Fantastiche tattiche ASO che ogni proprietario di un’app aziendale dovrebbe conoscere?

3

È positivo che tu sia stato fantasticato dalla tua idea e osservando le tendenze del mercato globale delle app mobili, hai fatto il grande passo e sei andato avanti sviluppando un'app, ma senza un'adeguata esposizione e accettazione, l'app non ha valore.

In qualità di imprenditore e motore della tua organizzazione, devi essere consapevole di ciò che serve per rendere la tua app pronta per il mercato.

Ok, allora hai fatto tutti i compiti!

  • Ho avuto un'ottima idea ✔
  • Collegato con una società di sviluppo ✔
  • Redatto e pianificato sulle fasi di sviluppo ✔
  • Tieni pronto il modello dell'app ✔
  • Testato, verificato e approvato da potenziali utenti ✔
  • App pronta per essere lanciata sul Play Store ✔

Tutti ✔, accanto a cosa? Fino ad ora tutto è andato alla grande e la tua app è pronta per il lancio, ma come pensi di commercializzare e pubblicizzare la tua app?

Non ci hai ancora pensato??

Quindi è qui che entra in gioco ASO.

Ottimizzazione dell'App Store: definizione del termine

Come affermano gli esperti di marketing: ASO o App Store Optimization è il processo di ottimizzazione e miglioramento della visibilità di un'app sul Play Store per ottenere posizioni migliori nelle classifiche delle migliori app dell'app store. Per dirla in questo modo, ASO è una tecnica di marketing che aiuta a sfruttare la visibilità dell'app sul Play Store. Inutile dire che migliore è la visibilità, maggiore è il download e il resto segue.

Perché hai bisogno di ASO?

Domanda da un milione di dollari!!

Perché hai esattamente bisogno di utilizzare strumenti e tecniche ASO?

Sulla base delle ricerche condotte da Statista, ci sono solo 2,6 miliardi di app in diretta sul Play Store. Il numero ha continuato a crescere da 16k nel 2009 a oltre 2,6 miliardi all'inizio del 2019. Senza dubbio, il mondo ha attivamente marciato sulla tendenza dello sviluppo di app e anche tu. Ma essere sul Play Store ed essere scaricato sono due cose diverse. Indipendentemente da ciò che dice la cifra, non tutte le app ricevono la stessa quantità di trazione, figuriamoci un numero decente.

Per far fronte a quanto sopra e conquistare una posizione nel mercato in continua crescita, diventa indispensabile ideare strategie che abbiano dimostrato di aiutare gli sviluppatori a classificare meglio la loro app. Indipendentemente dalla tua attività o dal dominio su cui si concentra la tua app, è necessario aderire alle norme del marketing e fare in modo che la tua app riceva un traffico minimo, riconoscendo che non stai solo pianificando di lanciare un'app e dimenticare le entrate.

E, ASO è qualcosa su cui devi spostare la tua attenzione. Funziona più o meno come il SEO che facciamo per commercializzare i contenuti sul web. L'unica cosa che differisce qui è che ASO è pensato esclusivamente per il Play Store e i metodi sono intrapresi per improvvisare l'impegno dell'app, sempre solo sul Play Store.

Sperando che ormai tu abbia un'idea di cosa sia ASO e perché ne hai bisogno, andiamo avanti descrivendo i diversi strumenti e le tattiche intraprese per migliorare la visibilità online delle tue app.

I migliori strumenti e tecniche ASO

Eseguire una ricerca approfondita

Prima di procedere e iniziare a implementare le diverse tecniche per ottimizzare la tua app sul Play Store, è importante che tu faccia una ricerca o un breve sondaggio su ciò che i clienti cercano quando cercano un servizio fornito dalla tua app. Conoscere i gusti, le antipatie, le preferenze e le aspettative del potenziale cliente ti aiuterebbe nella fase di pianificazione.

Successivamente, è necessario studiare la concorrenza. Significa che solo sapere chi sono i clienti e cosa cercano di ottenere non ti servirà da solo. Devi sapere come si sta comportando il mercato in questo momento e chi è il tuo concorrente. Cosa stanno facendo per raggiungere i clienti e come puoi sfruttare ASO per rimanere un passo avanti a loro. Dalla descrizione dell'app al linguaggio utilizzato, alle parole chiave riempite o alla strategia di marketing, sapere cosa è stato fatto consente agli esperti di marketing di trovare le lacune e quindi colpire duramente il settore.

Bozza Le parole chiave più cercate

Una volta che hai finito con la ricerca, è tuo compito andare avanti. E la prima cosa che devi fare è cercare parole chiave. Il pianificatore di parole chiave di Google è uno strumento efficace che offre ai marketer la facilità di cercare parole chiave, conoscere i ranghi, la frequenza di download, ecc. Sulla base di quanto sopra, ora puoi segmentare tutte le parole chiave e ordinarle in un ordine che cade dal dal traffico più alto a quello più basso. È importante pensare dal punto di vista del cliente e quindi, in base alla frequenza di ricerca delle parole chiave, utilizzarle all'interno e all'interno della tua app.

Oltre al pianificatore di parole chiave di Google, puoi anche utilizzare diversi strumenti ASO che sono pieni delle parole chiave più cercate nel Play Store. Il fatto che tutti questi strumenti siano gratuiti, gli esperti di marketing trovano abbastanza facile andare d'accordo. Una cosa di cui devi essere sicuro è la scelta delle parole chiave. Non importa quanto sia alta la frequenza di una parola chiave, finché ea meno che la parola chiave non appaia pertinente alla tua app, non è necessario utilizzarla.

Un modo per ottenere diverse parole chiave cercate dagli utenti sono le recensioni in-app. In effetti, il review mining è un metodo eccellente per entrare nella mente del cliente. È stato visto che le parole chiave utilizzate dai clienti durante la pubblicazione delle recensioni sono in realtà le principali parole chiave che gli utenti digitano nel Play Store. Esistono diversi strumenti di marketing che possono essere utilizzati per valutare e analizzare le parole chiave dalla revisione dell'app. Quelli recenti utilizzano l'intelligenza artificiale per fare lo stesso. Quindi, anche tu puoi ottenere vantaggi cercando le parole chiave utilizzando questi strumenti.

Ottimizzazione delle parole chiave

Ora che hai ottenuto tutte le parole chiave che gli utenti cercano, è il momento di ottimizzarle per sfruttarle al meglio. Avere solo un blocco di parole chiave non è sufficiente e devi filtrare il meglio dal lotto in modo che tutte le tue cose ASO funzionino davvero. Ci sono ancora molti strumenti che ti aiutano con il processo di ottimizzazione.

Le cose da tenere a mente sono:

  • Scegliere una parola chiave che abbia una maggiore popolarità e un basso livello di difficoltà: è sempre auspicabile iniziare lentamente. Ciò significa che iniziare con le parole chiave che hanno una popolarità significativa e non molto difficile e una volta superate le fasi iniziali del lancio dell'app, puoi quindi iniziare a spostarti verso parole chiave che hanno maggiore popolarità e notevole difficoltà. Questo in un certo senso ti aiuta a rivolgerti a tutti i tipi di utenti, quelli di base prima e poi quelli organizzati e quelli molto più strategici.
  • Usa parole chiave a coda lunga più di quelle a coda corta: è opinione comune che le parole chiave a coda lunga generino più traffico rispetto a quelle più brevi. Per quelli che non sono abbastanza sicuri del significato dei termini, le parole chiave Long Tail includono più di due parole mentre quelle più brevi sono limitate a una o due parole. Ad esempio: "Azienda di sviluppo" sarebbe una parola chiave breve dove "Azienda di sviluppo di app mobili a Dubai" sarebbe la coda lunga e, come puoi vedere, è molto più specifica. Quindi, nel complesso, l'utilizzo di parole chiave a coda lunga aumenta la probabilità di surclassamento nel mondo competitivo.
  • Riprogetta la parentesi di parole chiave esistente: non importa se hai già avviato la tua app e stai ricevendo traffico audio, ASO non si ferma. Devi comunque tenere traccia delle parole chiave utilizzate e ritirare quelle scadenti, sostituendole con parole chiave più forti e migliori. L'idea è di mantenere la tua app sul mercato e questo non è un lavoro una tantum. Per mantenere il conteggio del traffico in aumento, devi aderire alle tendenze e alle nuove tecniche, parole chiave, in generale, per rimanere nella concorrenza e mantenere la tua posizione.

Una volta terminato, ora sei pronto per utilizzare queste parole chiave nel posto giusto e nel modo giusto per portare avanti l'idea di migliorare la visibilità dell'app store. Ricorda, ottenere parole chiave e ottimizzarle è solo la metà del lavoro svolto e devi calcolarle correttamente, al fine di utilizzarle a tuo vantaggio.

Ideazione del nome della tua app

Questa è la prima e la cosa più importante quando parliamo di ASO. Il nome della tua app è responsabile della voce dei tuoi servizi, il che significa che è il nome della tua app che dice all'utente cos'è esattamente la tua app e in che modo ne beneficia l'utente. Secondo la ricerca, si è visto che l'utilizzo di parole chiave all'interno del nome dell'app migliora il ranking dell'app del 10,3%.

Ora, data tutta la concorrenza e le tendenze del mercato, anche l'uno percento è importante, 10,3 sembra enorme. Inoltre, è risaputo che sia gli algoritmi di ricerca di Apple che quelli di Google danno la priorità al nome dell'app durante la ricerca di parole chiave. I nomi che hanno parole chiave hanno maggiori probabilità di essere recuperati. Quindi, aggiungere parole chiave all'interno del nome della tua app è una buona idea, ma anche in questo caso non commettere l'errore di riempire ciecamente il nome di parole chiave. Devi trovare un equilibrio tra il nome dell'app e la parola chiave utilizzata. Da non dimenticare che sia Google che Apple limitano il nome dell'app rispettivamente a 50 e 30 caratteri. Ad esempio, puoi mantenere breve il nome del marchio e sostenerlo con una breve frase specifica per parola chiave con i due punti o un trattino.

Sottotitolo dell'app

Per gli utenti iOS, precisamente iOS 11, ogni nome dell'app è seguito da un sottotitolo che appare appena sotto il nome. È limitato a 30 caratteri ed è consigliabile utilizzare le stesse parole chiave pianta. I contenuti del sottotitolo sono senza dubbio indicizzati e quindi utilizzarlo con parole chiave sarebbe un'ottima idea per indirizzare il traffico verso la tua app.

Descrizione dell'app

Il prossimo in linea è come descrivi l'app. che va da 80 a 400 caratteri, il Play Store ti dà la libertà di descrivere la tua app nel miglior modo possibile. Infatti, tutto ciò che scrivi in ​​questi campi viene indicizzato da Google. Quindi, anche in questo caso, hai la possibilità di adattare le parole chiave nel modo più significativo in modo che la prossima volta che un utente inserisce una parola chiave, la tua app venga visualizzata in primo piano. Quindi, se utilizzi una parola chiave importante e cruciale per almeno cinque volte, Google saprà che la tua app è pertinente quanto le altre. Fai attenzione a come pianificarlo poiché Google e Apple hanno algoritmi diversi. Per Google, ripetere le parole chiave aggiungerebbe più traffico, ma nel Play Store di Apple è solo una questione di tempo e parole sprecate.

Icona dell'app

Secondo una ricerca, un'icona ben progettata è in grado di sfruttare il traffico del 560%. Ora, questo è enorme e non vorrai perdere questa opportunità per salire in cima alle classifiche. Destra?

Quindi, sii molto specifico riguardo al tuo design. Non aggiungere molto contenuto. Mantienilo cristallino in modo che la prima impressione valga sicuramente la pena di scaricarlo. Inoltre, assicurati che il design non risenta della qualità e dell'aspetto quando viene ridotto alle dimensioni. Infine, mantieni il design dell'icona della tua app diverso dai tuoi concorrenti.

Screenshot

Anche in questo caso, potresti aggiungerne tonnellate, ma è probabile che gli utenti non scorrano mai per più di due. Quindi usa i due migliori all'inizio, dando agli utenti l'idea di cosa sia la tua app e come possono usarla. Scegline uno che si spieghi da sé e gli utenti non devono cercare molto dopo aver visto lo stesso. Puoi aggiungere una breve didascalia all'interno dello screenshot per dare un'idea migliore. È dimostrato che uno screenshot migliore può aumentare il tasso di conversione del 25%.

Solo per utenti IOS

Campo della parola chiave dell'App Store

IOS consente agli sviluppatori di compilare separatamente i metadati con parole chiave. Sii cauto e segui le regole mentre lo fai e ti è capitato di aumentare la visibilità della tua app (solo se tempi le parole chiave giuste)

Regole:

  • Usa tutti i 100 caratteri assegnati
  • Usa una virgola per separare ogni parola chiave
  • Evita articoli, spazi e preposizioni
  • Opere singolari o plurali, non usare mai entrambe
  • Non ripetere mai una parola chiave
  • Prova a usare i numeri e non le parole scritte
  • Non è necessario aggiungere il nome dell'app o dell'azienda o anche la categoria dell'app all'interno dei metadati.
Testo promozionale dell'App Store

Simile al sottotitolo dell'app, il testo promozionale dell'app store è una funzionalità aggiunta nell'Apple Play Store per gli utenti di iOS 11. Questo è un breve campo sopra la descrizione dell'app e limitato a 170 caratteri. Anche se il contesto non è indicizzato, puoi usarli per eseguire test A/B.

Avvolgendo

In poche parole, ASO come termine potrebbe sembrare piccolo ma in termini di caratteristiche e funzionalità, ne ha un sacco e, se usato in modo efficace, può aiutarti a portare la tua app in primo piano. Dall'aumento della visibilità della tua app all'aggiunta al successo, il tempismo giusto delle tue strategie ti manterrebbe un passo avanti rispetto ai tuoi concorrenti e guadagnerebbe un vantaggio nel mercato in continua crescita.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More