15 cose che ogni sviluppatore di plugin per WordPress dovrebbe sapere!

0

WordPress è uno strumento eccellente per creare vari tipi di portali, blog o un normale sito web. È molto più di un semplice CMS perché molti sviluppatori di plugin WordPress lo portano a un livello completamente nuovo.

Per rendere WordPress più di un semplice CMS, vengono comunemente utilizzati temi e/o plugin. I plugin sono una parte importante del motivo per cui WordPress ha milioni di poteri di blog e siti in tutto il mondo.

Ogni sviluppatore di WordPress che si occupa di codice deve disporre di diversi plugin funzionali che lo aiutino nel suo flusso di lavoro. Fondamentalmente, tutti i plugin di WordPress sono progettati e sviluppati da persone che hanno bisogno di risolvere un particolare problema. Quindi, devi assicurarti che non ci siano problemi con l'installazione dei plugin.

Lavorare con il codice di WordPress significa che hai il tuo set di strumenti. Quindi, se sei uno sviluppatore di plugin di WordPress, allora ci sono alcune cose che non dovresti mai dimenticare.

Ecco le 15 cose che dovresti sapere come sviluppatore di plugin per WordPress.

Prendi in considerazione gli elementi di creazione plug-in

Dovresti essere molto selettivo nella scelta dei plug-in da installare sul tuo sito. Ogni plugin che installi può lasciare un segno difficile da rimuovere, specialmente se è mal codificato. Quando si tratta di installare plugin, dovresti ricordare alcuni elementi chiave come:

  • Numero di download
  • Voto medio
  • Recensioni
  • Sviluppatore
  • Prova di supporto attivo

Il fatto è che non stai solo installando il plug-in, ma stai installando alcune delle funzionalità che vorresti utilizzare in futuro. Se il plugin funziona ora, assicurati che funzionerà perfettamente in futuro.

Funzioni di prefisso con un tag univoco

Molti sviluppatori non antepongono le loro funzioni e per questo motivo si confondono facilmente tra il tuo codice e il codice scritto da altri. Inoltre, ogni funzione deve avere un identificatore univoco. È una buona abitudine prefissare il codice con un identificatore in modo da poter riconoscere rapidamente ogni funzione. Tutto quello che devi fare è aggiungere la tua funzione con un nome univoco.

Aggiorna i tuoi plugin

Vale la pena ricordare che l'aggiornamento dei plugin è necessario per la sicurezza e la funzionalità del tuo sito. I plug-in obsoleti sono punti chiave per coloro che cercano buchi di sicurezza. Non solo aggiorni regolarmente i tuoi plugin, ma devi anche controllare periodicamente i tuoi plugin per assicurarti che siano stati aggiornati di recente. Dovresti prendere in considerazione la rimozione di plug-in obsoleti, quelli che non vengono aggiornati da molto tempo. Idealmente, dovresti aggiornare regolarmente i tuoi plugin.

Crea i tuoi percorsi globali per renderlo pratico

Scrivere codice PHP, incluse immagini, CSS e forse un po' di javascript, fa funzionare il tuo plug-in. Ma come si codifica il plugin, in modo che possa sempre trovare questi file? Pertanto, il modo migliore è creare i propri percorsi globali che possono essere utilizzati ovunque nel codice del plug-in. Si consiglia di creare sempre quattro variabili globali per plugin come:

  • Percorso della directory
  • Nome del plug-in
  • A Percorso della directory del plug-in
  • Indirizzo del plug-in

Questi percorsi globali consentono di scrivere codice nel tuo plugin ovunque. Quindi, crea un percorso globale mentre aggiungi i plugin alla tua pagina WordPress.

Non sviluppare senza eseguire il debug

La prima cosa che devi fare per lo sviluppo del plugin di WordPress è abilitare il debug. L'attivazione del debug include anche le note di WordPress. È importante perché è così che saprai se stai riutilizzando funzionalità obsolete. Le funzionalità obsolete potrebbero essere rimosse dalle versioni future di WordPress e quasi tutte le versioni di WordPress contengono funzionalità pianificate per morire in tempi successivi. Se vedi che stai usando funzioni obsolete, è meglio trovarne un sostituto e usarlo al suo posto.

Aggiorna i plug-in di disattivazione o eliminali

Si consiglia che anche se il plug-in non è attivo sul tuo sito, devi assicurarti che sia ancora in fase di aggiornamento. Il plug-in inattivo è ancora presente sul tuo sito, nel senso che può essere utilizzato come punto debole della sicurezza. Onestamente, se il plug-in non è attivo sul tuo sito e non hai intenzione di utilizzarlo in futuro, rimuovilo. Questa è la cosa che vuoi che il tuo sito diventi un cimitero di plugin inutilizzati.

Disattiva i plug-in di back-end quando non sono in uso

La maggior parte dei plug-in crea un carico sulle risorse del tuo sito, anche se questo carico è trascurabile. Pertanto, si consiglia di attivare i plug-in solo quando sono necessari. Un plug-in di dump del database di WordPress è un piccolo plug-in eccezionale che rende tutto più semplice, riportando tutto o parte del database di WordPress al suo stato predefinito. Tuttavia, il plug-in di ripristino del database di WordPress dovrebbe essere attivo solo quando si avvia un ripristino. può essere disattivato in qualsiasi altro momento. In poche parole, ogni plugin attivo sul tuo sito dovrebbe essere utilizzato dal tuo sito. In caso contrario, disattivalo.

Installa plug-in leggeri e perfettamente codificati

Un plug-in è solo un codice aggiuntivo implementato sul tuo sito. In una certa misura, puoi aggiungere lo stesso codice al tuo file functions.php e ottenere lo stesso effetto. Pertanto, il numero di plugin installati e attivati ​​sul tuo sito non è il problema principale. Il problema principale è quanto bene i tuoi plugin sono codificati e impegnativi.

Sarebbe molto meglio per te avere plug-in leggeri e perfettamente codificati installati sul tuo sito piuttosto che un plug-in gonfio, ad alta intensità di risorse e vulnerabile. In effetti, dovresti preoccuparti di più di quali plugin installi, non di quanti.

Consapevole della qualità dei plug-in

L'installazione del numero di plug-in sul tuo sito può essere un problema e questo si chiama conflitto. Più plugin sul tuo sito, più conflitti troverai con l'uno e l'altro. Mentre si occupano di conflitti di plug-in, gli sviluppatori devono costantemente affrontare un problema, perché esiste un numero quasi infinito di combinazioni di installazione in tutte le installazioni di WordPress.

La maggior parte dei blog WordPress sono completamente unici in termini di combinazione di plugin installati. Quindi, anche se dovresti essere consapevole della qualità dei plug-in che utilizzi, dovresti anche monitorarne il numero per semplificare il lavoro.

Sicurezza e sfumature del plug-in

La sicurezza del tuo sito dovrebbe essere sempre alta. Ricorda che un piccolo gruppo di hacker può hackerare il tuo sito. Esistono molti passaggi diversi che puoi eseguire per migliorare la sicurezza di WordPress. Tuttavia, se vuoi risparmiare tempo, in questo caso puoi utilizzare i semplici plug-in di sicurezza. Questi plugin sono disponibili in versioni gratuite ea pagamento. Inoltre, questi sono in grado di scansionare il sito per la presenza di programmi dannosi, nonché respingere attacchi grossolani e, naturalmente, puoi vedere tutto questo.

Automatizza i tuoi backup

I backup sono un fallback se qualcosa è andato storto. Con l'aiuto dei backup, puoi ripristinare facilmente e rapidamente il tuo sito allo stato originale. È più conveniente gestire i backup tramite un plug-in. Se stai cercando una soluzione più automatizzata, allora, in questo caso, puoi utilizzare il servizio VaultPress e BackupBuddy. Questi strumenti sono straordinari quando si tratta di ripristinare da un backup in caso di arresto anomalo del sito.

Utilizzo di dbDelta() per creare/aggiornare tabelle di database

È necessario modificare le tabelle mentre il plug-in viene eseguito sulla tabella del database personalizzata per la pertinenza della versione futura dei plug-in. Potrebbe diventare un po' più difficile da gestire se non si presta attenzione, ma WordPress aiuta a risolvere il problema fornendo la funzione dbDelta(). L'uso di dbDelta() richiede alcuni accorgimenti, tuttavia:

  • È necessario inserire ciascun campo su una riga separata nell'istruzione SQL.
  • Dovresti avere due spazi tra le parole PRIMARY KEY e la definizione della chiave principale.
  • Devi usare la parola chiave KEY, non il suo sinonimo INDEX, e devi includere almeno una KEY.

Una caratteristica utile della funzione dbDelta() è che può essere utilizzata sia per creare che per aggiornare tabelle, ma nella code page di WordPress creare tabelle con i plugin è un po' facile.

Sapere quando usare Azioni e filtri Hooks

Per quanto riguarda l'esecuzione del codice, WordPress consente ai programmatori di utilizzare azioni e filtri. Le azioni consentono a WordPress di invocare un'azione in determinati punti durante l'esecuzione del codice o come risultato di determinati eventi. D'altra parte, i filtri consentono a WordPress di modificare il testo prima di inserire il testo nel database o prima di visualizzare il testo sullo schermo. Come sai, l'uso di azioni e filtri è piuttosto ampio. Pertanto, studia ed esamina le possibilità di utilizzo di questi ganci.

Crea menu di amministrazione o pagina delle impostazioni

Di solito, molti sviluppatori forniscono l'accesso a una pagina di impostazione in modo che gli utenti possano personalizzare facilmente il plug-in durante l'utilizzo. Pertanto, se desideri creare il tuo plug-in in WordPress, probabilmente dovrai dare preferenze alle scelte e alle configurazioni dell'utente in una pagina delle impostazioni. In questo modo gli sviluppatori possono realizzare o stabilire l'impresa creando una pagina delle impostazioni autonoma per il plug-in.

Inoltre, puoi anche aggiungere opzioni personalizzate al menu di amministrazione di primo livello esistente. In altre parole, si può dire che per presentare all'utente una schermata di questo tipo, è necessario creare una voce di menu di amministrazione. Consentirà all'utente di accedere a quella schermata delle impostazioni da tutte le schermate di amministrazione.

Usa i link di azione come scorciatoie nella tua pagina delle impostazioni

Aggiungendo il collegamento alle impostazioni o qualsiasi altra funzione all'elenco e alla descrizione del plug-in, tu e il tuo utente potete eseguire facilmente l'attività regolarmente. Il collegamento all'azione delle impostazioni verrà visualizzato accanto ai collegamenti all'azione predefiniti del pulsante Disattiva e Modifica. Dall'elenco dei plug-in, questa cosa consentirà all'utente di accedere rapidamente alla pagina delle impostazioni.

Linea di fondo

Come hai notato, ci sono molti modi per trasformare WordPress. Questi plugin semplificheranno lo sviluppo di WordPress. Ma tieni presente che se aggiungi plug-in con noncuranza, potrebbe creare qualche rischio per il tuo sito WordPress. Ci sono sempre conflitti tra un nuovo plugin e quello che hai usato. Inoltre, se non aggiornerai i tuoi plugin di WordPress in modo coerente, potrebbe danneggiare il tuo sito creando messaggi di errore che distraggono e confondono i visitatori.

Inoltre, gli hacker utilizzano spesso plug-in per ottenere l'accesso non autorizzato al tuo sito e danneggiare i tuoi dati inviando malware, collegamenti spam o reindirizzamenti dannosi al tuo sito. Ci sono alcuni plugin che possono rallentare il tuo sito. Per questo, devi semplicemente controllare il tempo di caricamento della pagina dopo aver installato un nuovo plugin. Solo, in questo modo, ti assicurerà che il nuovo plugin funzioni correttamente o meno.

Tutti questi rischi possono essere gestiti semplicemente facendo poche ricerche e leggendo le recensioni. Quindi scegli e installa i plug-in testati e recensiti positivamente in modo che funzionino bene all'interno del tuo tema WordPress. Quindi, le cose sopra menzionate che devi tenere a mente quando aggiungi un plugin alla tua pagina. Questo può aiutarti ad aumentare il tasso di conversione, abbassare la frequenza di rimbalzo e ottenere più traffico di ricerca e segnali social.

Fonte di registrazione: instantshift.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More