10 incredibili storie di sopravvivenza in situazioni estreme

188

Quando si tratta di sopravvivenza, devi crescere oltre te stesso, per evitare una morte certa. Incidenti minerari, cadute dall'alto, naufragi e odissee di un giorno nel deserto: sono tutti disastri che spesso hanno coinvolto la vita di coloro che si sono conclusi in modo molto rapido.

Alcuni sono sopravvissuti per caso o per un fortunato scherzo del destino, altri si sono nutriti di carne umana cruda e hanno persino bevuto la propria urina. Quando le persone cadono in una situazione di emergenza estrema, improvvisamente fanno cose che avrebbero pensato non fossero mai possibili nella vita normale e così finalmente si assicurano la loro esistenza. Ecco dieci incredibili storie di sopravvivenza in situazioni estreme. Dare un'occhiata!

1 Autoamputazione con un coltellino tascabile – Aron Ralston

Nato nel 1975, Aron Ralston Lee è un alpinista americano, che nell'aprile 2003 si è bloccato con un braccio in un masso durante un'escursione nel Blue John Canyon nello Utah. L'intero giorno successivo il giovane era impegnato a cercare di liberare la mano dalla roccia.

Ma alla fine tutto è rimasto invano con una carrucola fatta in casa. Dopo cinque giorni Ralston era ipotermico, esausto e quasi prosciugato. Nella sua angoscia si ruppe lui stesso il raggio e l'ulna del braccio colpito mentre la parte del corpo veniva girata in una certa direzione per un tempo molto lungo. Quindi ha tirato fuori il suo coltellino tascabile e ha strappato i vasi sanguigni e i tessuti molli.

Circa dieci mesi dopo la sua macabra autoliberazione, Aron Ralston ha rimontato uno speciale braccio protesico. Il braccio bloccato nella mano di roccia è stato successivamente ridotto in cenere.

2 Nove giorni nel deserto – Mauro Prosperi

1994, durante la leggendaria Marathon des Sables ie (La corsa podistica più dura del mondo (, l'atleta italiano Mauro Prosperi si è smarrito. Il percorso ha portato a un percorso lungo 230 km attraverso il Sahara marocchino. Durante una precedente tempesta Prosperi correva nel direzione sbagliata.

Prosperi disse che ogni tanto doveva bere la propria urina, per evitare che si seccasse completamente. Lo sportivo è diventato così disperato che voleva uccidersi per trovare una morte meno crudele che morire di sete. Ma quando si è tagliato i polsi, i tagli sono stati guariti dal sangue denso da solo.

Nove giorni dopo che Prosperi era uscito dal percorso, si trovava a circa 200 chilometri dal percorso della maratona ed è stato trovato dai nomadi algerini. Ha perso circa 15 chilogrammi durante questo periodo di tempo.

3 L'unico sopravvissuto a un incidente aereo – Vesna Vulovic

Vesna Vulovic ha lavorato come hostess in un aereo jugoslavo quando il 26 gennaio 1972 si è schiantato sull'ex Cecoslovacchia. Secondo i servizi segreti, il motivo dell'incidente è stato l'esplosione di una bomba. Vulovic è sopravvissuto al disastro come uno solo su un totale di 29 persone.

Vulovic era racchiuso in un pezzo di relitto, mentre rimbalzava con lei in una zona boscosa sul terreno. È stata gravemente ferita dopo il loro atterraggio ed era clinicamente morta da quattro ore e mezza prima di poter essere rianimata. Poi è entrata in coma per quattro settimane. Si era rotta le braccia, le gambe, la colonna vertebrale e il cranio.

Si dice che l'aereo non sia esploso, ma sia stato accidentalmente abbattuto dall'aviazione cecoslovacca.

4 L'incidente minerario a San José – Bloccato in una miniera

L'incidente è avvenuto nella miniera d'oro e di rame di San José, in Cile, il 5 agosto 2010, a causa di una scossa di montagna. La miniera ha subito un grave crollo. 33 minatori sono rimasti intrappolati a una profondità di circa 700 metri.

Ci sono volute più di due settimane alla squadra di soccorso per stappare i buchi per fornire cibo. Ai minatori della montagna è stato fornito ossigeno attraverso fessure e vecchi lavori.

Grazie alle macchine esistenti, i soccorritori sono stati in grado di perforare l'acqua. In un periodo di 48 ore ogni minatore ha ricevuto mezzo biscotto, mezza tazza di latte e un cucchiaio di pesce. Con una capsula di salvataggio finalmente tutti i minatori sono stati riportati in superficie dopo aver trascorso 69 giorni sottoterra.

5 118 giorni sull'oceano – Maurice e Maralyn Bailey

Il quarto marzo 1973, una coppia britannica dovette affrontare questo incidente. La coppia si stava dirigendo in Nuova Zelanda, nel Pacifico, il loro yacht (31 piedi di lunghezza) è stato speronato da una balena, che ha fatto un buco di 30 x 45 centimetri nella nave. Ci volle meno di un'ora e il veliero affondò.

I due marinai sono fuggiti su una zattera di salvataggio. Ma dopo pochi giorni erano esausti. Cominciarono a mangiare pesce crudo. Inoltre, hanno anche massacrato una tartaruga. Durante la loro odissea in mare, sono stati ripetutamente attaccati dagli squali. Dopo circa tre mesi la zattera ha avuto delle crepe, quindi hanno dovuto costruirne costantemente una nuova. Non è stato fino a 118 giorni dopo l'affondamento dello yacht, la coppia è stata scoperta dall'equipaggio di un peschereccio proveniente dalla Corea che li ha portati a bordo.

6 Caduta dal 39 ° piano – Thomas Magill

Thomas Magill, un lavavetri che ha avuto un'incredibile fortuna in caso di caduta dal 39 ° piano di un grattacielo di New York. L'allora 22enne è caduto mentre lavorava a circa 120 metri di profondità.

Thomas Magill deve la sua vita a un'auto parcheggiata, mentre rimbalzava contro il finestrino posteriore. Il giovane è volato con i piedi direttamente al veicolo per primo. Magill ha subito solo fratture ossee multiple ed è stato ricoverato in ospedale. A parte questo, il giovane è rimasto illeso.

Qualche anno prima erano caduti anche due uomini che lavoravano come lavavetri a New York da un grattacielo. Nella caduta dal 47 ° piano uno degli uomini è morto sul colpo, mentre l'altro era sopravvissuto riportando gravi ferite.

7 La due volte vittima della bomba atomica – Tsutomu Yamaguchi

Nato in Giappone, Tsutomu Yamaguchi è sopravvissuto nel 1916 come una delle 165 persone ai due bombardamenti atomici degli americani durante la seconda guerra mondiale. È stato ufficialmente riconosciuto come uno dei nove sopravvissuti conosciuti.

Era vicino al punto zero al suolo. Yamaguchi stava appena scendendo dal tram quando la bomba esplose a 580 metri il 6 agosto 1945 su Hiroshima. A quel tempo si trovava a circa tre chilometri dall'ipocentro e ha subito gravi ustioni alla parte superiore del corpo.

Per fortuna, Yamaguchi era a circa tre chilometri dall'ipocentro al momento dell'esplosione della bomba atomica su Nagasaki. Questa volta era seduto in ufficio quando è stato nuovamente ferito. Tsutomu Yamaguchi è morto il 4 gennaio 2010, all'età di quasi 94 anni, di cancro allo stomaco.

8 Formiche come salvavita – Joan Murray

Quando la paracadutista americana Joan Murray è saltata giù dall'aereo a un'altitudine di 4.350 metri, non aveva idea che questa avventura sarebbe finita negli ariosi regni della Carolina del Nord con un disastro. Il paracadute non si è aperto e anche il paracadute di emergenza si è aggrovigliato.

Con una velocità di circa 130 chilometri all'ora, Joan Murray ha colpito il suolo, così che la gamba destra si è frantumata e il bacino è stato rotto. La donna di 47 anni è stata gravemente ferita e condannata a morte. Per fortuna, Murray era atterrato proprio in un formicaio.

Le formiche sono conosciute e temute per i loro morsi velenosi, ma alla fine le hanno salvato la vita. Presumibilmente, il suo cuore è stato animato più e più volte da iniezioni letali di morsi di formiche e ha permesso al cuore di continuare a battere.

Murray era "in coma per due settimane dopo la sua" avventura e da allora in poi è stata curata dal punto di vista medico diverse settimane prima che potesse lasciare l'ospedale come una donna sana.

9 Lo schianto dell'aeronautica militare uruguaiana – Sopravvissuto a carne umana cruda

Il 13 ottobre 1972, un aereo dell'aeronautica militare uruguaiana si schiantò durante un volo da Mendoza, in Argentina, a Santiago, in Cile, a un'altitudine di circa 4.000 metri sul pendio di una montagna. I passeggeri erano i membri di una squadra di rugby che stavano volando per una partita in Cile.

Durante il volo ci sono state forti nevicate e venti di burrasca. A causa di un errore di navigazione, il pilota ha sterzato in discesa. L'aereo ha toccato la cima di una montagna e si è schiantato. Dodici persone morirono sul colpo e cinque nella notte successiva.

Le temperature erano da -30 a -40 gradi Celsius. Le poche scorte si sono esaurite molto rapidamente. In lungo e in largo non c'erano né animali cacciabili, né vegetazione significativa. Nei giorni successivi morirono altre persone. Quelli che erano rimasti erano rimasti saldi mangiando vivi i loro compagni morti.

Due dei sopravvissuti alla fine hanno marciato attraverso le Ande in cerca di aiuto. Dopo dieci giorni, i due uomini furono trovati da un pastore cileno. Il 22 e il 23 dicembre sono stati finalmente salvati altri 14 sopravvissuti.

10 Un cavallo è l'unico sopravvissuto: Comanche

Si credeva che Comanche fosse stato catturato come un cavallo selvaggio e che fosse addestrato a St. Louis. Comanche era un cavallo di razza mista sopravvissuto al distaccamento del 7 ° Cavalleria degli Stati Uniti del generale George Armstrong Custer. L'incidente è avvenuto nella battaglia di Little Bighorn.

Il Capitano Myles Keogh della 7a Cavalleria lo acquistò per la sua cavalcatura personale, da cavalcare solo in battaglia Nel 1868, mentre l'esercito combatteva i Comanche in Kansas, il cavallo fu ferito da una freccia, ma continuò a trasportare il Capitano nel combattimento .

Ha chiamato il cavallo "Comanche" per onorare il suo coraggio. Comanche è stato ferito molte altre volte, ma ha sempre mostrato la stessa durezza. Comanche è stato ritrovato dopo la battaglia ed è stato l'unico sopravvissuto, e non è stato catturato dagli indiani.

Spero ti sia piaciuto l'elenco di 10 incredibili storie di sopravvivenza. Ecco un altro elenco di " 10 persone che sono sorprendentemente sopravvissute alla loro esecuzione ". Potrebbe piacerti anche questo.

Fonte di registrazione: www.wonderslist.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More