Guida AMP: cos’è AMP e come configurarlo sul sito WordPress

12

Forse non te ne sei ancora reso conto, ma circa il 50% delle persone che accedono al tuo sito tramite i loro dispositivi mobili abbandonerà completamente il tuo sito, se il caricamento richiede più di 3 secondi.

Come principiante, un principiante nell'arena del business digitale, potresti non essere a conoscenza della stessa cosa. Bene, questo è il motivo per cui siamo qui per te.

Se non hai prestato alcuna attenzione al tempo di caricamento del tuo sito su un dispositivo mobile e non stai annotando il successivo traffico web, sei in perdita. Questi numeri devono essere annotati e conosciuti, prima di andare avanti e prendere qualsiasi altra importante decisione di sviluppo aziendale.

Perché deve accadere?

Principalmente perché la maggior parte delle persone che cercano qualcosa online lo fanno tramite i propri dispositivi mobili. È quindi importante massimizzare la velocità di caricamento della pagina del tuo sito.

Per aiutarti in questo compito, Google ha recentemente lanciato una nuova tecnologia. Questa tecnologia promette di migliorare la tua esperienza sul sito per le persone che la utilizzano e ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi. Google Accelerated Mobile Pages, lanciato da Google, noto anche come Google AMP, è un'iniziativa rivoluzionaria di Google stessa per ottenere un migliore traffico sul sito insieme a una migliore generazione di entrate per un'azienda moderna.

Google AMP si rivolge specificamente alla versione del tuo sito mobile e lo accelera offrendo versioni molto leggere di tutto sul tuo sito, come ospitato sui server di Google. Le persone che visitano il tuo sito riceveranno i loro contenuti in modo rapido e, pertanto, è improbabile che lascino il tuo sito Web a causa dell'attesa. Continueranno a guardare e ad ammirare il tuo lavoro, aiutandoti così in caso di traffico web e ricavi.

Prima di approfondire la discussione a spirale su ciò che Google AMP può fare, discutiamo innanzitutto di cosa sia effettivamente Google AMP, in modo elaborato.

Google AMP è un progresso tecnologico, un'iniziativa presa dai cervelli di Google per rendere le versioni dei siti per dispositivi mobili migliori e più veloci. Questi cervelli volevano che le versioni mobili di diversi siti Web si caricassero più velocemente che mai. Se ti piacciono la tecnologia, i software e gli algoritmi, probabilmente sapresti cos'è Facebook Instant Articles. Se sai di cosa si tratta, comprendere Google AMP è piuttosto semplice. Sono abbastanza simili.

Google AMP assicura che, quando il tuo sito viene visitato, la versione completa del tuo sito non venga caricata. In effetti, Google nasconde deliberatamente alcune parti per velocizzare il caricamento. Questo spesso conferisce alla versione mobile del sito un aspetto un po' minimalista.

L'iniziativa è open source, il che significa che chiunque può utilizzare le metodologie per ottenere benefici. Ovviamente, Google non limiterà lo stesso perché il loro obiettivo finale è rendere i contenuti Web facilmente accessibili, soprattutto per gli utenti mobili.

La generazione dei contenuti e i tempi di caricamento sono spesso considerati troppo lenti per la maggior parte delle persone, il che è una lamentela molto comune. Anche le pagine piene di contenuti ottimizzati, ricche di informazioni potrebbero impiegare tempi più lunghi per caricarsi. E nonostante tutti gli sforzi SEO e altri sforzi tecnici compiuti dal sito e dai proprietari dell'azienda, il problema sembra persistere. Ed è per questo che oggi Google AMP diventa importante nelle nostre vite. Accelerated Mobile Pages (AMP) dipende da un minimo minimo di codici HTML insieme a Javascript per caricare una pagina del sito web. Ciò consentirà di ospitare facilmente i contenuti su diversi siti Web nelle cache AMP. Queste versioni cache possono essere utilizzate per servire le persone all'istante, non appena fanno clic su un determinato sito Web da fonti organiche.

Il metodo, come abbiamo appena detto sopra, è abbastanza simile agli articoli istantanei di Facebook. Ma c'è una contraddizione! A differenza di AMP, gli articoli istantanei saranno limitati esclusivamente a Facebook. E non solo alla versione web di Facebook, ma anche alla loro app mobile. AMP, tuttavia, può funzionare quasi ovunque. Possono essere utilizzati da tutti i tipi di app e browser Web e persino dai visualizzatori Web. In questo momento, viene utilizzato non solo da Google, ma anche da LinkedIn, Twitter, Reddit e altri.

Google AMP vale davvero l'hype?

Ebbene, non daremo le risposte corrette. Oggi risponderai a questa domanda. Semplificheremo il processo per te fornendoti tutti i pro e i contro di AMP.

Secondo la maggior parte degli esperti SEO, AMP ti aiuterà a ottenere un posizionamento più elevato nel motore di ricerca di Google e migliorerà l'esperienza per gli utenti, in particolare sulle piattaforme mobili. Questo è un vantaggio per le persone con connessioni Internet più lente. Ma potrebbero anche lanciare alcune sfide per i proprietari di siti e i blogger.

Ora, poiché Google AMP si avvale dell'aiuto di un numero limitato di opzioni HTML e Javascript, in qualità di marketer di contenuti e proprietario di un sito, potresti non essere in grado di aggiungere alcuni widget al tuo sito mobile. Questo potrebbe rivelarsi una rovina in quanto limiterà la tua capacità di marketeer digitale di aggiungere opzioni intelligenti, come newsletter, opzioni e-mail, caselle di condivisione e Mi piace di Facebook e altre opzioni così versatili.

Google AMP, vero e proprio, supporta Google Analytics ma in realtà non fornisce supporto per altre piattaforme. Ecco come funzionano le opzioni pubblicitarie in Google AMP. La maggior parte delle piattaforme pubblicitarie non è supportata da Google.

Anche dopo queste poche limitazioni, AMP mantiene ancora la sua posizione nel settore per aumentare in misura considerevole le pagine Web e il traffico del sito. Aggiungendo il supporto AMP al tuo sito, mentre contemporaneamente lavori sulle tue pratiche SEO, puoi sicuramente raccogliere una grossa fetta di traffico del sito sul tuo sito effettuato tramite ricerche da dispositivi mobili.

Per assicurarti di ottenere tutti i vantaggi che possono essere generati tramite AMP per il tuo sito WordPress, abbiamo proprio qui curato una guida dettagliata sulla configurazione del tuo profilo Google AMP per la prima volta.

Prima di seguire effettivamente questa guida rapida sull'abilitazione di AMP per il tuo sito WordPress, supponiamo che tu abbia già attivato il plug-in Yoast WordPress per il tuo sito. Puoi saltare il passaggio, se non l'hai già fatto, e puoi attivare direttamente AMP sul tuo sito. Tuttavia, ti consigliamo di attivare il plug-in Yoast SEO come prerequisito.

Ora veniamo dritti al punto!

Configurazione di Google AMP per il tuo sito WordPress.

È molto facile configurare il tuo profilo AMP e collegarlo al tuo sito WordPress. Tutti acclamano la potenza del plug-in ufficiale per lo stesso da parte di Google stesso. Il plug-in AMP ufficiale non richiede configurazioni ed è per questo che vorresti aggiungere plug-in di estensione per renderlo completamente funzionante.

Per prima cosa, andiamo alle basi. Comprendiamo la parte fondamentale dell'installazione del plugin ufficiale. Dopodiché lo testeremo e poi lo configureremo di conseguenza.

Installazione

Puoi installare il plug-in AMP per il tuo sito WordPress seguendo la procedura indicata di seguito. Questo metodo richiede di accedere al tuo pannello di amministrazione sul tuo sito WordPress e quindi fare clic su Plugin.

  • Dopo aver fatto clic sui plug-in, è necessario fare clic sulla scheda "Aggiungi nuovo", dopodiché è necessario eseguire una query di ricerca per "Accelerated Mobile Pages".
  • Una volta trovata l'opzione appropriata, dovresti installarla facendo clic su "attiva".
  • Dopo aver attivato il plug-in, verrà visualizzato un messaggio che dice "Questo tema richiede il seguente plug-in: AMP, inizia l'installazione del plug-in". Dovresti quindi fare clic su "Inizia l'installazione del plug-in" e quindi su "Installa".
Configurazione di Google Analytics

Dopo aver installato il plug-in AMP, dovresti cercare di installare Google Analytics. Per configurare Google Analytics, devi trovare il tuo ID di tracciamento. Successivamente, ti verrà richiesto di accedere a Google Analytics e quindi fare clic sull'icona a forma di ingranaggio che appare nella parte inferiore sinistra dello schermo, attraverso la quale verrai indirizzato al Pannello di amministrazione. Dopo aver selezionato sullo stesso, ora selezionerai Account e proprietà, direttamente dai menu a discesa. Quando guardi le opzioni nella colonna Proprietà, vedrai una scheda denominata "Informazioni sul monitoraggio". Fai clic sullo stesso per vedere il tuo ID di tracciamento. Questo ID di solito inizia con UA.

Copia questo ID di tracciamento e accedi alla piattaforma del tuo sito WordPress. Sul lato sinistro dello schermo, fai clic su Navigazione, quindi vai su AMP e da AMP fai clic su Analytics. Incolla il tuo ID di tracciamento dove è menzionato "Google Analytics". Una volta fatto ciò, dovresti ora fare clic su "Salva modifiche" e il gioco è fatto.

Configurazione delle impostazioni del plug-in

In questo passaggio discuteremo le configurazioni di base che puoi utilizzare per personalizzare l'aspetto del tuo plug-in AMP. Questa configurazione ti aiuterà anche a supportare più formati di contenuto.

Supponiamo qui che tu possieda già il plugin Yoast SEO. Quindi, per iniziare questa configurazione, dovresti andare su Yoast SEO e fare clic su AMP. Dopo averlo fatto, ora dovresti fare clic su Tipi di post. Da qui in poi, sarai in grado di selezionare il tipo di post che puoi utilizzare che saranno conformi ad AMP.

Quando fai clic sulla seconda scheda per, la scheda Design, ora sarai in grado di personalizzare l'aspetto delle tue pagine di contenuti abilitati AMP. Se stai applicando lo stile CSS, puoi personalizzare i tuoi contenuti e anche collegare modelli di colore simili da caricare per te stesso e l'icona AMP personalizzata. Puoi anche impostare immagini predefinite per le pagine del tuo sito, se necessario.

Testa la tua configurazione AMP

Una volta terminato il processo di creazione di un URL AMP, dovresti anche assicurarti che questi URL funzionino correttamente. Se non sono configurati correttamente e non funzionano, Google non sarà in grado di visualizzare lo stesso nei risultati di ricerca in un secondo momento. Questa è una salvaguardia che dovresti prendere in anticipo, poiché a volte può essere un bel compito per la maggior parte dei webmaster!

Tuttavia, ci sono soluzioni per ogni problema. Ne ottieni uno anche quando stai testando e convalidando i tuoi URL AMP. Dovresti scegliere un paio di pagine del sito e testare le tue versioni AMP dello stesso utilizzando una delle procedure menzionate di seguito. Ma prima di andare avanti ed eseguire una qualsiasi di queste attività, dovresti aggiungere /amp/ alla fine del tuo URL, come discusso in precedenza.

  1. Dovresti andare su questo sito Web: search.google.com/test/amp E dovresti rilasciare l'URL della pagina del tuo sito su questo sito Web. Dopo averlo fatto, dovresti ora fare clic su "Esegui test". Vedrai i tuoi risultati, se sono validi o non validi.

  2. La seconda opzione aiuta specificamente le persone che utilizzano il browser Web Google Chrome. Se utilizzi qualsiasi altro browser web per accedere a Internet, come Mozilla Firefox, Safari, ecc., questa opzione non si applicherebbe correttamente a te.

    Dovresti aprire la pagina AMP nel tuo browser Google Chrome e aggiungere #development=1 all'URL del tuo sito.

    La prossima cosa che dovresti fare è aprire Chrome Dev Tools Console, dal menu di Google Chrome stesso e quindi selezionare "Altri strumenti". Successivamente, dovresti fare clic su "Strumenti di sviluppo" e quindi su "Console".

    Dopo aver fatto clic su "Console", sarai in grado di controllare gli errori di convalida. Se le cose vanno bene e funzionano bene, il processo di convalida dovrebbe essere un successo.

  3. La terza opzione che potresti seguire è andare su questo sito web – validator.ampproject.org e incollare il tuo URL AMP qui, nel campo URL menzionato. Dopo averlo incollato, è necessario fare clic su "Convalida".

    Se ci sono errori o problemi, questo strumento li evidenzierà e li segnalerà nell'HTML.

Invio dell'URL AMP per il processo di indicizzazione

Se hai seguito il processo di convalida AMP tramite Google Search Console, puoi successivamente fare clic direttamente su "Invia a Google", una volta che hai visto il test come valido.

Se non lo sei, c'è un'altra opzione per te. Questo funzionerebbe se hai effettuato l'accesso al tuo account Google Search Console. Dopo averlo fatto, puoi cercare "Invia a Google" e quindi inviare direttamente l'URL del tuo sito.

Quando invii la pagina del sito AMP a Google in un modo alternativo, Google indicizzerà la tua pagina del sito AMP in un secondo momento, indipendentemente dal fatto che sia collegata internamente ed elencata nella mappa del sito XML o meno.

Visualizza Google Search Console per risolvere ogni errore.

Il passaggio successivo consiste nell'imparare a gestire le pagine del tuo sito AMP da un'unica posizione, che è Google Search Console. Dovresti accedere a Google Search Console e da lì, nella scheda "Aspetto nella ricerca", fai clic su "Pagine mobili accelerate".

Quando lo fai, sarai in grado di vedere quante delle tue pagine AMP sono indicizzate e quali no. Quelli che non sono ancora stati indicizzati devono contenere errori di qualche tipo, che verranno visualizzati anche qui. Se identifichi i problemi critici, puoi successivamente risolvere questi errori con l'aiuto degli strumenti menzionati nel passaggio precedente.

Testare la velocità della pagina.

Una volta completato tutto quanto sopra menzionato, ora dovresti iniziare a vedere i vantaggi. Per vedere se i tuoi sforzi sono stati fruttuosi o meno, dovresti provare a eseguire le tue pagine AMP e le pagine del tuo sito mobile standard attraverso strumenti di velocità come WebPageTest. Dovresti anche confrontare i risultati delle due diverse pagine.

E voilà! Hai fatto. Puoi iniziare il tuo viaggio verso AMP.

Google sta intensificando i suoi sforzi mentre svela un miracolo sotto forma di indicizzazione mobile-first e processo di accelerazione delle pagine. In questo modo, oggi stanno diventando un fattore di ranking per molti siti e aziende. L'iniziativa tecnica presa da Google sotto forma di AMP è oggi un passo cruciale per tutte le aziende moderne e le società di sviluppo di app mobili. Non passare allo stesso potrebbe diventare problematico per te a lungo termine! Non aver paura, fai quel passaggio! Ci ringrazierai più tardi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More