Bambini selvaggi – 10 bambini che sono stati allevati dagli animali

0

L’idea di bambini cresciuti da animali suona come qualcosa che potrebbe accadere in storie di fantasia come Il libro della giungla o Tarzan, ma lo sapevi che i bambini selvaggi oi bambini effettivamente cresciuti dagli animali esistono nella vita reale? Ecco alcune storie sorprendenti dei bambini che sono stati lasciati o persi in natura e accolti dalla loro famiglia Animal.

10- Oxana Malaya

Nel 1991, una ragazza di nome Oxana Malaya fu trovata a vivere in un canile. Aveva otto anni quando è stata trovata dai soccorritori e solo tre quando i suoi genitori alcolizzati l’avevano dimenticata fuori casa. Si è raggomitolata all’interno del canile di famiglia con i bastardi per stare al caldo e lì è rimasta per i successivi cinque anni. Dopo anni in cui non è stata vicino a un essere umano, ha adattato tutti i tratti del cane; Camminava a quattro zampe, mangiava carne cruda, ringhiava, annusava, abbaiava e portava persino i denti quando le si avvicinava. Era chiaro che anche i Mongrel la consideravano una di loro dato che resistevano e attaccavano quando i soccorritori cercavano di portarla via.

A causa delle sue abilità linguistiche, sociali e umanamente estremamente ritardate, ci sono voluti molti sforzi e tempo per renderla di nuovo umana. Ha dovuto reimparare a parlare e camminare in posizione eretta sulle gambe. Fino alle ultime notizie, vive in un istituto per disabili mentali e trascorre la maggior parte del tempo a prendersi cura degli animali nella fattoria della clinica.

9- Marina Chapman

Mentre viveva in Columbia, Marina Chapman aveva cinque anni quando è stata rapita e lasciata morta in una giungla. Ora un solitario impaurito, si è imbattuta in una tribù di scimmie cappuccine che sono animali bianchi e neri molto intelligenti. Per cinque anni ha seguito le loro tracce imitando il loro comportamento nel mangiare, bere, socializzare e comunicare. Alla fine i Cappuccini l’hanno accettata come propria e le hanno insegnato come foraggiare nella foresta ed evitare i predatori per sopravvivere. Alla fine, è stata trovata da alcuni cacciatori ma l’hanno lasciata in un bordello da dove è fuggita fortunatamente. Ora vive come una casalinga britannica con due sue figlie, che lieto fine! Ha scritto un libro basato sul suo viaggio di cinque anni intitolato The Girl With No Name; L’incredibile storia di una ragazza cresciuta dalle scimmie.

8- Un ragazzo allevato dalle capre


Nel 1990, un ragazzo è stato trovato nella catena montuosa delle Ande in Perù. Nessuno sapeva come fosse finito lì. Ma da otto anni viveva con un branco di capre selvatiche peruviane. Sopravvivere con il loro latte e mangiare frutti selvatici o radici. Non possedeva abilità linguistiche ma poteva comunicare con la sua famiglia di capre belando. In un certo senso aveva sostituito gli zoccoli con mani troppo callose per reggere qualcosa. La pelle delle sue mani e dei suoi piedi era segnata e indurita. Molte delle sue ossa erano cresciute in modo anomalo a causa del camminare a quattro zampe per quasi un decennio. Fu mandato in Kansas per uno studio e in seguito chiamato Daniel.

7- Rochom P’ngieng


Rochom è stato trovato nella fitta giungla della remota area nord-orientale della Cambogia quando un abitante di un villaggio ha notato la mancanza della sua scorta di cibo. È stata portata in un villaggio vicino dove suo padre l’ha riconosciuta per una cicatrice d’infanzia che afferma che è scomparsa vent’anni fa quando aveva otto anni. Si diceva che fosse sopravvissuta alla natura selvaggia stringendo amicizia con vari animali, in particolare scimmie, perché la sua andatura e la sua statura sembravano simili a quelle di una scimmia. Riusciva a malapena a parlare o comunicare e si strappava i vestiti che le erano stati messi addosso. La sua nuova famiglia ha lottato per controllarla nel corso degli anni mentre cercava più volte di scappare nella giungla. Nel maggio 2010 è riuscita a fuggire nella giungla e da allora non è più stata vista.

6- Vanya Yudin


All’età di otto anni, la giovane Vanja Yudin è stata trovata in un minuscolo appartamento della Russia con molti uccelli in gabbia. Trattato da sua madre come uno dei suoi animali domestici, si rivolse ai suoi compagni uccelli domestici e imparò a imitare i cinguettii e gli strilli. Essendo privato dell’interazione umana, non è stato in grado di dire una sola parola quando le autorità lo hanno trovato. Sebbene non sia mai stato abusato o affamato da sua madre, i servizi sociali lo hanno rimosso dalla custodia di sua madre. Ed è stato mandato per la riabilitazione. Sua madre ha annullato la sua custodia nel 2008 ed è stato ricoverato in un’unità di assistenza psicologica per il recupero.

5- Lyokha, allevata dai lupi russi


Nel 2007, quando gli abitanti del villaggio hanno riferito di aver trovato un ragazzo nella regione di Kaluga, nella Russia centrale, fuori da una tana fatta di foglie e ramoscelli alla temperatura gelida. La polizia lo ha salvato. Non poteva parlare, invece ringhiò e cercò di mordere il poliziotto che lo teneva in braccio. Lo hanno lasciato in un ospedale vicino a Mosca. Il ragazzo sembrava avere dieci anni, ma avrebbe potuto essere più grande dato che sembrava abbastanza sottosviluppato. Aveva artigli come le unghie delle mani e dei piedi e aveva tratti simili a quelli di un lupo. Il personale dell’ospedale lo ha lavato, tagliato le unghie e prelevato campioni di sangue, lo hanno chiamato Lyokha. Il ragazzo lupo sembrava chiaramente turbato dall’attenzione ed è fuggito dall’ospedale entro 24 ore.

4- Hadara, sollevata da Ostriches


All’inizio del XX secolo, Hadara di due anni fu separato dai suoi genitori nel deserto del Sahara. Un bambino di due anni bloccato in mezzo al deserto sembrava non avere scampo ma incredibilmente è stato adottato dagli struzzi! Gli struzzi non sono noti per curare gli esseri umani in ogni caso tranne questo raro. Dove la piccola Hadara ha vissuto con la sua famiglia di uccelli dalle lunghe zampe per dieci anni. È stato salvato all’età di dodici anni. Ed è ora che è sposato. Vivere con bambini che vivono per raccontare l’ incredibile storia di sopravvivenza del padre .

3- John Sembuya


Quando appena due anni John ha visto suo padre uccidere sua madre, è fuggito nella giungla dell’Uganda. Dove è stato accolto come uno di loro da un gruppo di scimmie Vervet Verdi. Ha vissuto con la sua nuova famiglia per tre anni. Fino a quando non è stato trovato e riadattato alla vita umana. Preferendo inizialmente cibi crudi e incapace di stare in piedi.

2- Ivan Mishukov


Ivan era un bambino di quattro anni in fuga da Mosca che non aveva alcuna possibilità nella situazione desolante fino a quando un branco di cani selvatici non lo adottò. Alla fine è diventato il leader del branco poiché era quello che poteva manipolare con successo e chiedere cibo alle persone! I cani ricambiarono proteggendolo di giorno e tenendolo al caldo durante la notte gelida. Quando una tipica storia selvaggia finisce, la polizia lo ha preso due anni dopo e ha dovuto imparare a essere di nuovo un essere umano.

1- Il ragazzo gatto


È difficile credere che un gruppo di otto gatti randagi accetterebbe un bambino umano come se fosse il proprio. Un gruppo di argentini una volta si imbatte per strada in un bambino di un anno. Chi lo ha messo lì e per quanto tempo, nessuno lo sapeva. Ma probabilmente è riuscito a resistere alla vita, grazie a quegli otto gatti. I felini gli hanno portato avanzi di cibo. Lo tenevano al caldo durante le notti facendogli un cuscino di pelliccia intorno. Lo hanno persino pulito leccando! Sono state fornite poche informazioni sui dettagli del ragazzo, ma quei gatti randagi hanno davvero conquistato i cuori!

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More