I 10 migliori omicidi inquietanti e irrisolti in Kenya

34

I familiari o gli amici di una vittima assassinata di solito sperano che l’assassino venga arrestato e affrontino la giustizia. Tuttavia, questo può essere un sogno inverosimile poiché alcuni assassini pianificano grandi dettagli ed eseguono le loro azioni malvagie in un modo perfetto che non lascia traccia. Risolvere un crimine perfetto è un compito erculeo che i detective più esperti sono stati abbattuti e ridotti a dilettanti. Diamo un’occhiata ad alcuni omicidi irrisolti in Kenya le cui tracce hanno raccolto polvere con poche o nessuna possibilità di smascherare i veri colpevoli.

I più famosi omicidi irrisolti in Kenya

10 L’assassinio di Mercy Keino

Nelle prime ore del 18 luglio 2007, il corpo mutilato di una donna sconosciuta sui venticinque anni è stato scoperto lungo la via Waiyaki. Successivamente è stata identificata come Mercy Keino, studentessa di master in giornalismo presso l’Università di Nairobi. Ore prima che il suo corpo fosse ritrovato, era stata in compagnia del suo compagno di scuola a una festa serale organizzata da un politico locale William Kambogo negli appartamenti di lusso di Wasini. Tuttavia, intorno alle 2 del mattino, si ubriacava e si agitava. In seguito ha avuto una discussione con il suo ospite che l’ha aggredita fisicamente e l’ha cacciata dalla festa. Quello che è successo dopo è ancora avvolto dal mistero.

Immediatamente dopo che Mercy e la sua amica se ne furono andate, fece un passo indietro per prendere la sua borsa e quando tornò, Mercy non c’era più. Il suo corpo è stato poi scoperto disteso sulla strada gravemente mutilato. Un testimone ha ricordato di averla vista oltrepassare il cancello di sicurezza con tre sconosciuti all’inseguimento. Più o meno nello stesso periodo, un automobilista che percorreva la stessa strada avrebbe visto una ragazza disperata con una descrizione simile salutare gli automobilisti di passaggio.

Essendo ubriaco, la polizia ha teorizzato che Keino si sia imbattuto in un traffico in arrivo ed è stato ucciso da un automobilista mordi e fuggi. Questa teoria avrebbe messo a tacere la questione se non fosse stato per una grave battuta d’arresto, il suo cervello era praticamente scomparso sulla scena dell’incidente e il rapporto del patologo non è riuscito a determinare in modo definitivo la causa della sua morte a causa di un trauma massiccio.

Durante un’inchiesta, un automobilista ha testimoniato di aver visto una Mercedes Benz sospetta guidare sul lato sbagliato della strada con gambe umane sporgenti sotto l’auto e ha sterzato per evitare il corpo scaricato. Ha preso i dati di registrazione dell’auto e ha denunciato la polizia. L’auto è stata successivamente rintracciata e spolverata ma non è stato trovato alcun segno di gioco scorretto. Le circostanze dietro la sua morte sono ancora irrisolte.

9 La morte di Samuel Wanjiru

Samuel Wanjiru è passato da umili origini per conquistare i record olimpicialle Olimpiadi di Pechino nel 2008. 24 anni all’epoca in cui ha battuto i record, la sua breve vita in controversia era appena iniziata. Con un sacco di soldi e tempo nelle sue mani, Samuel si è imbarcato in spese folli per la spesa in auto, alcol ed essendo un uomo da ragazza, si è scontrato con sua moglie Triza Njeri quando ha minacciato di spararle a morte. Njeri ha citato in giudizio ma in seguito ha ritirato le accuse dopo la riconciliazione, ma i suoi problemi erano tutt’altro che finiti. Alcune settimane dopo, ha fatto schiantare la sua auto contro una bancarella del mercato mentre era ubriaco. Ha rapidamente ripulito il casino e si è allontanato, grazie alle sue tasche profonde e prima che la polvere si calmasse, una delle sue tante amiche lo ha denunciato per averla aggredita fisicamente in macchina dopo aver rifiutato le sue proposte sessuali. Come al solito, ha optato per una transazione extragiudiziale per somme di denaro non rivelate.

Il 15 maggio 2011 il mondo si è svegliato alla notizia della sua morte. Si dice che sua moglie Triza Njeri sia tornata a casa nella loro lussuosa tenuta di Muthaiga per trovare Wanjiru con un’altra donna a letto. In un atto di rabbia, rinchiuse i due piccioncini e si diresse al piano di sotto. Wanjiru ha tentato di sfondare la porta ma non è riuscito. In un atto di rabbia, ha preso la fatidica decisione di scendere dal balcone, ma a quanto pare ha perso la presa ed è precipitato verso la morte. Il capo patologo ne dubitava poiché la caduta in sé non era sufficiente a spiegare i lividi nella parte posteriore del collo, i testicoli, le distorsioni sul petto e anche le caviglie. Ragionò se Samuel fosse atterrato sui suoi quattro come un gatto, le ferite sarebbero state evidenti su mani, caviglie, petto e fronte e non viceversa.

8 L’assassinio di JM Kariuki

Josiah Mwangi Kariuki, alias JM era un politico vocale alla fine degli anni settanta che è scomparso dopo essere stato avvicinato con un alto capo della sicurezza del governo Ben Gethi il 2 marzo 1975. Kariuki aveva chiacchierato con il suo collega identificato solo come Njoroge davanti a una tazza di caffè in Hotel Hilton quando Gethi è arrivato e lo ha portato via apparentemente per un colloquio confidenziale. Dopo aver aspettato un paio di minuti, Njoroge attraversò l’atrio dell’hotel e vide i due scomparire all’ingresso di una strada. Njoroge affrontò un angolo e uscendo da una barriera di vetro, fu accolto da un’auto in corsa con Kariuki stretto tra due uomini sconosciuti. Sentendo che qualcosa non andava, ha supplicato un taxi nelle vicinanze di dare la caccia poiché JM era ancora in possesso delle chiavi della sua macchina, ma a quanto pare è stato rifiutato. Nei giorni successivi, Le speculazioni su dove si trovasse e per frenare la tensione, il governo attraverso il ministero degli affari esteri ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che Kariuki era volato in Zambia. Questo era sospetto poiché i suoi documenti di viaggio erano ancora a casa. Prima del rapimento di Kariuki, Njoroge aveva riferito di essere stato seguito da una Volvo bianca mentre guidava la Benz di JM. Dopo aver negoziato diverse svolte, è sceso dall’auto e si è reso conto che si trattava di Patrick Shaw, un controverso riservista della polizia.

Il suo corpo fu poi scoperto nella foresta di Ngong da un pastore Masai e portato all’obitorio il 3 marzo 1975. Diverse dita erano state mozzate e un acido gli era stato versato sul viso per ridurre le possibilità di identificazione. Quando è emersa la notizia di un corpo non reclamato che giaceva all’obitorio, sua moglie ha fatto visita e ha identificato positivamente il marito disteso su una lastra di cemento e il suo viso è apparso più scuro del solito.

I risultati post mortem hanno rivelato la causa della sua morte come due colpi di arma da fuoco feriti alla spalla. Mancavano anche tre dei suoi denti inferiori. Poco dopo che il corpo è stato scoperto, il suo avvocato è entrato in casa sua e ha chiesto un fascicolo blu che ha prontamente bruciato sostenendo che avrebbe rovinato la famiglia se scoperto dai funzionari del governo. Ad oggi, nessuno sa cosa contenesse il file. Sebbene diverse figure di spicco del governo fossero implicate nell’omicidio, quarant’anni dopo, è ancora irrisolto.

7 L’assassinio di Careen Chepchumba

Il 14 febbraio 2012, Careen Chepchumba, una dipendente della società di elettricità e illuminazione del Kenya [KPLC] non si è presentata per lavoro e il suo telefono era stato spento. Incapace di contattarla, suo fratello Emmanuel andò in macchina al suo appartamento e scoprì il suo corpo senza vita ben nascosto tra le lenzuola.

Un pezzo di misterioso biglietto scritto a mano indirizzato al suo ragazzo, Louis Otieno; sulla scena è stato trovato anche un celebre personaggio televisivo keniota; ” Vorrei che mi lasciassero fare a modo mio. Anche se non fossimo insieme, sei ancora nel mio cuore. Mi resterai ancora così caro Louis ”. Sebbene vivesse in una gated community, le guardie di sicurezza hanno testimoniato di averla vista cadere da suo fratello intorno alle 21:00 e nessuna attività sospetta è stata notata fino al ritrovamento del suo corpo il giorno successivo. L’esame post-mortem ha rivelato che era morta a causa di strangolamento e aveva compiuto un atto sessuale con il suo assassino prima o immediatamente dopo la sua morte. La polizia ha teorizzato che fosse vicina al suo assassino poiché non c’erano segni di ingresso forzato.

Dato che stava contemplando la separazione e in precedenza si era lamentata di molestie da parte di Louis, il sospetto cadde immediatamente su di lui e fu accusato in un tribunale pubblico di opinione, accusa che negò con veemenza. Sebbene fosse stato scagionato da qualsiasi comportamento scorretto, in seguito cadde nella depressione e divenne un alcolizzato. La sua morte è ancora irrisolta.

6 La fucilazione di Moses Mpoe

La sera del 3 dicembre 2010, Moses Mpoe, un attivista del territorio, suo fratello Joseph Mpoe e un collega Parsaaiyia ole Kitu stavano guidando lungo l’autostrada di Nakuru quando sono rimasti bloccati in un ingorgo. A loro insaputa, un uomo armato solitario si fermò accanto alla loro auto su una moto e aprì il fuoco uccidendo Moses e Parsaaiyia sul posto, Joseph fu ferito a morte ma sopravvisse. Prima del suo omicidio, Moses aveva litigato per contrapporlo a Eddah Wanjiru Koinange; il suo datore di lavoro e diversi funzionari governativi su 4.923 acri di terreno del valore superiore a $ 2,5 milioni. La terra sarebbe stata sottratta a un gruppo etnico minoritario dei Maasai dall’ex governo coloniale britannico e successivamente acquistata dalla famiglia Koinange dopo l’indipendenza.

Sebbene i Maasai fossero ancora irremovibili nel volere indietro la loro terra, le cose sono finite in un vicolo cieco dopo la violenza postelettorale nel 2007. Il governo, nel tentativo di reinsediare gli sfollati interni, ha proposto un piano per l’acquisto di diversi pezzi di terreno in tutto il paese e, come al solito, la loro attenzione è stata tra l’altro attirata dalla vasta fattoria Mutheka di proprietà dei Koinange. Mpoe, che all’epoca era l’amministratore della fattoria, non ne aveva nulla e chiese che la terra fosse restituita ai proprietari originali. Dopo una serie di proteste e battaglie in corso, Mosè si trasferì in tribunale per fermare i piani di vendita della terra. Ma prima che il verdetto finale del tribunale potesse essere letto, fu ucciso. Poco dopo il suo omicidio, la vedova Eddah di Koinange insieme al figliastro David Njuro e un lavoratore agricolo sono stati arrestati con l’accusa di omicidio e teorici della cospirazione hanno affermato che la signora Koinange aveva precedentemente viaggiato fuori città per mettere a punto i loro piani. Nonostante Joseph identifichi positivamente il lavoratore agricolo, come il tiratore,

5 La misteriosa uccisione di Zebedeo Maina

Zebedeo non ha bisogno di presentazioni nei circoli di polizia poiché la sua pura brutalità di strangolare, sparare e mutilare i "fuorilegge Mungiki" era ben nota ed è lecito ritenere che fosse uno degli agenti di polizia più brutali nella storia del Kenya. Un titolo che ha rivaleggiato solo con Patrick Shaw. Nel suo periodo di massimo splendore, era a capo della "squadra di polizia kwekwe", un famigerato ramo di polizia istituito principalmente per contrastare la diffusione di "Mungiki", responsabili di estorsioni, rapimenti, massacri e occasionali scontri a fuoco con la polizia. Al suo apice, la loro popolazione era stimata in circa 500.000 abitanti e in rapida crescita. A seguito di proteste pubbliche, il governo è entrato in azione e si è formata la temuta "squadra di polizia kwekwe". Le sue attività erano avvolte dal segreto e presto, i corpi mutilati di sospetti Mungiki iniziarono a comparire in diverse parti del paese. Diversi altri membri Mungiki furono arrestati e sparirono senza lasciare traccia. Uno di questi incidenti è stato il rapimento e la scomparsa del tesoriere di Mungiki Ruo Kimani, nel 2007. Kimani era stato appena assolto per i suoi ruoli nella setta quando è stato avvicinato da agenti di polizia in abiti semplici. È stato sbattuto in una macchina e portato in un luogo sconosciuto, il suo destino è ancora sconosciuto. La sua scomparsa ha continuato a sconcertare lo stato prima che un ex membro della "squadra kwekwe" confessasse di averlo torturato e ucciso in una foresta e il suo corpo incendiato sotto la sorveglianza di Maina. La scena esatta è andata perduta nel tempo. Kimani era stato appena assolto per i suoi ruoli nella setta quando è stato avvicinato da agenti di polizia in abiti semplici. È stato sbattuto in una macchina e portato in un luogo sconosciuto, il suo destino è ancora sconosciuto. La sua scomparsa ha continuato a sconcertare lo stato prima che un ex membro della "squadra kwekwe" confessasse di averlo torturato e ucciso in una foresta e il suo corpo incendiato sotto la sorveglianza di Maina. La scena esatta è andata perduta nel tempo. Kimani era stato appena assolto per i suoi ruoli nella setta quando è stato avvicinato da agenti di polizia in abiti semplici. È stato sbattuto in una macchina e portato in un luogo sconosciuto, il suo destino è ancora sconosciuto. La sua scomparsa ha continuato a sconcertare lo stato prima che un ex membro della "squadra kwekwe" confessasse di averlo torturato e ucciso in una foresta e il suo corpo incendiato sotto la sorveglianza di Maina. La scena esatta è andata perduta nel tempo.

Zebedeo ha continuato a suscitare paura tra i suoi colleghi e tra i membri di Mungiki prima di essere ucciso da uno dei suoi junior in circostanze controverse. Il 3 agosto 2013, Zebedeo insieme ai suoi colleghi ufficiali si è recato nella città di Kitui sulle tracce di una ragazza rapita a Nairobi. Dopo aver rintracciato il telefono usato dai rapitori, hanno atteso e presto hanno identificato due uomini di passaggio come colpevoli. Si avvicinò e realizzò che erano stati messi alle strette, si assicurò una zuffa e Maina ritirò la pistola e sparò in aria per scoraggiare un curioso gruppo di spettatori. Nel bel mezzo della lotta, uno dei suoi junior ha aperto il fuoco due volte su di lui, una sui glutei e sullo stomaco. Morì poche ore dopo. Al momento della stesura di questo documento, non è stata fatta alcuna convinzione.

4 L’assassinio di padre Kaiser

La morte di padre Kaiser è stata oggetto di dibattito da quando il suo corpo senza vita è stato trovato disteso in un fosso il 24 agosto 2000. La causa della sua morte è stata un singolo colpo di arma da fuoco alla nuca e il fucile a due pollici di distanza. il corpo. Prima della sua morte, Kaiser aveva fatto diverse lamentele sulla sua vita in pericolo e un certo numero di persone di spicco nell’ex governo del presidente Moi lo voleva morto. Le sue audaci accuse secondo cui il presidente era il principale autore della sanguinosa guerra tribale nella Commissione Akiwumi lo hanno immediatamente messo nei guai con le forze dell’ordine. È stato malmenato dalla polizia, picchiato e abbandonato tra i cespugli, ma non ha ancora ricevuto il promemoria.

Durante gli anni novanta, Kaiser ha avuto diversi scontri con la legge ed è stato posto agli arresti domiciliari, ma non ha finito. Accusare un altro uomo di stupro è un’accusa seria, ma quando si scopre che è un ricco e influente ministro del governo, porta il gioco a un livello completamente nuovo. Tuttavia, Kaiser ha preso il toro per le corna e ha sporto denuncia contro Julias Sunkuli, ministro degli Affari di Stato, per aver contaminato due studentesse e offerto denaro per l’aborto. Il signor Sunkuli non è mai stato incriminato e il caso è stato successivamente archiviato. Poco dopo, è stato accusato di trovarsi illegalmente nel paese e di rifugiarsi nella casa di un suo amico nella città di Kissi. Il suo permesso è stato rinnovato solo dopo l’intervento dell’ambasciatore americano Johnnie Carson.

Alla fine degli anni novanta, Kaiser divenne paranoico ei suoi colleghi lo descrissero come "teso" ed "eccezionalmente nervoso". Diversi testimoni hanno testimoniato di averlo visto piangere durante la sua ultima messa prima che partisse per Nairobi per incontrare uno dei rappresentanti del pontefice. La sera del 23 è partito per casa ma non è mai arrivato. Il suo corpo senza vita è stato scoperto sul ciglio della strada da due fratelli. Il suicidio è stato ritenuto la causa della sua morte a causa di sbalzi d’umore improvvisi ed è stato trovato un proiettile in tasca. Tuttavia, il patologo ha teorizzato che fosse stato colpito a pochi metri di distanza, in genere impossibile con il suicidio. Le cartucce esaurite non sono mai state recuperate.

3 La bizzarra morte di Alexander Monson


Alexander Monson, figlio del barone Monson, un aristocratico britannico che non si sarebbe tenuto lontano dai guai in Inghilterra. Nel 2008 è volato in Kenya ma neanche il cambio di ambiente lo ha aiutato. Conosciuto per il suo bere, fumare e fare baldoria, si è rapidamente acclimatato e come prima ha continuato. Solo che questa volta le cose hanno preso una piega sbagliata. Il 19 maggio 2012, Alexander è stato arrestato con l’accusa di fumo e possesso di cannabis al di fuori di un club di Diani. È stato preso in custodia dalla polizia e rinchiuso nelle celle. Pochi minuti dopo, ha iniziato a scivolare dentro e fuori dalla coscienza. La sua madre preoccupata che era a Nairobi in quel momento ha chiamato un suo amico di famiglia per aiutare a salvare Alexander, ma la richiesta è stata respinta dalla polizia. Le sue condizioni sono peggiorate ed è stato portato d’urgenza in ospedale da uno stretto collaboratore familiare. Ore dopo, sua madre è volata a Diani e si è diretta in ospedale e ha trovato suo figlio totalmente insensibile e sorvegliato da due agenti di polizia. Morì un’ora dopo.

La polizia ha rilasciato una dichiarazione che Monson era morto a causa di overdose di droga. Tuttavia, il rapporto tossicologico non indicava farmaci nel suo sistema e aveva lesioni interne alla testa a seguito di traumi da forza contundente e segni difensivi in ​​entrambe le mani e nei testicoli. Come sia arrivato a queste ferite è ancora sconosciuto.

2 L’assassinio di Meshack Yebei


Meshack Yebei avrebbe dovuto testimoniare come testimone della difesa per William Ruto, il vice presidente del Kenya incriminato dalla Corte penale internazionale a seguito di violenze post-elettorali nel 2007. Il 28 dicembre 2014 ha portato suo figlio malato in un dispensario locale per le cure. Si dice che Yebei sia andato a raccogliere l’acqua potabile e non se ne sia più sentito parlare. Ore dopo che era stato denunciato la sua scomparsa, sua madre e un caro amico hanno ricevuto un messaggio sospetto da un numero non riconosciuto: "Spero che tu stia bene, sono andato in Uganda con urgenza. Sono con la gente di Bensouda Patrick e Lugusa. Questo è … sto bene, non preoccuparti e questo è il mio numero "[sic]. Poche settimane dopo, un corpo non identificato è stato trovato in un fiume e inizialmente si pensava fosse quello di Yebei. Tuttavia, il test del DNA si è rivelato essere quello di un equipaggio di matatu scomparso. Il corpo nudo e in decomposizione di Yebei è stato successivamente scoperto in una boscaglia nel parco nazionale dello Tsavo, a circa 497 miglia dall’area dell’ultimo avvistamento con gli occhi strappati e lesioni visibili anche alla gamba, alla mano e al pene. Sebbene l’ICC avesse offerto a Yebei una nuova residenza in una lozione sicura, rifiutò l’offerta e tornò nella sua città natale prima del suo rapimento. La sua morte rimane irrisolta.

1 L’uccisione di Aboud Rogo


Rogo non ha bisogno di presentazioni tra i circoli islamici del Paese. Noto per la sua controversa predicazione e radicalizzazione della gioventù a Mombasa, ha avuto una lunga lista di scontri con la legge nel corso della sua vita. Rogo ha attirato per la prima volta l’attenzione della polizia quando è stato collegato a una doppia esplosione in Kenya e Tanzania nel 1998 che ha provocato la morte di oltre 250 persone. Quattro anni dopo, è stato arrestato per il suo collegamento nell’attentato di Kikambala che ha provocato la morte di tredici persone. Durante il corso delle indagini, è stato rivelato che un gruppo di israeliti appena arrivati ​​era al centro dell’obiettivo, ma il caso è andato in pezzi per mancanza di prove. Solo tre israeliti e dieci intrattenitori locali furono uccisi nell’esplosione, ma non aveva ancora finito.

Aboud Rogo si è espresso molto contro la mossa del governo di inviare forze di difesa in Somalia per contrastare i problemi di insurrezione che minacciavano di riversarsi nel paese. Sebbene sapesse chiaramente dei rischi coinvolti, non fu scoraggiato e presto il materiale di propaganda dei suoi insegnamenti iniziò a spuntare in varie città tamburellando a sostegno dei gruppi terroristici in Somalo. La sua casa è stata successivamente perquisita e sono stati trovati diversi colpi di munizioni insieme a fucili, granate e detonatori. Un’accusa che ha negato con veemenza e ha invece accusato la polizia di aver piantato le prove incriminanti nella sua casa. È stato accusato ma rilasciato su cauzione.

Il 27 agosto 2012, il suo furgone è stato bloccato da un’auto senza contrassegni mentre guidava la moglie in ospedale e gli è stato spruzzato di proiettili. Morì sul colpo dopo aver preso diciassette colpi. Sua moglie ha riportato ferite alle gambe mentre sua figlia è scappata illesa. Poco dopo la sparatoria, la folla inferocita ha dato fuoco alle chiese e ha ingaggiato la polizia per due giorni prima che la calma fosse finalmente ristabilita. Una persona è stata uccisa nella rissa e diversi feriti. Al momento della stesura di questo documento, non è stato eseguito alcun arresto e condanna.

Elenco compilato da Moses Onyango.

Fonte di registrazione: www.wonderslist.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More