10 modi in cui gli europei torturano gli animali come una tradizione

5

Penseresti che infliggere torture agli animali – come inghiottirli vivi nella pancia umana o spingerli nei pantaloni di un uomo per ore – debba essere trattato come crimini atroci, proprio come se fossero stati inflitti agli umani. Ma ti sbagli. Per secoli, usando lo stratagemma della tradizione e dei costumi, uomini e donne hanno cercato il piacere torturando animali. Si chiama "zoosadismo". Ricorda che se tratti le vite delle creature inferiori come meno preziose della tua, i ricchi e potenti hanno tutto il diritto di trattare la tua vita meno preziosa della loro. Qui abbiamo compilato un elenco di alcuni festival bizzarri che mostrano come gli europei torturano gli animali per divertimento.

I 10 modi in cui gli europei torturano gli animali in nome della tradizione:

10 Palio in Italy

Due volte all’anno, a Siena, in Italia, si svolge un evento di corse di cavalli chiamato "Palio". Il Palio è famigerato per i suoi tassi di mortalità e se si deve credere all’associazione italiana per la protezione degli animali, questo gioco assurdo ha ucciso fino a 49 cavalli dal 1970. In precedenza i cavalieri venivano alcolizzati per far pompare i loro testosterone e senza prendersi cura di due paglia per i poveri animali che stavano cavalcando. Un po ‘di speranza per l’umanità ha brillato nel 2011, quando il governo italiano ha rifiutato di includere la gara nella sua lista di eventi ufficiali del patrimonio culturale; questo è stato fatto specificamente per riconoscere gli scoppi d’ira per la morte dei cavalli in gara.

9 Horse Wrestling in Spagna

Negli ultimi 400 anni una certa tradizione "Rapa das Bestas" si è svolta in Galizia, in Spagna. Rapa das Bestas è un altro nome per "terrorizzare e torturare per divertimento". Un bel giorno, gli ubriachi residenti della Galizia si arrampicano su una collina e inseguono cavalli selvaggi nella città dove li scaricano a terra e tagliano le loro criniere e code. Questa follia dura per tutta l’estate. Sebbene i gruppi per il benessere degli animali abbiano criticato con veemenza questa tradizione, ma sfortunatamente tale pubblicità negativa garantisce solo un pubblico più ampio.

Roba extra: ecco un paio di foto di ” Rapa das Bestas “; dai un’occhiata perché troverai difficile comprendere la differenza tra uomo e bestia.

8 Ingoiare un pesce vivente in Belgio

A Geraardsbergen, in Belgio, i trentamila residenti prendono parte a un festival annuale chiamato Krakelingen. Proprio come qualsiasi altro festival, Krakelingen ha i cittadini che ballano e cantano in punta di piedi mentre sfilano per la città. Questa sfilata si dissolve ai piedi di una collina, dove le persone si riuniscono per guardare il loro sindaco ingoiare un pesce vivo da un calice d’argento del XVI secolo. Prima della sentenza del tribunale del 2001, a tutti coloro che si accalcavano ai piedi della collina era permesso di ingoiare un pesce; allora era una cerimonia collettiva. Mangiare un pesce vivo era considerato una rinascita metaforica dagli stupidi Geraardsbergenians.

7 Catapultare le quaglie in Spagna

Ogni anno i residenti di Valencia in Spagna raccolgono un certo numero di quaglie e caricandole in un cannone le lanciano in cielo, per divertimento. Gli uccelli utilizzati per giocare a questo gioco sono neonati, nati solo poche settimane fa. Dopo i colpi di cannone, gli uccellini ammaccati vengono caricati di nuovo in un fucile e sparati nel cielo dove i loro corpi vengono sparsi in pezzi. Che tu ci creda o no, c’è anche un club dedicato a questo gioco insensato e spesso si sa che le persone si affollano per guardare qualche catapultata di quaglie.

6 Decapitare l’oca in Spagna

Nella piccola città di Lekeitio, un certo 350 anni prevale tradizione in cui il santo patrono del festival è celebrato sospendendo un’oca lungo la corda tesa attraverso il porto e hanno persone tirare il collo del dell’oca fino alla sua testa si stacca. Nessuno sa davvero come è iniziato tutto. Il lato positivo della storia è che a causa dei cambiamenti nelle leggi, ora le oche vengono uccise prima di essere legate.

5 Lanciare una capra da una chiesa in Spagna

Sembra che la Spagna sia in cima alla nostra lista di nemici degli animali; dopo quaglie, cavalli e oche, è il momento della capra. Ogni anno gli abitanti di Manganeses de la Polvorosa celebrano ‘The San Vicente de Martir’ Festivallanciando una capra da una chiesa. Come narra la leggenda, tutto iniziò quando una capra del prete, che aveva nutrito molti poveri con il suo latte, cadde dall’edificio della chiesa ma fu salvata dai cittadini con l’aiuto di una coperta. Da allora le capre vengono abitualmente gettate e salvate ogni anno. I credenti di questa tradizione affermano che la capra che cade solo da un’altezza di 15 piedi non si fa male. Tuttavia, gli attivisti per i diritti degli animali affermano con veemenza che è barbaro terrorizzare un animale solo per divertimento. Sebbene nel 1992, il furore contro questa bizzarra tradizione persuase il governatore locale a vietare il lancio della capra (che fu sostituito dall’abbassamento della capra con le corde) l’anno successivo la precedente tradizione fu ripresa.

4 Picchiare il gatto con un bastone in Germania

Quindi un gatto viene messo in un sacco, quindi il sacco viene posto in una scatola dopo di che alcuni pazzi inizierebbero a colpire la scatola fino a quando il gatto non inizia a strillare. E questo "gioco" è noto come "tomcat poking". Originaria del Medioevo, questa tradizione ha trovato ammiratori anche ai giorni nostri. Nel 2004 un gruppo che celebrava l’addio al celibato nel villaggio di Wiednitz, nella Germania orientale, decise di mettere un gatto in un sacco e lo rinchiuse in una cassa che aveva un foro praticato sul lato. Con gli occhi bendati, hanno spinto il manico di scopa attraverso il foro per far urlare il gatto mentre altri picchiavano sulla cassa. Il gatto è stato rilasciato dopo 45 minuti di tortura.

3 Un furetto dentro i pantaloni in Inghilterra

A meno che tu non fossi un contrabbandiere, non penseresti di farlo. Lo Yorkshire, in Inghilterra, è il luogo di origine di uno sport crudele e " bizzarro " in cui un furetto vivo affamato è infilato nei pantaloni del partecipante e il partecipante ha il coraggio di tenere l’animale vicino all’inguine per cinque ore e mezza. Si ritiene che il gioco sia nato tra i minatori per mostrare chi era il più virile di tutti "facendo qualcosa che nessuna persona sana di mente si sognerebbe di fare". In seguito supponiamo che il gioco sia diventato un passatempo e sia stato chiamato "furet legging".

2 Lapidazione dell’asino in Spagna

Prima di tutto, vorrei chiarire che non abbiamo nulla contro gli spagnoli. La tua pseudo-popolarità tra gli amanti degli animali è interamente colpa tua.

La storia racconta che alcuni anni fa un pericoloso e odiato violentatore di Villanueva de la Vera fu finalmente catturato e punito legandolo a un asino, che fu fatto sfilare per le strade e poi portandolo fuori dal villaggio fu giustiziato con lapidazione. Ogni anno l’incidente viene ricordato e rievocato. Ma poiché il condannato è morto, sono solo gli asini che vengono lapidati per un crimine che non avevano commesso. Asini selezionati vengono fatti sfilare per le strade, scherniti, schiaffeggiati e colpiti con pietre, e persino petardi vengono fatti esplodere tra le sue gambe. Quando l’asino cade, lo trascinano in piedi e ricominciano il processo. Chiamano questa disumanità il "festival di Pero Palo".

1 Bruciare la faccia del toro in Spagna

Sì, la faccia. Sul serio. Se non mi credi, guarda il video.

Tenendo fede all’incredibile interesse spagnolo per i tori, la gente semplice di un minuscolo villaggio di nome Medinaceli, insapona un toro con il catrame e gli appiccica il fuoco in faccia. Noto come il "Toro Jubilo", in questo caso il toro viene acceso e poi liberato per caricare liberamente intorno alla piazza del paese. Il gruppo per i diritti degli animali PETA afferma che il toro infuriato e spaventato va su tutte le furie che può durare per ore; la povera creatura alla fine viene sfigurata e accecata.

Fonte di registrazione: www.wonderslist.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More