Perché le industrie e le startup dovrebbero diventare open source

0

Ogni azienda con la pretesa di essere coinvolta nella tecnologia tende a rinchiudere il suo codice e a custodirlo gelosamente. A ragione: le proprietà intellettuali dovevano essere preziose, giusto?

Tuttavia, considerando il fatto che ci sono sempre altri potenziali datori di lavoro in agguato, in attesa di portar via i tuoi migliori ingegneri (ne parleremo più avanti), è prudente nascondere tutto il tuo codice?

No, non lo è. Ci sono molte opportunità che ti perdi salvaguardando i tuoi codici e dati. Impariamo qualcosa in più su ciò che ti stai perdendo.

Perché dovresti passare all'open source?

1 Per sfruttare il potere della comunità:

Una volta che il tuo codice attira contributi da utenti esterni, tutto il tuo lavoro è destinato a essere svolto prima e con costi molto inferiori. Questo è solo uno scenario che sfida l'adagio "Troppi cuochi rovinano il brodo". Ma, qui, più utenti significano più persone che esaminano il tuo codice e lo risolvono per problemi e aggiungono funzionalità, il che alla fine significa codice più robusto.

2 Per creare team di livello mondiale:
  • Cosa hanno le multinazionali che la tua azienda non ha? Forse, qualche milione di dollari di finanziamenti insieme a talenti di livello mondiale. Dal momento che non possiamo fare molto per la parte relativa ai soldi, concentriamoci su quest'ultima. Quando rendi open source il tuo codice, c'è un'alta probabilità che attirerai ingegneri di talento curiosi di risolvere i problemi.
  • Ciò rende il processo di assunzione notevolmente più semplice, visto che hai un bel pool di persone davvero intelligenti che lavorano sul tuo codice, migliorandolo, facendolo funzionare meglio. Arrivederci, colloqui tecnici!
  • Infine, una volta assunti i talenti di cui hai bisogno per la tua azienda, un ottimo modo per assicurarti di mantenere i tuoi dipendenti è rimanere impegnati nel codice open source. Gli sviluppatori riescono a risolvere i problemi che la tua azienda sta affrontando e sono incentivati ​​a restare perché riescono a creare un portfolio per se stessi, migliorando il proprio profilo. Questo risolve il problema di quei fastidiosi reclutatori che aspettano di rubare i tuoi migliori ingegneri e puoi vedere il tuo codice funzionare sempre meglio, man mano che più persone ci lavorano.
3 Per la gloria:

Quando open-source il tuo codice, ottieni naturalmente diverse centinaia di dollari di pubblicità gratuita da tutti i media, forum, gruppi e fanatici del codice che parlano della tua azienda. Si traduce in buona volontà e ti dà anche più punti brownie per simpatia.

Se è così bello, perché non lo fanno più persone?

1 Il motivo proprietario:

Tutti hanno paura che il loro codice venga rubato. Diverse grandi aziende ritengono che l'open-sourcing del loro codice e/o dati porterà a una massiccia fuga di informazioni e quindi perderanno il loro vantaggio competitivo. Questa apprensione è vera in alcuni casi, i più ovvi sono gli organi federali delle forze dell'ordine e le unità di difesa nazionale, come la NSA o l'FBI. Di certo non possono permettersi di rendere open source qualsiasi cosa.

2 spese generali:

Per diverse aziende, in particolare le startup tecnologiche che sono state appena finanziate, hanno abbastanza da fare, pagando i dipendenti e altre spese generali. Le implicazioni finanziarie del passaggio all'open source potrebbero non essere fattibili per le aziende che stanno appena trovando i loro piedi, specialmente nell'ecosistema iper-competitivo della Silicon Valley.

3 Non ci sono soldi in esso:

Mentre questo è piuttosto ovvio (il punto è che si tratta di codice gratuito), di recente settantacinque startup si sono riunite a San Francisco per discutere la possibilità di fare soldi con il software open-source. Sebbene l'idea originale di regalare software gratuitamente e poi caricarlo abbia funzionato per pochi, non ha prodotto grandi risultati. "Storicamente, ogni azienda open source è impallidita rispetto alla sua controparte proprietaria", ha affermato Peter Levine, socio accomandatario della società di capitale di rischio Andreessen Horowitz.

4 Tutti pensano che qualcuno obietterà:

Code Combat, un sito Web molto interessante che aiuta gli utenti a imparare il codice giocando, ha scritto in un post sul blog che quando hanno deciso di rendere open source il loro codice, hanno chiesto a tutte le persone coinvolte nell'azienda il loro feedback. Ed ecco cosa è successo: ai consulenti è piaciuta l'idea, ma si sono chiesti se gli sviluppatori del gioco l'avrebbero fatto. Gli sviluppatori erano tutti d'accordo, ma si chiedevano degli investitori. Gli investitori lo adoravano, ma erano preoccupati per gli avvocati. Gli avvocati hanno detto "Certo, chiedi ai tuoi consulenti". Questo vale soprattutto per le società sostenute da finanziamenti o capitale di rischio, dove ci sono più persone investite nell'azienda in modi diversi. Non dare per scontato che qualcuno da qualche parte avrà un problema con esso. Fai di tutto per scoprirlo.

Quindi chi lo fa, davvero?

Saresti sorpreso. Ecco un elenco di cinque aziende (vi garantisco che conoscerete i loro nomi) che hanno fornito grandi porzioni del loro codice a comunità open source.

1 Google:

Questi ragazzi non hanno bisogno di presentazioni, giusto? Quindi mi limiterò a scendere ai fatti. Secondo il sito Web di Google Developers, Google ha contribuito con oltre 20 milioni di righe di codice alla comunità open source e oltre 900 progetti. Android, il loro sistema operativo mobile, è open source e alimenta oltre 1,5 miliardi di dispositivi in ​​tutto il mondo. Ho già detto che è open-source?

2Facebook:

Nel 2013, Matt Asay di ReadWrite ha definito Facebook la più grande azienda open source del mondo. James Pearce, che gestisce Open Source su Facebook, ha dichiarato: "Risulta che grandi percentuali dei nostri ingegneri sapranno dei nostri progetti open source prima di aderire e diranno che ha contribuito positivamente alla loro decisione di entrare in azienda. È una grande finestra sul mondo del tipo di problemi che risolviamo, e ovviamente speriamo che ci siano ingegneri di livello mondiale in tutto il mondo che apprezzerebbero questo tipo di opportunità e quando vedranno i problemi che stiamo risolvendo lo faranno sento il bisogno di dare un'occhiata.

Altri due grandi progetti open source di Facebook sono React Js, una libreria JavaScript per la creazione di interfacce utente, e React Native, un framework per la creazione di app native.

Vedere? Facebook usa l'open-source per reclutare. Dovresti anche tu!

3Twitter:

Hai mai sentito parlare di Bootstrap? Quel meraviglioso framework HTML, CSS e JavaScript open source che puoi utilizzare per abbellire il tuo sito? Sì, appartiene a Twitter. È uno dei numerosi progetti che Twitter ha regalato alla comunità open source e da allora i restyling del sito Web non sono più stati gli stessi. Basta guardare Start Bootstrap, Bootstrap Expo e Built with Bootstrap, per capire quanto sia prezioso questo framework.

4 Linkedin:

LinkedIn ha oltre 80 progetti open source e ha contribuito con oltre 500mila righe di codice. Credono che per incoraggiare l'eccellenza, abbia senso fare le cose allo scoperto. È possibile accedere e lavorare su tutti gli strumenti utilizzati internamente da LinkedIn. Il Principal Staff Engineer di LinkedIn, Jay Kreps, afferma che preferiscono che tutto non sia la loro "salsa segreta". Proprio come con Facebook, questa strategia ha funzionato bene per loro, aiutando ad attrarre i migliori talenti.

5 quadrati:

Questa azienda ha contribuito con oltre 250mila righe di codice alla comunità open source, il suo progetto più notevole è Picasso, che è "una potente libreria di download e memorizzazione nella cache di immagini per Android", per usare la loro stessa definizione. Ci sono più di 60 progetti open source di Square. Sebbene questa azienda non sia neanche lontanamente grande come le altre nell'elenco, il loro Chief Technical Officer, Bob Lee, ritiene che questo sia esattamente il motivo per cui una strategia open source ha così tanto senso.

Oltre a queste aziende, c'è Linux, il sistema operativo open source sviluppato da Linus Torvalds utilizzato da centinaia di migliaia di persone in un modo o nell'altro (Android è sviluppato sulla base del kernel Linux) e l'amato sistema operativo di riferimento per gli sviluppatori Intorno al mondo. È il più grande progetto open source esistente al mondo.

Quindi, il gioco è fatto "Le ragioni per diventare open-source", non sono solo le grandi aziende che lo hanno fatto (almeno in parte), ma anche alcune società di software come Hadoop, Drupal e MongoDB, è open source. Aiuta a migliorare il codice e fornisce alle aziende la piattaforma giusta per imparare da altri che hanno stabilito dei precedenti.

Dovresti andare all'open source?

La risposta dipende dalla tua linea di business e da cosa hai da perdere o guadagnare aprendo i tuoi dati e il tuo codice in quanto sono i due principali ingredienti importanti che rendono unica la tua azienda. "Il rischio dell'open source è che non si possiede alcuna proprietà intellettuale", afferma Nick Heudecker, analista di Gartner Research.

Tuttavia, mantenere il codice proprietario ha sempre meno senso ogni giorno, con sempre più aziende che adottano strategie open source e trovano modi per farlo funzionare. Devi capire come puoi farlo funzionare per te e velocemente.

Fonte di registrazione: instantshift.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More