La strategia del metaverso di Microsoft è apparentemente allo sbando, il futuro di HoloLens sembra cupo

0

Il quadro generale: se tutto il clamore e il brusio attorno a un futuro metaverso sembra difficile da afferrare, allora non sei solo. Anche Microsoft, a quanto pare, sta lottando per realizzare la sua visione del metaverso. La leadership delle divisioni di realtà mista e HoloLens dell’azienda non è stata in grado di adottare una strategia chiara, con conseguente basso morale, confusione ed esodo tra i dipendenti, nonché progetti annullati come HoloLens 3 che, secondo quanto riferito, è stato accantonato l’anno scorso dopo che Microsoft ha deciso di collaborare con Samsung. Questa partnership, in cui Microsoft fa il software e Samsung l’hardware, a quanto pare ha aggiunto ancora più confusione che un dipendente di Redmond ha descritto come uno "s–t show".

Microsoft ha precedentemente dimostrato come intende portare il metaverso alle aziende con la sua piattaforma Mesh for Teams . La società considera anche l’ acquisizione di Activision Blizzard da 68,7 miliardi di dollari come "mattoni" per il metaverso. Sebbene tali sviluppi potrebbero non significare molto al di fuori degli avatar da cartone animato nelle riunioni di lavoro e di un solido portafoglio Xbox, le scommesse più promettenti di Microsoft per un futuro metaverso sono sempre state le sue cuffie HoloLens e le esperienze di realtà mista.

Tuttavia, un rapporto di Business Insider ha rivelato che le divisioni HoloLens e di realtà mista dell’azienda stanno lottando per adottare una strategia unificante per il metaverso. Il visore AR focalizzato sull’azienda di Redmond ha realizzato numerose (e impressionanti) demo tecnologiche sin dalla sua presentazione originale nel 2015, ed è persino riuscito a garantire clienti di alto profilo nello spazio militare e automobilistico.

Tuttavia, il contratto IVAS da 21,88 miliardi di dollari con l’esercito americano che ha visto le consegne ritardate di un anno è ora diventato un "punto problematico" per Microsoft. Secondo quanto riferito, gli occhiali da combattimento soffrono di problemi di qualità e non sono stati considerati pronti per il combattimento.

Inoltre, una versione più recente di HoloLens era in lavorazione che Microsoft avrebbe demolito a metà del 2021. Non si sa se si trattasse della versione incentrata sul consumatore o di un altro visore AR aziendale. Il focus ora è sullo sviluppo di software per piattaforme metaverse, anziché hardware, in linea con la visione del CEO di Microsoft Satya Nadella.

È anche il motivo per cui l’azienda ha collaborato con Samsung su un dispositivo a realtà mista, una decisione che non è andata bene con i dipendenti Microsoft lasciati confusi dalla mancanza di una strategia chiara. Ciò ha anche portato a un esodo di personale nella divisione di realtà mista di Microsoft, inclusi un paio di veterani di oltre 20 anni e oltre un centinaio di altri, molti dei quali si sono uniti a Meta/Facebook nell’ultimo anno.

Probabilmente, nemmeno Meta/Facebook ha capito il metaverso, almeno a livello di consumatori, e ora sembra che Microsoft potrebbe essere stata un po’ troppo ambiziosa con HoloLens. La società afferma, tuttavia, di impegnarsi per l’auricolare AR e rilascerà nuove versioni in futuro.

Forse Apple potrebbe essere la prima a convincere il mondo della sua interpretazione del metaverso ottenendo un’ampia adozione da parte dei consumatori del suo prossimo visore per realtà mista. Cioè, se riesce a aggirare le attuali sfide di progettazione che potrebbero ritardare il lancio nel prossimo anno.

Fonte di registrazione: www.techspot.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More