Top 10 animali storicamente famosi

0

L’uomo ha camminato sulla terra e ha avuto molte conquiste, creando la propria storia in cui divertirsi. È curioso come abbiano sempre avuto un animale o l’altro ad ogni passo nella creazione di questa storia. Molti animali hanno offerto i loro servizi o sono stati l’ispirazione per l’umanità e, quindi, sono diventati una parte significativa della storia umana mentre costruivano il proprio. Leggiamo le storie di alcuni animali storicamente famosi.

1 Chetak, il cavallo da guerra

Chetak era il cavallo cavalcato dal sovrano Rajput di Mewar, Maharana Pratap, durante la battaglia di Haldighati nel 1576. Chetak, un cavallo Marwari, ha mostrato il valore e la lealtà che erano caratteristici della sua razza, rimanendo bloccato da Rana Pratap fino alla fine. Quando Man Singh, il comandante Mughal, caricò a Pratap in cima a un elefante, Chetak alzò gli zoccoli e colpì la testa dell’elefante, dando a Pratap la possibilità di lanciare la sua lancia, che mancò Man Singh, e uccise il mahout. Nello scontro che ne seguì, la zanna dell’elefante squarciò la gamba di Chetak e lo paralizzò, ma Chetak si rifiutò di soccombere al dolore e portò via Pratap per aiutarlo a fuggire in modo che il Rajput avesse qualche speranza rimasta per governare Mewar. Ha corso alla massima velocità, ma è crollato in grembo alla morte mentre cercava di saltare attraverso una piscina.

2 Stubby, il cane che ha servito come sergente

Il sergente Stubby, un pitbull, era un cane patriottico. Fu il primo cane da guerra che offrì i suoi servizi agli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale.Si presentò allo Yale Field di New Haven, nel Connecticut, nel 1916/17, dove fece amicizia con il caporale Robert Conroy con il quale viaggiò in Francia. Lì, svolse molti compiti militari e, per 18 mesi, prestò servizio con la fanteria nelle trincee. Aveva un acuto senso del suono e dell’olfatto e li usava per avvertire i soldati, localizzare e confortare i soldati feriti e salvare vite umane. Cattura una spia tedesca, tutto da solo. Durante la sua partecipazione a quattro offensive e diciassette battaglie, Stubby fu ferito più volte. Tornò negli Stati Uniti nel 1918 e ricevette numerose onorificenze, medaglie e riconoscimenti. All’età di circa nove o dieci anni morì il 4 aprile 1926.

3 Cher Ami, il piccione viaggiatore

Durante la prima guerra mondiale, Cher Amiha servito il Corpo dei Segnali dell’esercito degli Stati Uniti in Francia nel 1918. Nella battaglia contro la Germania, 500 uomini furono intrappolati in una depressione sul fianco della collina senza cibo o munizioni. Vengono uccisi e feriti dopo essere stati circondati dai tedeschi. Inoltre, stavano anche ricevendo il fuoco amico delle truppe alleate che non erano a conoscenza della loro posizione. Il maggiore Whittlesey, dopo due tentativi falliti di chiedere aiuto, ripose la sua ultima speranza su Cher Ami e la inviò. Ha volato attraverso la pioggia di proiettili e alla fine è caduta. Ma, invece di arrendersi, si è alzata e ha volato per 25 miglia con una pallottola nel petto. Quando ha raggiunto, era cieca da un occhio e una delle sue gambe penzolava. Ma il biglietto che portava diceva: “Siamo lungo la strada parallela alla 276.4. La nostra stessa artiglieria sta lanciando una raffica direttamente su di noi. Per l’amor del cielo, smettila. "Ha contribuito a salvare il battaglione perduto. Le sono state fornite cure mediche, una gamba di legno, premi e la posizione nella mascotte del Dipartimento dei servizi. Morì da eroe, il 13 giugno 1919.

4 Balto, il cane da slitta

Balto era un cane da slitta della razza Siberian Husky, nato nel 1919. Nel 1925, quando ci fu un’epidemia di difterite a Nome, l’antitossina per combattere la malattia veniva trasportata da Anchorage in Alaska a Nenana in treno. Da lì, la slitta trainata da cani era responsabile del trasporto dell’antitossina a Nome. Balto ha guidato la sua squadra nell’ultima tappa di questa corsa di siero a Nome. Pertanto, ha contribuito a salvare la vita di molti con il suo servizio e la sua leadership. L’annuale Iditarod Trail Sled Dog Race è un evento che si tiene per commemorare Balto e la sua corsa. Il 14 marzo 1933, questo coraggioso cane esalò l’ultimo respiro all’età di 14 anni.

5 Huberta, l’ippopotamo Explorer

Huberta, inizialmente scambiata per maschio e chiamata Hubert, intraprese un viaggio dall’estuario di Santa Lucia nello Zululand fino al Capo Orientale, in Sud Africa, nel novembre 1928. Fu un viaggio lungo 1600 km e le ci vollero 3 anni durante il quale, è diventata una celebrità minore in Sud Africa. Durante il suo corso, ha fatto una sosta alla foce del fiume Mhlanga a Natal, e poi, dopo aver tentato di catturarla, si è diretta verso Durban dove ha visitato un country club e una spiaggia. Poi si spostò sul fiume Umgeni e finalmente arrivò a East London nel 1931. Fu dichiarata il gioco reale, ma un cacciatore malato con menti contorte le sparò. Aveva attraversato 122 fiumi durante il suo viaggio e la sua storia stupisce gli ascoltatori, anche oggi.

6 Sam, il gatto inaffondabile

Il signor Sam era un gatto coraggioso che è riuscito a sopravvivere a tre naufragi durante la seconda guerra mondiale. La sua prima sopravvivenza risale al maggio 1941 dalla nave da guerra Bismarck. Si chiamava Oskar, allora, e sopravvisse a 2000 membri dell’equipaggio, solo per essere scelto dalla corazzata britannica, HMS Cossack, che fu danneggiata da un siluro quello stesso anno e fu squarciata da un’esplosione. Ora chiamato Oscar, il gatto sopravvisse di nuovo a questo naufragio che uccise 159 uomini e fu portato sulla costa di Gibilterra. Ormai si era guadagnato la fama di Sam inaffondabile e iniziò a vivere sull’HMS Ark Royal, anch’esso silurato. Fortunatamente, i membri dell’equipaggio erano al sicuro e Sam è stato trovato, che galleggiava su una tavola in una condizione di "rabbia ma illeso". Ironia della sorte, morì nella casa di un marinaio nel 1955.

7 Laika, il cane che è andato nello spazio

Laika era un bastardo randagio che vagava per le strade di Mosca con il destino di essere il primo cane che andava nello spazio e orbitava intorno alla terra. Nata nel 1954, Laika fu scelta dagli scienziati russi per essere a bordo della navicella spaziale sovietica chiamata Sputnik 2, nel 1957. A quel tempo, la tecnologia per riportare un razzo dallo spazio non era nota all’uomo, e nemmeno il possibile effetto di volo spaziale su un essere vivente. Quindi, Laika è stata inviata come un precursore dei viaggi spaziali degli umani. Nessun altro animale prima di lei era stato in orbita. Entro sei o sette ore, il povero animale morì di surriscaldamento, anche se la storia ufficiale sulla sua morte non fu rivelata fino al 2002. Fino ad allora, si credeva che fosse morta per impoverimento dell’ossigeno dopo circa 16 giorni. Era il primo dei dieci cani che furono mandati in orbita prima di Yuri Gagarin, il primo umano,

8 Ham, l’Astrochimp

Ham, nato nel luglio 1956, aveva appena 3 anni quando fu portato alla base dell’aeronautica militare di Holloman negli Stati Uniti, nel 1959. Conosciuto tra i funzionari e gli operatori come No.65 e Chop Chop Chang, Ham salì a bordo di una capsula Mercury, con una formazione adeguata per spingere una leva. Non era solo un passeggero. La sua tuta spaziale e le sue prestazioni di livellamento lo hanno aiutato a tornare sulla terra dopo un viaggio spaziale di 16 minuti e 39 secondi, senza più lesioni di un naso ammaccato. Il suo volo portò alla missione compiuta dalla navicella spaziale Freedom 7, nel maggio 1961. Visse una vita felice di 17 anni e morì nel 1983.

9 Mr. Magoo, la mangusta con un ergastolo

La mangusta è un animale proibito negli Stati Uniti. L’unica eccezione era il signor Magoo, che era stato dato allo zoo da un marinaio straniero. Il 15 novembre 1962, fu portato dallo zoo di Duluth e condannato a morte, o alla deportazione nella sua madrepatria, l’India, provocando un enorme tumulto. Mentre migliaia di persone lo hanno visitato in un solo fine settimana, molti hanno scritto alle autorità con un avvertimento contro la possibilità della creatura di scappare. Avevano paura che avrebbe riempito la nazione con altri della sua specie anche se lo sfortunato carnivoro non aveva un compagno. Alla fine gli fu concessa una tregua e visse la sua vita mangiando uova e bevendo tè, godendosi un regno libero dello zoo, fino alla sua morte nel 1968.

10 Dolly, la pecora clonata

Dolly, la pecora, è giustamente indicata come la pecora più famosa del mondo. È stata il primo mammifero a nascere dalla clonazione delle ghiandole mammarie di una pecora, il 5 luglio 1996. È stata clonata al Roslin Institute dell’Università di Edimburgo e ha preso il nome da Dolly Parton, la musicista americana celebre per essere procace. Dolly è morta di malattia polmonare progressiva il 14 febbraio 2003.

Gli animali, nelle mani di alcune persone senza cuore, sono soggetti a molte oppressioni e sfruttamenti. Ma ci sono stati molti altri animali che hanno ridefinito la storia dell’uomo con i loro servizi, coraggio e dedizione, hanno placato e intrattenuto l’uomo e hanno forgiato un legame che nessun uomo può confutare. Gli animali diffondono quel tipo di amore che, senza parole, riesce a colpire una corda nel cuore di alcune persone che dedicano la loro vita per il loro benessere e per i loro diritti. La connessione tra uomo e animali è, quindi, indiscutibile.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More