10 grotte asiatiche che definiscono la storia e lo sviluppo umano

0

Le grotte sono apparse in opere di finzione, di volta in volta, catturando la nostra fantasia, con i segreti e i tesori nascosti in esse e le loro misteriose posizioni e ingressi. Mentre Alibaba trovava la sua fortuna con la grotta magica che si apriva al canto "Apri Sesamo!", Harry Potter si trovò di fronte a oggetti ed esseri potenzialmente letali nella Grotta di Cristallo. Nel mondo reale, ci sono anche molte grotte affascinanti e sorprendenti, e gli esseri umani hanno lasciato le loro impronte durature in tali caverne. Leggiamo alcune delle grotte asiatiche più affascinanti che definiscono la storia umana.

10 Bhimbetka Rock Shelters, India

I rifugi rocciosi di Bhimbetka, situati nello stato del Madhya Pradesh in India, sono un sito archeologico con tracce della prima vita umana in India. Alcune delle rocce dell’età della pietra dell’Asia meridionale hanno pitture rupestri di circa 30.000 anni. Coperte di fitta vegetazione e risorse naturali, le pareti delle grotte e dei rifugi recano dipinti realizzati con colori vegetali. L’arte rupestre mostra figure di animali, umani, scene di caccia, armi, danze comuni, strumenti musicali, madri e bambini, comunità agricole, simboli religiosi e divinità, ecc. Le grotte sono simili alla famosa Grotta di Lascaux in Francia, Grotta di Altamira a Spagna, ecc.

9 Sky Caves of Mustang Kingdom, Nepal

Le Sky Caves in Nepal sono chiamate così per un motivo: sono scolpite nella scogliera in una gigantesca gola himalayana, a 155 piedi da terra. Queste grotte sono scavate nella scogliera o scavate in tunnel dall’alto. Il numero di grotte è bizzarro: ci sono 10.000 di queste grotte artificiali, sistemate nelle fragili scogliere color sabbia, e sembrano un gigantesco castello di sabbia, in piedi nel mezzo di un quartiere nel cielo. Trovate nel Nepal centrale nell’ex regno di Mustang, si presume che queste grotte siano state costruite migliaia di anni fa, ma chi le ha costruite e per quale scopo sono ancora misteri archeologici. Alcune delle grotte hanno eroso murales sulle pareti.

8 Grotta Kyaut Sae, Myanmar


Questa tranquilla e misteriosa grotta in Myanmar ospita un tempio buddista. Durante il 13 ° secolo, la grotta Kyaut Sae fu utilizzata principalmente come nascondiglio dalla gente del posto dai mongoli di quel periodo. Ma, ora, la grotta ha uno scopo diverso. Sul lato di una scogliera si trova il tempio che è l’ingresso della grotta. È usato dai monaci a scopo di meditazione. Il tempo si è fermato in questa grotta meravigliosamente tranquilla. Sebbene i turisti siano i benvenuti qui, pochissimi scelgono di farlo. Forse è meglio così. La santità di un luogo così casto dovrebbe restare indisturbata. Si sa molto poco di questa bellissima grotta.

7 Grotte di Mogao, Cina


Le Grotte di Mogao o Grotte di Mogao, chiamate anche le Grotte dei Mille Buddha e le Grotte di Dunhuang, sono il più prezioso deposito di arte buddista al mondo. I suoi scavi hanno portato alla scoperta di oltre mille templi, i primi dei quali costruiti nel 366 d.C. Ci sono 492 grotte sopravvissute che ora sono ben conservate per gli affreschi e le pitture murali. Queste figure scolpite colorate vanno da più di 2000 in numero e cinque grondaie di legno sovrastano le grotte. È un archivio di circa 50.000 scritture, documenti, tessuti e altri cimeli storici e religiosi.

6 Grotte di Batu, Malesia


Sulle colline calcaree di Kuala Lumpur si trova una serie di grotte e templi rupestri chiamati Batu Caves, uno dei più famosi santuari indù situati al di fuori dell’India. È dedicato a Lord Murugan ed è il sito principale per la celebrazione del Thaipusam. La grotta del tempio contiene diversi santuari indù sotto un alto soffitto a volta, con 272 gradini di cemento che conducono a questa grotta e un gigantesco murti di Murugan Swami. Le tre grotte principali e le altre grotte più piccole, tutte riempite al rovescio con sculture religiose e dipinti raffiguranti l’induismo, offrono un’esperienza umiliante.

5 Phraya Nakhon Cave, Thailandia


La grotta Phraya Nakhon nel Parco Nazionale Khao Sam Roi Yot è un’incredibile grotta, formata nella collina calcarea della regione. La parte superiore della struttura ha un lucernario naturale, dovuto al soffitto crollato. La luce del sole filtra attraverso questa apertura, illuminando la caverna reale con due caverne. Era frequentato dai re per la sua bellezza esotica. Il padiglione Kuha Karuhas fu costruito nell’anno 1890, all’interno di questa grotta per la visita del re Chulalongkorn. Anche molti altri re hanno visitato questa maestosa grotta sin dalla sua costruzione e hanno lasciato le loro firme sulle pareti della grotta. L’aria all’interno della grotta sembra dare un senso di magnificenza e grandezza.

4 Grotta Sangeshkan, Iran


La grotta Sangeshkan o Sang Shekanan si trova nel sud della città di Jahrom in Iran, vicino al monte Alborz. La grotta è stata scavata nel mezzo della montagna da tagliatori di pietre. Ma non hanno tagliato le montagne più forti di loro con l’intenzione che le grotte portassero valori estetici o per i loro scopi ricreativi. Lo hanno fatto per poter vendere le rocce e le pietre. Ma, inavvertitamente, hanno dato alla luce la più grande grotta artigianale del mondo, che può battere la città delle grotte a Nottingham. Questa grotta è una delle più rare e grandi imprese dell’uomo nella storia dell’antico Iran.

3 Grotta di Shapur, Iran


La grotta Shapur si trova nei monti Zagros, nel sud dell’Iran, a pochi chilometri dalla città di Bishapur. La grotta con cinque terrazze ospita la colossale statua del re Shapur I (240 – 272 d.C.), il secondo sovrano dell’Impero Sassanide. La statua alta 7 metri è stata scolpita da un’unica stalagmite e si è levata in piedi con orgoglio fino a quando non è stata vandalizzata, circa 1400 anni fa, dopo l’invasione dell’Iran da parte degli arabi. Per quattordici secoli rimase a terra, spezzato e collassato, fino a quando, nel 1957, Shah Mohammad Reza Pahlavi ordinò ai militari di sollevarlo e riparargli la gamba e il braccio rotti. Entro sei mesi, la statua è stata riportata al suo antico splendore che adorna ancora una volta la grotta.

2 Grotte di Shah Allah Ditta, Pakistan


Ai piedi delle colline Margalla a sud-ovest di Islamabad si trovano, silenziosamente, le grotte con reliquie buddiste nel secolare villaggio di Shah Allah Ditta. Situate vicino al santuario e alla tomba di Shah Allah Ditta, queste grotte risalgono all’VIII secolo e contengono affreschi di Buddha sulle pareti, risalenti a circa 2.400 anni fa. Fai da te o lampade bruciate, insieme ad alberi con amuleti legati ad essi. Si ritiene che le grotte e le strutture simili a piattaforme intorno ad esse siano state utilizzate un tempo dai monaci buddisti per la meditazione, e in seguito furono utilizzate dai Sadhu indù. È un sito prezioso, non solo per il valore storico, ma anche come segno del patrimonio vicino alla città in rapida modernizzazione di Islamabad.

1 Grotte di Ajanta ed Ellora, India


Le grotte di Ajanta ed Ellora nel Maharashtra sono le grotte asiatiche più famose dell’India. Le grotte di Ajanta, risalenti al II secolo a.C. e costituite da trenta monumenti buddisti scolpiti nella pietra, contengono i migliori esempi sopravvissuti di pittura e scultura tradizionale indiana, che ruotano attorno all’arte religiosa. Le trentaquattro grotte monumentali di Ellora hanno templi scavati nella roccia, viharas e matha di indù, buddisti e giainisti, che rappresentano l’armonia religiosa durante il V-X secolo. I dipinti, gli affreschi e le sculture recano grandi dettagli e mostrano le abilità dei primi artisti.

Chen Ching Chuan, un pensionato, residente a Taiwan, ha impiegato dal 1969 al 1979 a tagliare il lato del Monte. Wandou, e ha creato una complessa rete di camere con camere minuscole, scorciatoie e tornanti senza uscita. Ora, conosciuta come la grotta cinese della luna del sole di Xian Feng Ling, rappresenta una testimonianza della determinazione e dell’immaginazione. Le impronte di uomini con idee simili sono state lasciate in un numero innumerevole di grotte in tutta l’Asia mentre le persone si sviluppavano dall’uso del linguaggio dei segni alla scrittura di scritture religiose. È nostro dovere proteggere i tesori del continente.

Fonte di registrazione: wonderslist.com

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More