Come preparare correttamente il backend di WordPress per la SEO

5

Non importa quali siano i tuoi pensieri, la SEO è ancora una parte importante di molte aziende in tutto il mondo ed è ancora viva e ticchettante. Detto questo, è chiaro che ci sono un sacco di nuovi input, funzionalità e, soprattutto, strategie da prendere in considerazione.

L'utilizzo di diverse tecnologie per "sfruttare" l'algoritmo di Google e quindi il suo sistema di ranking, ad esempio, è diventato uno standard per molti professionisti SEO, che si stanno trasformando sempre più in sviluppatori "SEO-oriented". Detto questo, proviamo ad analizzare perché e come dovreste preparare il vostro backend WordPress per la SEO, dal punto di vista tecnico.

Cos'è la SEO tecnica?

Bene, per capire correttamente come impostare il tuo sito WordPress per la SEO, dobbiamo analizzare cos'è la SEO tecnica. Innanzitutto, non esiste, al momento, una definizione precisa di “cosa sia il Technical SEO" ma potremmo delinearne una generale: con Technical SEO si intende l'insieme di strategie che vengono create per “far sapere a Google cosa c'è su il mio sito nel modo più rapido possibile”. La SEO tecnica è qualcosa che è molto curato dalle aziende, vale a dire Apple, Amazon e TESLA, per citarne alcune. La SEO tecnica è complicata quanto lo sviluppo front-end e, nonostante i molti articoli disponibili online, richiede una profonda conoscenza di HTML, CSS e Javascript (in particolare).

WordPress è un'architettura SEO-friendly?

Purtroppo non lo è. WordPress è il nemico numero uno di molti professionisti SEO, poiché è ciò che è noto come "architettura legacy" (ne parleremo più avanti). Anche se questo può sembrare spaventoso, c'è un problema: WordPress può davvero essere ottimizzato per il SEO tecnico, prima di alcuni accorgimenti. Gli sviluppatori SEO sanno che WordPress è "limitato" per le attività tecniche e, pertanto, hanno sviluppato molti strumenti diversi come Yoast per aiutarti a costruire un'architettura migliore, anche se non sei un esperto di PHP. Nel 2019, è obbligatorio, se si lavora con un'architettura WordPress, disporre di un backend adeguato.

"Non so come codificare, cosa dovrei esaminare, prima?"

Come detto sopra, la SEO tecnica è fortemente correlata al codice, indipendentemente da ciò che dicono i blog dubbi online. Non preoccuparti, però, se non sei un esperto di programmazione, dato che devi solo imparare 3 lingue, o meglio, sintassi. L'HTML è obbligatorio, poiché durante la pianificazione di qualsiasi forma di strategia SEO tecnica ti verrà richiesto di controllare intestazioni, titoli di pagina, meta descrizioni e altri tag. Tieni presente che Googlebot (il crawler di Google) è in grado di leggere completamente l'HTML, quindi è obbligatorio disporre di uno "scheletro" HTML perfetto.

Quando guardi una pagina sul tuo sito WordPress, dovresti analizzare le tue intestazioni (

) e ottimizzali con parole chiave a coda lunga, mentre il tuo

Che dire di Javascript?

Javascript per Technical SEO dovrebbe essere considerato separatamente dagli altri due linguaggi front-end. Googlebot (anche se è stato aggiornato di recente) non può leggere Javascript, quindi, se hai qualche app nativa, qualsiasi fisarmonica con molto valore o letteralmente qualsiasi forma di testo inclusa all'interno di uno script, puoi considerarla scomparsa da Google. Di recente, tuttavia, Google ha introdotto una "coda di rendering" per Javascript (soprattutto lato client), che sostanzialmente "riconosce" il fatto che alcuni contenuti vengono persi durante il processo di scansione. In pratica, ciò significa che Google leggerà il tuo contenuto (quello incluso in uno script specifico) dopo il tuo HTML e il tuo CSS, rallentando di fatto il suo posizionamento.

C'è un modo per risolverlo?

WordPress è un'architettura molto Javascript. Ci sono tonnellate di fisarmoniche, cursori e plug-in che sono alimentati da jQuery, Vue e altri framework che sono ingombranti e renderizzati lato client. Il modo più semplice possibile per risolvere questo problema sarebbe l'implementazione di Javascript con rendering lato server, che è una questione complessa e richiede sviluppatori con una grande conoscenza di Next.js e altri framework di rendering lato server. Si tratta, ovviamente, di una cosa che richiede tempo, risorse e figure professionali specifiche, cosa che non molte aziende possono affrontare.

In generale, l'approccio migliore per Javascript su WordPress sarebbe limitarne l'utilizzo alle attività relative alla grafica, come l'animazione di menu o immagini. La sola applicazione di uno script per una semplice riga di testo potrebbe distruggere mesi e mesi di lavoro SEO, quindi tienilo a mente quando pianifichi il tuo WordPress back e front-end!

Tutti i campi personalizzati!

Se c'è una cosa buona che PHP fa all'interno di un'architettura WordPress, sarebbe sicuramente l'utilizzo di campi personalizzati. I campi personalizzati sono essenziali per la SEO tecnica, soprattutto quando si pianifica l'utilizzo di GTM (Google Tag Manager) e dei dati strutturati. Il secondo, in particolare, è diventato una parte fondamentale del mondo SEO, con dozzine di proprietà, attributi e ricchi risultati ottenibili utilizzando i markup di Schema.org (ne parleremo più avanti). È importante tenere presente che i campi personalizzati richiedono una qualche forma di conoscenza di PHP, quindi sarebbe relativamente utile impararne la sintassi generale.

A proposito di schema…

I dati strutturati sono OBBLIGATORI nel 2019 per qualsiasi strategia SEO tecnica. Google apprezza molto i siti contrassegnati con dati strutturati e, pertanto, è qualcosa che ogni professionista SEO dovrebbe esaminare. I dati strutturati si riferiscono all'utilizzo di script codificati JSON-ld (principalmente) che sono, di fatto, una "conferma" di ciò che il contenuto sta coprendo sulla tua pagina. Inoltre, Google sta investendo molto nei risultati ricchi di SERP (valutazione a stelle per le pagine dei prodotti, caselle delle domande frequenti e altro) solo per migliorare l'esperienza dell'utente.

Schema è un programma open source e viene aggiornato quotidianamente, quindi, se non hai creato campi personalizzati per esso, dovresti farlo ora. Ipoteticamente, potresti utilizzare plug-in, come l'app Schema, per farlo, ma con i markup Schema, è sempre meglio codificarli manualmente utilizzando le proprietà e gli attributi che potrebbero adattarsi al meglio ai tuoi contenuti.

Velocità: il più grande problema di WordPress

Come accennato in precedenza, WordPress è quella che viene definita una "architettura legacy". Con ciò intendiamo che le librerie, i framework e il motore che lo muovono sono considerati “obsoleti” e “vecchi” nel mondo di front e backend di oggi. Con questo in mente, è abbastanza facile capire perché alcuni siti WordPress non hanno buone prestazioni, in termini di velocità. La velocità è un fattore di ranking molto importante per le classifiche di Google e ci sono molti modi diversi per migliorarla per una strategia SEO tecnica.

Innanzitutto, dovresti ridurre l'utilizzo di plugin grafici come WPBakery: la codifica manuale del tuo CSS potrebbe farti risparmiare (nemmeno scherzando) almeno 1 secondo di tempo di caricamento per pagina. Idealmente, uno sviluppatore dovrebbe creare un sito con buone prestazioni, ma l'ottimizzazione della velocità, soprattutto se eseguita mediante la compressione di immagini e altre risorse minori, potrebbe essere eseguita da chiunque.

Come pianificare correttamente il back-end per l'ottimizzazione della scansione

Abbiamo spiegato come Google esegue la scansione di Javascript e ora siamo pronti a delineare come preparare il tuo sito WordPress per un budget di scansione ottimale. Per “Crawl Budget” si intendono i tempi per i quali Google scansiona un sito web per successivamente indicizzarlo e posizionarlo sulla SERP. Ci sono, ancora una volta, molte strategie che potrebbero essere utilizzate per ottimizzare il crawl budget del tuo sito WordPress, ma tutte iniziano con l'analisi dei suoi file di registro.

Utilizzando strumenti come ScreamingFrog o Deepcrawl, sarai in grado di analizzare e delineare quali pagine vengono scansionate di più e, in generale, vedrai come Google esegue effettivamente la scansione di risorse come file di temi più delle pagine di destinazione effettive. Questo è, ovviamente, un grosso problema, poiché stai effettivamente sprecando il tempo di Googlebot permettendogli di eseguire la scansione di parti del tuo sito che non sono orientate alle parole chiave, limitando quindi il tuo potenziale di posizionamento. Una volta che ciò viene riconosciuto eseguendo un'adeguata analisi dei file di registro, puoi rimuovere quelle risorse che vengono sottoposte a scansione dal budget di scansione di Googlebot disabilitandole sul tuo file robots.txt. Puoi trovare maggiori informazioni su come farlo qui.

Che dire del cellulare?

Come forse saprai, Google apprezza molto la versione mobile di ogni sito, al punto che l'indice mobile è stato conteggiato per primo dal 2018 (2017 tecnicamente, ma è stato registrato completamente nel 2018) ai fini del ranking. È estremamente importante capire che tutte queste strategie si applicano anche ai dispositivi mobili quando pianifichi la tua architettura WordPress con un'enfasi leggermente maggiore sul crawl budget, semplicemente perché Google esegue la scansione delle versioni mobili dei siti molto più rapidamente.

Su WordPress, alcuni sviluppatori di app hanno creato un plug-in AMP con il quale potrai creare, migliorare e ottimizzare, in ultima analisi, la velocità mobile del tuo sito WordPress. AMP (Accelerated Mobile Pages) è qualcosa che potrebbe anche aiutare i risultati in primo piano su Google se il tuo contenuto/prodotto non è molto orientato verso forme lunghe di contenuto.

Concludere

WordPress è un'architettura semplice da configurare ma estremamente complessa da ottimizzare, soprattutto quando si tratta di Technical SEO. Si prega di notare che queste strategie sono solo uno scheletro di ciò che la SEO tecnica applicata a WordPress è in realtà, poiché ci sono tonnellate di variabili incluse nell'equazione che vanno dall'impostazione di regole GTM dettagliate all'ottimizzazione della qualità della sessione a seconda dell'obiettivo del sito. Detto questo, è possibile creare e fornire una strategia SEO tecnica di altissima qualità tramite WordPress, soprattutto se si ottimizza il suo back-end dall'inizio. WordPress può essere un'architettura legacy, ma ci sono molti modi per "superare" questo problema iniziale, come accennato in precedenza.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More