1988, quando migliaia di persone si unirono a manifestazioni di massa contro il regime del Burma Socialist Program Party (BSSP). In questi tempi bui, Aung San Suu Kyi, figlia di Aung San (padre della nazione del Myanmar moderno), ha seguito le orme del padre combattendo per una Birmania migliore. Ha parlato coraggiosamente in una gigantesca protesta a Rangoon, che ha aumentato il clamore pubblico per la democrazia. Il governo militare ha risposto uccidendo o arrestando i leader delle proteste. Nonostante gli incontri più violenti, come i soldati che l’hanno intrappolata nella sua auto per giorni e teppisti pagati che hanno aggredito i suoi sostenitori, Aung San Suu Kyi ha continuato la sua causa.

Nel 2012 è stata eletta come membro della Camera Bassa del Parlamento birmano. I suoi obiettivi per la Birmania rimangono fermi: raggiungere la democrazia, tornare a elezioni reali, rilasciare prigionieri politici e porre fine all’uso della forza e della paura da parte del governo.

1 Malala Yousafzai


Non sorprende che Malala sia in cima alla nostra lista di donne che lottano per i diritti umani. Malala è nata nel 1997 da una famiglia che credeva nell’importanza del servizio e dell’apprendimento. In effetti, una delle sue più grandi ispirazioni potrebbe essere il suo stesso padre, Ziauddin Yousafzai. Era un direttore scolastico che credeva nell’insegnamento alle ragazze, nonché un leader della comunità e un attivista. La posizione di Malala e di suo padre sull’istruzione sarebbe stata successivamente messa alla prova nel 2007, quando i talebani iniziarono a dominare nella sua regione d’origine.

Malala è stata testimone di pratiche disumane sotto il dominio talebano. Il gruppo ha giustiziato pubblicamente assassini o adulteri, amputato persone condannate per furto e bandito televisione, musica e film. Ciò che alla fine ha costretto Malala e suo padre ad agire è stata la politica del gruppo di vietare alle giovani donne di ottenere un’istruzione. Nonostante la minaccia di un omicidio pubblico, Ziauddin ha continuato a istruire le ragazze. Malala insieme ai suoi compagni di scuola andavano a scuola, indossando abiti opachi per nascondere la loro femminilità. Il suo coraggio non è finito qui. Malala ha scritto delle atrocità dei talebani sul suo blog della BBC. La sua "voce" è diventata così popolare che l’esercito pakistano ha combattuto contro le forze talebane nella sua città natale, la Swat Valley.

Questa serie di eventi ha ispirato Malala a parlare ancora di più. È apparsa in un film documentario internazionale, ha presieduto un’assemblea ospitata dall’UNICEF e ha trasmesso al pubblico messaggi stimolanti. Le sue azioni non sono rimaste inosservate. Il 9 ottobre 2012, la quattordicenne Malala è stata colpita alla parte sinistra della testa per aver suggerito che le ragazze avrebbero dovuto ricevere un’istruzione. La notizia del suo tentato omicidio si è diffusa in tutto il mondo. La sua storia l’ha portata alla vittoria del Premio Nobel per la Pace 2014 .

  1. Malala Yousafzai
  2. Aung San Suu Kyi
  3. Leymah Gbowee
  4. Shirin Ebadi
  5. Tawakkol karman
  6. Obiageli Ezekwesili
  7. Regina Rania
  8. Lyudmila Alexeyeva
  9. Sima Samar
  10. Emma Watson

Scritto da: Monique Danao

Fonte di registrazione: www.wonderslist.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More