Il CEO di Tesla Elon Musk siederà nel consiglio di amministrazione di Twitter almeno fino al 2024

5

Perché è importante: Twitter nominerà Elon Musk nel suo consiglio di amministrazione. La mossa arriva dopo che il CEO di Tesla ha speso 2,89 miliardi di dollari per acquisire una partecipazione del 9,2% nella società. Tipicamente una partecipazione passiva è quando il titolare non intende influenzare la società. Tuttavia, la recente attività di Musk su Twitter indica che vuole vedere dei cambiamenti.

A marzo, Musk ha criticato la posizione di Twitter sulla libertà di parola. In un sondaggio, ha chiesto ai follower se Twitter " aderisce rigorosamente " ai principi delineati nel Primo Emendamento. Il settanta per cento ha risposto: "No". Ha proseguito chiedendo cosa si dovrebbe fare al riguardo.

Dopo il deposito 13G di lunedì presso la SEC, Musk ha nuovamente intervistato i follower, chiedendo se Twitter dovrebbe avere un pulsante di modifica, sbagliando di proposito "sì" come "sì" e "no" come "attivo". Finora, il 73% pensa che dovrebbe essere in grado di modificare i propri tweet. Ha anche affermato che non vede l’ora di apportare "miglioramenti significativi" alla piattaforma dopo che Twitter ha annunciato la sua nomina.

Quindi, indipendentemente dal deposito passivo 13G di Musk, sembra chiaro che vorrebbe influenzare il cambiamento nel "municipio" online. Tuttavia, potrebbe esserci di più oltre a dare voce a Musk. Twitter potrebbe aver visto il suo grande acquisto come una minaccia di un’acquisizione ostile. Secondo il deposito della SEC, Musk sarà limitato dall’acquisire il controllo della società.

"La Società nominerà il Sig. Musk nel Consiglio di amministrazione della Società (il "Consiglio") per ricoprire il ruolo di amministratore di Classe II con un mandato in scadenza all’Assemblea annuale degli azionisti della Società del 2024", si legge nel Modulo 8-K della SEC. "Finché il Sig. Musk farà parte del Consiglio e per i 90 giorni successivi, il Sig. Musk non diventerà, da solo o come membro di un gruppo, il beneficiario effettivo di oltre il 14,9% delle azioni ordinarie della Società in circolazione in tale momento, inclusa a tal fine l’esposizione economica tramite titoli derivati, swap o operazioni di copertura".

La quota del 14,9 percento menzionata è significativa perché, con il 15 percento di titolarità effettiva, Musk potrebbe emettere un’offerta pubblica di acquisto. Un’offerta pubblica di acquisto è quando un azionista ha una partecipazione di maggioranza nella società e offre agli azionisti un prezzo maggiorato sulle loro partecipazioni. Questa tattica è un modo in cui un individuo o un gruppo può eseguire un’acquisizione ostile.

Quindi, sebbene non abbia mai indicato di voler acquistare Twitter, il management preferirebbe dargli un posto nel consiglio e una certa influenza piuttosto che concedergli questa possibilità, almeno per ora. Il fondatore ed ex CEO Jack Dorsey e l’attuale CEO Parag Agrawal hanno twittato la loro approvazione per la nomina di Musk.

Nel frattempo, Musk dovrà fare i conti con la SEC. In base alle normative SEC, gli investitori devono segnalare qualsiasi acquisto superiore al 5% entro 10 giorni. Secondo la CNBC, Musk ha acquisito le azioni il 14 marzo, ma non ha presentato il 13G fino al 5 aprile. Tuttavia, è probabile che il miliardario risolverà rapidamente la questione. Le sanzioni per questo tipo di violazione tendono solo a essere di circa $ 100.000, nulla che danneggerà in modo significativo Musk.

Fonte di registrazione: www.techspot.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More