10 personaggi famosi che hanno detto addio alla vita pubblica

0

Questi reclusi non sono mediatori religiosi, hanno scelto la reclusione nella società. La gregarietà è la natura umana, ma a volte una certa natura umana risulta essere diversa dal resto. E questo è esattamente ciò che rende interessante conoscere la vita di queste persone per persone come noi.

10 Dave Chappelle

Chappelle è un cabarettista che durante una performance nel 2003 aveva detto al suo pubblico: “Sai perché il mio spettacolo è buono? Perché i funzionari della rete dicono che non sei abbastanza intelligente da ottenere quello che sto facendo, e ogni giorno lotto per te. Gli dico quanto sei intelligente. Si scopre che mi sbagliavo. Siete stupidi. " Dave ha letteralmente fatto una corsa per salvarsi la vita quando la follia gli stava strisciando addosso nel 2005. Nel bel mezzo delle riprese del suo popolare "Dave Chappelle Show" ha abbandonato tutto ed è fuggito in Sud Africa. Era stato pagato una cifra considerevole di otto cifre per lo spettacolo prima di abbandonarlo. Voci di abuso e stress lavorativo erano diffuse, ma Dave ha negato loro di ritenersi responsabile dei problemi e del conseguente esaurimento.

9 Bill Watterson

Molti di voi, forse anche adesso, si chinano sul giornale o sulla rivista per leggere l’amato fumetto di "Calvin and Hobbes" – un birichino bambino di 6 anni e la sua tigre di pezza. Dopo anni di adorazione devi aver notato il nome del creatore – Bill Watterson – sotto il titolo. Il fumetto di Watterson è stato un fenomeno globale; era apparso su 2400 giornali in tutto il mondo. Aveva ricevuto tre volte la più alta onorificenza della National Cartoonists Society e aveva seguito un folto e devoto fan. Ha avuto una grande stima per la sua opera d’arte e ha condannato le persone che hanno minato il valore artistico dei fumetti sui giornali dicendo che l’arte non dovrebbe essere giudicata dal mezzo per cui è stata creata. Ma frustrato sotto la pressione di "scadenze giornaliere e piccoli pannelli". Watterson si ritirò nel 1995 rifiutando ogni contatto con la vita pubblica; ha rifiutato l’intervista e persino firmando autografi. Finora non c’è stato alcun suggerimento per riprendere la striscia.

8 Greta Garbo

È nata con il nome Greta Lovisa Gustafsson in uno slum svedese nel 1905. In tenera età è diventata un’icona dei film muti di Hollywood. Tra i suoi film più acclamati ci sono "The Temptress" (1926), "The Mysterious Lady" (1928), "Wild Orchids" (1929), "Anna Karenina" (1935) et al. A causa della sua popolarità è stata costantemente perseguitata e perseguitata dai media e dai fan pazzi. Una volta aveva detto scherzosamente a un intervistatore che le sarebbe piaciuto "tutti voi (giornalisti), rimosso dal vostro lavoro e dai vostri giornali".

Dopo essersi ritirata nel 1941, è scomparsa del tutto dalla vista. Diversi produttori hanno cercato di riportarla indietro, ma lei ha resistito a tutti i loro tentativi e ha vissuto una vita privata inclusiva. Anche durante la sua affascinante carriera di successo si è rifiutata di parlare della sua vita privata. Ma la sua riluttanza la rendeva solo più attraente. Greta Garbo è la star solitaria originale.

7 South Barrett

Syd è stato il fondatore della band Pink Floyd. Durante la fase psichedelica della band è stato il principale autore di canzoni. Come le inevitabili lusinghe che aspettano i giovani che hanno successo dall’oggi al domani, Sydney è stata assuefatta all’LSD, una delle droghe più potenti che cambiano l’umore. Abbastanza naturalmente è sceso a un comportamento imprevedibile irregolare. La band ha deciso di sostituirlo.

Nel 1978 vive con sua madre a Cambridge. Si dedica alla pittura e al giardinaggio, in cerca di tranquillità. Con il mondo intero fuori dalle sue porte in attesa di riportarlo nella stessa fossa oscura, Syd ha lottato per dimenticare la sua vita passata, arrivando persino a recidere tutti i contatti con i Pink Floyd. Non ha rilasciato una sola intervista dopo il suo ritiro. Ha persino ignorato i suoi fan più fedeli che accorrevano per vederlo e si accampavano fuori casa sua. Una volta, quando un DJ è riuscito a catturare Barrett sulla sua porta, Barrett ha detto "Syd non può parlarti adesso".

6 Harper Lee

Il suo lavoro è stato considerato il "romanzo nazionale" d’America, un romanzo che dovrebbe essere letto da tutti prima di morire. Dopo l’uscita di "To Kill a Mockingbird", Lee è stata insignita del Premio Pulitzer nel 1961 che ha ulteriormente spinto la sua popolarità a livelli vertiginosi. Man mano che la sua fama cresceva, si ritirava nella reclusione.

Harper Lee ha costantemente e cortesemente rifiutato tutte le interviste dal 1964. Quando viene a galla una volta ogni tanto, preferisce non parlare. Se ci si può chiedere perché? La stessa Lee aveva confessato "è meglio tacere che essere una stupida". Ma la sorella di Lee, Alice (che tra l’altro ha 100 anni), ci ha fornito la vera ragione dietro il rifiuto della fama e della vita pubblica di Harper Lee. Ha detto che sua sorella "non pensava che uno scrittore avesse bisogno di essere riconosciuto di persona e le dava fastidio quando diventava troppo familiare". Quindi possiamo supporre che Lee fosse semplicemente umile quando si definiva una sciocca.

5 JD Salinger

L’amato autore di "The Catcher in the Rye", Salinger ha evitato la vita pubblica all’apice del suo successo. Il successo gli arrivò molto presto nella vita, dopo la pubblicazione del suo più celebre e unico romanzo "The Catcher in the Rye", Salinger fu spinto sotto le luci della ribalta dove avrebbe preferito non essere. Così si è presto ritirato dagli occhi del pubblico, ha fatto del suo meglio per rimanere personale fino alla sua morte nel 2010. Anche se per un breve periodo Salinger ha fatto nuovamente notizia presentando cause legali contro un sequel non autorizzato dei suoi romanzi. Dal momento che la sua ultima intervista è stata nel 1980, quasi tutto quello che sappiamo di lui proviene dal suo libro di memorie "Dream Catcher" scritto non dallo stesso JDSalinger ma da sua figlia Margaret A.Salinger. Anche in 40 anni di reclusione, Salinger ha continuato a scrivere ogni giorno.

4 Howard Hughes

Tutti coloro che hanno visto Leonardo DiCaprio con "The Aviator" (2004) devono sapere di Howard Hughes, un pioniere dell’aviazione che in seguito divenne l’uomo più ricco del mondo. Hughes soffriva di compulsività ossessiva. Ricorda la scena di file di bottiglie di latte saturate di pipì gialla, beh, nel 1947 Howard Hughes si era effettivamente chiuso in una sala di proiezione per 4 mesi a dieta di cioccolatini e latte mentre faceva pipì in bottiglia per tutto il tempo.

Hughes non era solo un aviatore, ma anche un uomo d’affari, un regista e un filantropo. Quando il suo impero ha cominciato a sgretolarsi, la sua natura eccentrica ha preso il pedaggio e si è precipitato dall’attico dell’hotel all’attico dell’hotel senza essere in grado di stabilirsi da nessuna parte. Iniziò ad alienarsi e alla fine andò in completo isolamento nel 1950. Dopo questo l’immaginazione del pubblico iniziò a fare gli straordinari e si sparse la voce sulle unghie mostruosamente grandi di Hughes, sulla dipendenza dal Valium e sull’aspetto virtualmente come uno zombi, tutto questo non era molto lontano dalla verità. Viveva nel profondo della sua solitudine. Alla fine della sua vita – avvenuta nel 1976 – Hughes era così antigienico con unghie non tagliate, barba non rasata e capelli che la polizia dovette prendere delle impronte per assicurarsi che il morto fosse Howard Hughes.

3 Marcel Proust

Proust era un genio letterario. Era un personaggio tranquillo e popolare nell’alta società francese fino alla morte dei suoi genitori; dopodiché iniziò a passare i suoi giorni e le sue notti rinchiuso nella sua stanza a scrivere libri. Ovviamente il suo capolavoro – "Alla ricerca del tempo perduto" – è stato il risultato di una tale reclusione perché una volta gli ha fornito l’opportunità di scrivere 3 giorni di seguito.

Ha sofferto sia fisicamente che mentalmente. Una volta è andato a visitare il Museo del Louvre a mezzanotte. Desiderava follemente la silenziosità, installava vetri insonorizzati alle finestre del suo appartamento e aggiustava le pareti della sua camera da letto con tappi di sughero. È diventato fragile, nervoso e sensibile e ha vissuto in gran parte nella sua mente, il che è abbastanza evidente dal suo lavoro. Proust era un omosessuale chiuso e uno dei primi romanzieri europei a descrivere apertamente l’omosessualità nel suo romanzo. Morì nel 1922.

2 Emily Dickinson

La portata della sua reclusione può essere ben compresa quando One viene a sapere che la donna ha effettivamente ascoltato il modulo funebre di suo padre nella sua camera da letto. Per 20 lunghi anni non aveva messo piede fuori dalla sua proprietà di famiglia. Sorprendentemente questa famosa poetessa aveva trascorso 7 anni della sua giovinezza in un ambiente scolastico.

Emily è stata descritta come eccentrica dagli abitanti del villaggio e la sua famiglia ha riferito che inizialmente si rifiutava di incontrare i visitatori o addirittura di salutarli, in seguito si è chiusa completamente nella sua stanza e ha scritto poesie. Sebbene il suo amore per la poesia fosse noto alla sua famiglia, la portata del suo talento e il volume della sua scrittura furono scoperti solo dopo la sua morte. Aveva scritto circa 1800 brillanti poesie. È interessante notare che due temi ricorrenti: la morte e l’immortalità compaiono maggiormente nelle sue lettere e poesie.

C’è un mistero avvolto sul motivo per cui si è recata in reclusione perché aveva avuto un’infanzia normale. Alcuni ipotizzano che potrebbe essere stato un disturbo mentale o di salute, mentre altri affermano che sia stato il risultato di diverse morti dei suoi amici intimi.

1 Thomas Pynchon

Una volta aveva detto "ogni strano del mondo è nelle mie lunghezze d’onda", ma non abbiamo idea di dove viva quest’uomo. Thomas Pynchon è un mistero sbalorditivo. È un recluso e scrive storie a tema dense e complesse. Si dice che abbia scritto uno dei romanzi più difficili in lingua inglese: "Gravity’s Rainbow". Pynchon ha evitato con successo l’abbagliamento dei media per più di 40 anni. Le uniche immagini che esistono di lui sono una manciata di fotografie del college e della scuola. La sua reclusione ha spesso generato teorie strane e aneddoti dubbi come – una volta il Soho Weekly News ha affermato che Thomas Pynchon è in realtà JDSalinger, a cui Pynchon ha risposto, "non male, continua a provare".

Nel 2004 Pynchon ha deciso di apparire in uno spettacolo – I Simpson, perché suo figlio adorava lo spettacolo. Quindi presta la sua voce al suo personaggio rappresentato nello spettacolo e i fan immaginavano, finalmente avrebbero potuto vedere lo scrittore misterioso e inquietante. Ma ahimè! Il suo personaggio aveva un sacchetto di carta tirato sopra la sua testa.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More